Gennaio 11, 2022
Da Il Manifesto
70 visualizzazioni


Un disco che vede la luce dopo essere stato per decenni in cantina e che ci riporta a fine anni ’70, al conflitto, alle stragi e alle menzogne di Stato. I Windopen, fondati da Roberto Terzani (poi Litfiba), furono una band punk rock operativa a Bologna, un brano indimenticabile su tutti: Sei in banana dura dell’album Wind Open Rock! del 1979, da poco ripubblicato. Ora disponibile in vinile abbiamo Quando i baci erano fiocchi, una raccolta di canzoni remixate e masterizzate dopo essere state scritte e registrate in quel periodo, con un registratore a cassette a 4 piste. Proprio il primo brano, la title track, si apre con chitarre distorte e atmosfera di lacrimogeni, è la colonna sonora alle voci allarmate che si sentono sotto, quelle della trasmissione di Radio Alice (Bologna) mentre, nel 12 marzo ’77 in diretta, ci fu l’irruzione della polizia che distrusse le apparecchiature e poi chiuse la radio. I brani come Le teste dure sono d’amore e libertà, dopo l’ascolto si ritorna volentieri a far girare un disco degli Skiantos o dei Gaznevada. Indelebili mostri del punk rock italiano.




Fonte: Ilmanifesto.it