Novembre 21, 2022
Da Libertà è Partecip/Azione Diretta
194 visualizzazioni

A quel tempo, i tessuti
erano la principale industria francese e la fabbrica di seta di Lione sosteneva
la metà degli abitanti della seconda città del regno con più di 30.000 telai, così
come altri lavoratori intorno a Lione.

Questi tessitori
di Lione, o canut , erano maestri operai che possedevano i loro telai a casa e lavoravano
a casa in famiglia, con i compagni che ospitavano e nutrivano. In tempi di magra
si impiegavano principalmente donne, meno pagate, e apprendisti o ragazzi di razza,
che a Lione si chiamano rana , ancor meno pagati, mentre le travi dove il tessuto
era avvolto erano molto pesanti da trasportare. E davanti a loro, i padroni che
a Lione sono chiamati i produttori di seta ma che non fabbricano nulla. Sono infatti
commercianti, che anticipano il capitale procurandosi la materia prima e si accontentano
di passare gli ordini ai canut. La situazione di miseria e oppressione : i canut
lavoravano dalle 15 alle 18 ore al giorno (10 ore per i bambini dai 6 ai 10 anni)
per i salari di povertà. Si ammassavano in monolocali malsani. I telai Jacquard
richiedevano altezze del soffitto molto maggiori rispetto a prima, ma il più delle
volte lo spazio aggiuntivo era riempito da un soppalco (mezzanino) dove vivevano
le famiglie mentre i compagni, gli apprendisti, spesso dormivano negli armadi. Certamente
una solidarietà univa i canut che avevano costituito, sotto la guida di Pierre Charnier
e di altri attivisti dell’epoca, il movimento mutualista. L’idea delle mutue era
di prevedere scadenze per remunerare i disoccupati mediante contributi. Si prevedeva
addirittura di fondare una cooperativa di produzione che avrebbe permesso di fare
a meno dei serici, che vivevano nell’opulenza … Ma non eravamo ancora lì.

La rivolta è in fermento.

Dal gennaio 1831
sorse una certa agitazione. Si organizzano raduni in diverse parti della città per
chiedere lavoro e pane. Nell’aprile-giugno 1831 si diffondono le idee di Saint-Simon
e di Fourier, evocando l’oppressione dei ricchi, i misfatti della concorrenza aggravata,
l’ingiustizia sociale. A poco a poco, si percepisce una coscienza di classe.

Il 18 ottobre il
prefetto Bouvier-Dumolard è preoccupato. 8.000 canut eleggono “commissari”
che formano una commissione che chiede una tariffa e dà un indirizzo al prefetto:
“È giunto il momento in cui, cedendo alla necessità imperativa, la classe
operaia deve e vuole cercare di porre fine alla sua miseria”. Il 25 ottobre
il prefetto ha convocato un nuovo incontro con i delegati dei canut e dei setaioli.
Ma contemporaneamente 6.000 canut, capi officina e compagni, provenienti da tutte
le periferie, si radunano e sfilano, per le strade di Lione fino a davanti al prefettura,
.
Viene firmato un accordo e stabilità una tariffa congiuntamente entra in vigore
il 1° novembre. Ma la maggior parte dei produttori si rifiuta di applicare la tariffa
e persino il governo, che disconosce l’atteggiamento del prefetto. Vedendosi ingannati,
esasperati dall’intransigenza delle manifatture, i canut perdono la pazienza e vogliono
attaccare la rue des Capucins, l’industria della seta. Aspettano fino al 20 novembre
quando decidono di non tornare al lavoro e di tornare a manifestare in massa davanti
alla prefettura . La situazione è esplosiva perché questo stesso 20 novembre si
svolge una rassegna con il generale Ordonneau della guardia nazionale dei distretti
della penisola.

21 novembre 1831.

Dall’alba, un’agitazione
febbrile si diffonde a tutta la popolazione di Croix-Rousse. La maggior parte degli
scambi viene interrotta. Più di mille lavoratori si sono riuniti sull’altopiano
della Croix-Rousse, con l’intenzione di imporre l’applicazione delle nuove tariffe.
Diecimila aspettano in Place Bellecour. E ce ne sono centinaia a La Guillotière.

Si formano i cortei,
si gonfiano di ora in ora, i tamburi battono il richiamo. I Canut si precipitano
a pugni nudi, inghiottendo i pendii, costringendo le autorità presenti a ritirarsi
anticipatamente. Ovviamente la guardia nazionale della Croix-Rousse, dove dominano
i canut, non intende opporsi all’azione dei lavoratori. Le scaramucce hanno avuto
luogo in vari punti dell’altopiano e in particolare in cima alla Grand’côte, in
rue Bodin, ma gli operai hanno mantenuto il controllo costruendo numerose barricate.
Il sindaco facente funzione ordina a Ordonneau di intervenire. I canut alla testa
del corteo sventolano una bandiera nera su cui alcuni hanno scritto questo famoso
motto: “VIVERE LAVORANDO O MORIRE COMBATTENDO”.

Si imbattono in un gruppo
in fondo alla Grand’côte (la rue des Capucins è l’industria della seta). Scoppiano
dei colpi e gli uomini cadono. I manifestanti reagiscono con le poche armi a loro
disposizione, soprattutto alcuni bastoni e pale.

Da ogni finestra
le massaie gridano ” Alle armi, alle armi, le autorità vogliono assassinare
i nostri fratelli”. “Da ogni casa escono combattenti armati di pale, picconi,
bastoni e oggetti di scena per i loro telai, gridando:”Pane o piombo! “Chi
non ha armi porta i ciottoli ai piani alti delle case o sui tetti dai quali strappano
le tegole. Barricate con carri salivano rapidamente ai quattro angoli della penisola
formando di volta in volta altrettanti posti di blocco. Canuts disarma la guardia
nazionale della Croix-Rousse e batte la sveglia per una chiamata generale alle armi.
Costruiscono nuove barricate con l’aiuto di donne e bambini. La battaglia diventa
feroce. È il panico generale al Comune e alla Prefettura. Il generale Roguet sta
cercando di demolire alcune barricate. Il prefetto, che invita le ” persone
oneste ” a non farsi coinvolgere nel movimento dei ” cattivi sudditi “,
decide di andare in battaglia con il generale Ordonneau il prefetto e Ordonneau
vengono presi in ostaggio. Gli operai riuscirono in due giorni a impadronirsi militarmente
della città, abbandonata dal generale François Roguet, comandante della divisione,
e dal sindaco Victor Prunelle.In seguito alla decisione presa dal presidente del
consiglio Casimir Pierre Périer, circa la necessità di una reazione energica, il
maresciallo Soult, accompagnato dal duca d’Orléans, partì per Lione alla testa di
un’armata di 20.000 uomini, che penetrò in città il 3 dicembre, riuscendo a ristabilire
l’ordine a prezzo di 190 morti e 10.000 prigionieri.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com