Luglio 28, 2022
Da Infoaut
235 visualizzazioni

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Tomás Pérez Revilla arriva a Ipar Euskal Herria nel 1981. Dopo essere stato costretto a fuggire da Bilbao e aver soggiornato in diverse zone dello Stato francese e persino dell’America Latina, Tomasón si stabilisce a Biarritz in cerca di rifugio. Lì trascorse i suoi ultimi anni, fino a quando una motobomba piazzata dal GAL pose fine alla sua vita.

A causa di problemi di salute, Tomasón condusse una vita tranquilla. Cosa non facile, vista la situazione di continua angoscia vissuta dai profughi baschi in quegli anni. Ogni pomeriggio usciva di casa per bere qualche birra con i colleghi al bar Batzoki (Donibane Lohitzune).

Ma il 15 giugno 1984 non era un giorno qualunque. Tomás esce di casa prima del solito, alle 17:30, diretto al bar Batzoki. Quel giorno, il compagno Román Orbe entrò nell’interno del bar con la faccia completamente pallida. Il suo amico Juan Luis Lekuona Kattu è stato ucciso a Hernani dopo uno scontro con la Guardia Civile. Nel tentativo di rassicurarlo, Tomás e un altro rifugiato portano Roman al bar Le Haou di Biarritz.

Tomás e Román rimangono soli al bar. Dopo aver finito la loro birra, se ne vanno con l’intenzione di fare una passeggiata. Ma, appena fuori dal bar, all’incrocio tra rue Gambetta e rue Carnot, una moto parcheggiata esplode, provocando gravi ustioni.

Dopo l’attacco, Roman Orbe riuscì a sopravvivere. Tomás, invece, è morto il 28 luglio nel reparto ustionati dell’ospedale di Bordeaux a causa delle gravi ustioni che aveva sul corpo. L’attacco è stato rivendicato dal GAL. I mercenari Jean Philippe Labade, Patrick de Carvalho, Roland Sampietro e Jean Pierre Bounin furono arrestati il ​​giorno successivo accusati di aver compiuto l’attacco. Nel 1988 la Francia condannò i primi due all’ergastolo e Sampietro a 20 anni. Bounin è stato assolto.

Il 21 marzo 1976, Tomas era già scampato ad un agguato nel quartiere Urdazuri della cittadina di Donibane Lohitzune, mentre tornava a casa in compagnia della moglie, Feli Ziluaga, e del loro figlio, Haritz, di meno di 2 anni, il veicolo su cui viaggiavano è stato mitragliato da un altro veicolo apparentemente occupato da quattro sconosciuti. A causa del mitragliamento, Feli è stato ferito e ha impiegato 16 mesi per guarire.

Quell’attacco del 1976, secondo le informazioni pubblicate, sarebbe stato compiuto da neofascisti italiani che agivano per conto dei servizi segreti spagnoli. Viene inoltre indicato che gli aggressori hanno utilizzato due mitragliatrici Imgran M-10, fornite dai servizi di informazione spagnoli.

Giuseppe Calzona è stato arrestato da agenti di polizia e secondo la documentazione trovata su di lui avrebbe riconosciuto il suo coinvolgimento nell’attentato, nonché i suoi legami con la polizia spagnola.

ETA.jpg

Intervista a Roman Orbe

“Román Orbe ci riceve a casa sua, alla periferia di Bidart. Si tratta di una graziosa casetta con un piccolo giardino esterno che il rifugiato di Vizcaya e Corinne, sua moglie, hanno potuto acquisire grazie al risarcimento che il primo ha ricevuto a causa dell’infezione da HIV.

Infatti, durante la sua degenza in ospedale a Bordeaux, dove fu evacuato dopo l’attentato subito a Biarritz il 15 giugno 1984, Orbe divenne, suo malgrado, un’altra vittima del cosiddetto “scandalo del sangue contaminato”. La trasfusione gli ha inoculato il virus che causa l’AIDS.

Il 15 giugno 1984 iniziò con una notizia che gli causò grande costernazione…

Quel giorno, prima delle sei del mattino, ho perso un amico, Kattu (Jose Luis Lekuona), morto con Txuria (Agustin Agirre) in un’operazione della Guardia Civile a Hernani. E prima delle sei del pomeriggio, l’attacco ha avuto luogo.

D: Dove e come si è verificato esattamente?

R: Ho lavorato per Precimecan. Quando ho lasciato il lavoro, ho incontrato Tomás Pérez Revilla al bar di Jano. Poi siamo andati al bar a circa 150 metri di distanza.

D: Non eri solo…

R: Era venerdì e di solito c’era gente nei bar di Biarritz. Ma, in effetti, c’era un altro tipo di compagnia. Sulla strada per Du Haou abbiamo visto alcune macchine che giravano nella zona… e se conosci la zona, tra Carnot e Ganbetta, con indicazioni vietate e così via, il percorso è breve. Sentivamo che qualcosa poteva succedere.

D: La comunità dei rifugiati è stata presa di mira dai GAL. Eri protetto? Dico questo perché c’è molta insistenza sul fatto che gli attacchi siano avvenuti in luoghi pubblici, bar…

R: Sì, abbiamo preso delle precauzioni, ci muovevamo accompagnati. Come dettaglio, ti dirò che quando me ne andavo, di solito lo facevo più tardi, dopo le 20, Tomás, quando se ne andò mi chiese di accompagnarlo anche perché era malato di cancro. Ebbene, quel giorno ci siamo incontrati alle 17.30, un orario insolito, ed è chiaro che ci stavano aspettando.

D: Com’era il modus operandi?

R: Siamo usciti in strada e sul marciapiede su cui stavamo camminando, proprio accanto alla finestra del bar, c’era una moto che, come abbiamo poi appreso dalla testimonianza del proprietario del locale, era stata parcheggiata a mezzogiorno. L’esplosione ci ha colpito duramente.

Non c’è dubbio sull’intenzionalità perché la bomba è stata attivata a distanza dagli autori dell’attacco, nascosta in un veicolo vicino. Da quanto emerso nel processo, in precedenza c’era stato un tentativo fallito; Dai, hanno premuto il pulsante e non ha funzionato. In ogni caso, ci sono riusciti nel secondo. La bomba è esplosa. Ricordo di aver toccato terra, ma come una molla, mi sono subito alzato in piedi. E c’era il fotografo…

D: Il settimanale Paris-Match pubblicherà le tue immagini sulla scena dell’esplosione giorni dopo.

R: È stata quella persona che ha fatto le immagini. L’ho bloccato nella mia memoria. Quando mi sono alzato l’avevo proprio davanti a me. È l’immagine più nitida nella mia memoria. Non l’ho mai più visto, è piuttosto strano.

D: Come testimone d’eccezione, non era nella ricostruzione dei fatti prima del processo?

R: Sono stato portato fuori dall’ospedale di Dax, dove mi stavo riprendendo, per partecipare alle prove del processo. C’erano mercenari, ma nessuna traccia del fotografo. Io non c’ero al processo, ma non ho notizie che ci fosse nemmeno lui.

D: Con i vostri corpi bruciati, tu e Pérez Revilla tornate di corsa al bar di Jano…

R: Avevamo paura che quando avessero visto che eravamo vivi, ci avrebbero finiti. C’era un medico in pensione nel bar di Jano che ci ha dato il primo soccorso. Ci hanno subito portati all’ospedale di Bayonne, e da lì siamo stati evacuati in elicottero, prima io e poi Thomas, a Bordeaux.

D: Hai avuto modo di parlare con lui durante la tua degenza all’ospedale di Bordeaux?

R: L’ho incontrato e non dimenticherò mai le sue parole. Con quella voce roca mi disse: “Questa volta sono riusciti a sbarazzarsi di me…. “. Era sopravvissuto a un attacco anni prima. Anche io, come tanti altri, ho avuto un colpo di fortuna.

D: E iniziò il suo lungo viaggio in ospedale…

R: Sono stato a Bordeaux per tre mesi, da giugno a fine settembre.

D: Durante quel periodo, Pérez Revilla morì in ospedale.

R: Non sono stato informato al momento della sua morte, ma un giorno mi sono reso conto che il personale dell’ospedale mi impediva di guardare la televisione e ho subito pensato che fosse successo qualcosa di brutto.

D: Da Bordeaux a Dax…

R: Da Bordeaux sono stato portato a Dax, sì, dove sono stato fino al gennaio dell’85 per riabilitazione. E poi un altro anno a Biarritz, a lottare per riprendersi.

Ha una lunga lista di interventi chirurgici alle spalle.

21 interventi, se non sbaglio. L’ultimo, intorno al 2008, è stato quello di rimuovere un sacco di pus dalla mia schiena, apparentemente causato dalle pillole che stavo prendendo per la malattia.

D: Ti riferisci all’HIV.

R: Mentre ero a Bordeaux, ho ricevuto trasfusioni da 24 sacche di sangue contaminate dal virus che causa l’AIDS.

D: Tuttavia, le conseguenze sono apparse molto più tardi.

R: L’ho saputo grazie a Corinne, che, appena si è saputo delle trasfusioni, ha insistito mille volte perché mi facessi il test. Mi hanno dato quattro mesi di vita, la malattia era avanzata.

Nuovo ostacolo. Senza documenti, non c’è trattamento. Per tutto questo, rimani senza la ricevuta o il “salvacondotto” concesso dalle autorità francesi ai profughi baschi.

Ecco perché Bordeaux in un primo momento non ha voluto darmi l’autorizzazione per poter ricevere i farmaci contro l’AIDS, anche se ho potuto ottenere le pillole, diciamo con l’aiuto umano, di cui sarò sempre grato. Alla fine ho ricevuto i documenti e sono stato in grado di trattarmi normalmente.

D: Hai anche ricevuto un risarcimento dallo stato …

R: Ho ricevuto (182.900 euro), con i quali abbiamo potuto acquistare questa casa. Nel ’96 io e Corinne ci siamo sposati, perché siccome mi era stata data poca speranza di vita, temevo che un giorno lo Stato sarebbe rimasto con il 60% del valore della casa e mia moglie senza casa. Per fortuna non sono morto, e anche se ho problemi – ora anche problemi ai reni – dovuti alle cure, spero e voglio vivere a lungo.

D: Il suo attacco è stato uno dei pochi casi di GAL pervenuti ai tribunali.

R: La polizia francese ha arrestato gli autori in poche ore…

Tuttavia, c’è stato il tentativo di lanciare una versione di un “aggiustamento dei conti” all’interno dell’ETA, versione già emersa in altri casi come la scomparsa di “Pertur”.

Qualcosa di assurdo. Si sapeva fin dall’inizio che erano i mercenari del GAL.




Fonte: Infoaut.org