Gennaio 20, 2023
Da Notav
101 visualizzazioni

“Mentre assistiamo alla distruzione delle possibilità di vita sulla terra, siamo sempre di più a sentirci bloccati dalla confusione, dalla rabbia e dall’assenza di prospettiva comune. Che aspettarsi dall’ennesima COP se non una lista sempreverde di promesse elettorali? Solo un cambiamento radicale – una sollevazione – potrebbe permettere di bloccare il riscaldamento globale e la sesta estinzione di massa che è già in corso”. È con queste parole che si presentano i Sollevamenti della terra, una rete di attiviste/i francesi che sta dando filo da torcere al governo da ormai due anni prendendo di mira in particolare l’agroindustria e i grandi progetti che consumano suolo.

Il movimento funziona mettendo in comune energie e risorse in campagne tematiche semestrali in cui da tutta la Francia e oltre ci si coordina per fare massa critica e dare manforte alle resistenze locali. I Sollevamenti della terra sono un esperimento nuovo all’interno del movimento ecologista francese che sta riuscendo a mettere insieme la “generazione Greta” e i mille comitati che si battono contro la distruzione dell’ecosistema.

Ci hanno chiesto di venire a vedere cosa succedeva al di là delle alpi e abbiamo deciso di invitarli in valle per un momento di scambio assieme anche agli amici della Maurienne in lotta contro il mostro del TAV. Come i notav sanno bene, resistenza climatica, territoriale e contadina s’intrecciano: “tra la fine del mondo e la fine del LORO mondo non c’è alternativa”!

Ci vediamo DOMENICA 29 GENNAIO 2023 alle ore 12 al polivalente di San Didero per un pranzo condiviso coi Sollevamenti della terra a cura di “agnolotti per tutti i gusti” benefit Cassa di resistenza.
Mentre la sera alle ore 19 alla Credenza di Bussoleno per un apericena à la française & proiezione di “Cartoline dalla ZAD”.

(Per info e prenotazioni: [email protected]
Maurizio 3456979106 / Mimmo 3472782814)




Fonte: Notav.info