Settembre 29, 2022
Da Libertà è Partecip/Azione Diretta
214 visualizzazioni

Dopo il massacro di civili compiuto a Sant’Anna di Stazzema
compiuto dalle SS il 12 agosto 1944, gli eccidi nazifascisti ai danni delle popolazioni
lungo la linea gotica hanno un momentaneo arresto. Il maresciallo Albert Kesserling,
comandante della cosiddetta “campagna d’Italia” contro gli alleati, continua
però, anche nei mesi successivi, ad avere l’incubo di quei ribelli italiani che,
saliti in montagna dapprima con mezzi di fortuna, stanno di fatto tenendo in scacco
il grande esercito tedesco all’interno dei confini della Repubblica di Salò: comanda
alle truppe di lasciare “terra bruciata” alle proprie spalle e, quando
viene informato che a Marzabotto e nei comuni limitrofi la divisione partigiana
Stella Rossa continua a mietere vittime e ad operare sabotaggi, ordina la rappresaglia.

Capo dell’operazione viene nominato il maggiore Walter
Reder, chiamato “il monco”, poiché aveva perso un braccio durante una
battaglia a Charkov, sul fronte orientale, ed era considerato uno “specialista”
in materia di rappresaglie contro civili e popolazione inerme.

Durante il mese di settembre le truppe al comando di
Reder si spostano dalla Versilia alla Lunigiana e al bolognese, lasciando dietro
di sé una scia insanguinata di almeno tremila persone uccise.

La mattina del 29 settembre ha inizio quella che verrà
ricordata come la “strage di Marzabotto”, anche se in realtà i comuni
interessati sono molti. Prima di muovere l’attacco ai partigiani, le SS accerchiano
e rastrellano numerosi paesi: in località Caviglia i nazisti interrompono in una
chiesa durante la recita del rosario e sterminano tutti i presenti (195 persone,
tra cui 50 bambini) a colpi di mitraglia e bombe a mano, a Castellano uccidono una
donna e i suoi sette figli, a Tagliadazza vengono fucilati undici donne e otto bambini,
a Caprara le persone uccise sono 108.

Le truppe si avvicinano ai centri abitati più grandi,
Marzabotto, Grizzano e Vado di Monzuno e sulla strada ogni casolare, ogni frazione,
ogni località vengono rastrellate: nessuno viene risparmiato.

Anche nei comuni lo sterminio procede senza sosta; sono
distrutti 800 appartamenti, una cartiera, un risificio, strade, ponti, scuole, cimiteri,
chiese, oratori, e tutti coloro che sono rastrellati vengono messi in gruppo, spesso
legati, e bersagliati da raffiche di mitra, che vengono sparate in basso per avere
la certezza di colpire anche i bambini.

L’azione procede per sei giorni, fino al 5 ottobre: i
partigiani della Stella Rossa tentano invano di contrastare la ferocia nazista,
ma perdono il proprio comandante, Mario Musolesi, durante uno dei primi combattimenti,
e comunque non dispongono delle armi e dei mezzi necessari per far fronte alle attrezzatissime
truppe delle SS.

Al termine della rappresaglia si contano, in tutta la
zona del Monte Sole, circa 1830 morti, mentre pochissimi sono i sopravvissuti, che
sono riusciti a nascondersi, o che sono rimasti per giorni sepolti sotto i corpi
dei propri vicini, dei propri familiari.

Tra i caduti, 95 hanno meno di 16 anni, 110 ne hanno
meno di 10, e 45 meno di due anni; la vittima più giovane si chiama Walter Cardi,
e aveva appena due settimane.

Al termine della guerra il maggiore Reder fuggirà in
Baviera, dove verrà catturato dagli americani: sarà estradato in Italia e, nel 1951,
verrà condannato all’ergastolo. Nel 1985 verrà graziato, grazie all’intercessione
del governo austriaco, e si trasferirà in Austria, dove morirà senza aver mai mostrato
alcun segno di rimorso.

Rimarrà comunque in ombra, in sede processuale, il ruolo
di decine e decine di ufficiali e soldati delle SS, i veri e propri esecutori della
strage, seppur l’identità di una parte dei responsabili sarà nota alla magistratura,
che spesso deciderà di non dar seguito all’azione penale per motivi di opportunità
politica internazionale.

Nel 1961 verrà edificato un sacrario, che raccoglie i
corpi di 782 delle vittime della strage.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com