Giugno 5, 2021
Da Infoaut
41 visualizzazioni


Nel 2013 Clement Meric, militante antifascista parigino di soli 18 anni, veniva assassinato da un gruppo di fascisti.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

A giugno, come ogni anno, l’Action Antifasciste Paris-Banlieue rende omaggio a ClĂ©ment MĂ©ric:” Siamo orgogliosi di aver avuto ClĂ©ment come compagno. Ricordare l’attualitĂ  delle sue lotte, nelle strade ed altrove, Ăš per noi un modo per continuare a ricordarlo”. Nel 2012 si era appena trasferito a Parigi per studiare a Scienze Politiche. LĂŹ si Ăš unito a Solidaires Ă©tudiants ed Ăš diventato un militante in universitĂ . Da militante antifascista nella sua cittĂ  natale, Brest, si Ăš poi avvicinato alla scena antifascista parigina, dove ha incontrato l’AFA, di cui fanno parte militanti rivoluzionari, giovani sindacalisti e ultras della curva Auteuil del Paris Saint-Germain, con cui ClĂ©ment ha stretto rapidamente amicizia. Per quasi un anno ha militato al loro fianco, a Parigi e nelle periferie della cittĂ , per non lasciare le strade ai fascisti e alle forze di polizia, con i collettivi dei quartieri popolari che si organizzano per chiedere veritĂ  e giustizia per tutti i giovani ammazzati dalla polizia, e contro ogni forma di oppressione e discriminazione.

La lotta comune lo ha portato a quel giorno del 5 giugno 2013, a sei anni fa, quando ClĂ©ment ha incrociato alcuni skinheads neonazisti che indossavano magliette con simboli nazisti e slogan razzisti. Erano membri del piccolo gruppo Third Way, guidato da Serge Ayoub, spesso e volentieri immischiato in casi di omicidi razzisti e di attacchi a militanti antifascisti. Quel giorno ClĂ©ment fu riconosciuto come militante antifascista ed Ăš per questo che fu preso di mira, preso a pugni in faccia con il tirapugni e lasciato a terra privo di sensi. ClĂ©ment Ăš morto perchĂ© si Ăš rifiutato di abbassare gli occhi. Dopo la sua morte avvenuta il 6 giugno, si Ăš dovuto far fronte a un’ondata di menzogne. Prima di tutto da parte dell’estrema destra, che ha riportato le versioni degli imputati e ha cercato di far passare ClĂ©ment per l’aggressore nell’agguato. Poi da parte dei media di destra, che hanno cercato di depoliticizzare la morte di ClĂ©ment relegandola ad una semplice rissa tra bande andata male. Da parte loro, la stampa e i politici di sinistra hanno cercato invece di recuperare l’immagine di ClĂ©ment, di farne la vittima di un nemico comune e la figura dell’antifascista al servizio della RĂ©publique, in lotta contro un razzismo essenzialmente morale, incarnato soltanto dall’estrema destra e dal Front National. La stampa ha cosĂŹ creato un’immagine borghese che si distanzia dalla realtĂ  sociale in cui agiva Clement . Vogliamo insistere sul tentativo di recuperare questo evento, perchĂ© questo Ăš stato seguito da una demonizzazione della figura dell’ “antifa”. Lo abbiamo visto nel 2014, durante le manifestazioni vietate pro Gaza e contro l’imperialismo. Lo Ăš stato ancora quando abbiamo combattuto contro la violenza della polizia a fianco delle famiglie delle vittime e degli abitanti dei quartieri popolari e quando abbiamo combattuto contro il razzismo di Stato, o contro il prolungamento dello stato di emergenza, che in particolare ha portato una nuova ondata islamofobica. Poi nel 2016, durante il movimento contro la Loi travail, quando l’AFA si Ăš ritrovata di nuovo al centro dell’attenzione mediatica e politica, per la sua presenza nel “cortĂšge de tĂȘte” (la testa del corteo, la parte piĂč offensiva ndt), dove abbiamo partecipato dando impulso alle dinamiche di autodifesa di fronte ai ripetuti attacchi della polizia.Questi compagn* hanno contribuito attivamente a rendere impossibile la presenza dei fasci all’interno del movimento Gilets jaunes.

Come afferma l’AFA nel giugno 2020:

“Nella lotta contro l’estrema destra, le istituzioni sono un’esca. Non solo perchĂ© lo Stato repubblicano, che si pone come baluardo contro il fascismo, ne Ăš in realtĂ  il suo principale promotore. Ma perchĂ©, come abbiamo visto fin dalle prime settimane del movimento dei Gilets jaunes, l’attivismo neofascista, che arriva fino all’aggressione fisica, non trova limiti se non in ciĂČ che possiamo mettere noi nelle strade – con la forza e con la dissuasione.

Siamo militanti politici e, per noi, le responsabilitĂ  non sono legali, ma prima di tutto politiche. Durante il processo agli assassini di ClĂ©ment nel settembre 2018, che Ăš stato un momento di veritĂ  molto importante per la famiglia di ClĂ©ment, di fronte agli imputati e ai loro avvocati che cercavano di depoliticizzare il caso Ăš stato necessario ricordare che se Clemente Ăš morto, Ăš stato perchĂ© era un militante antifascista. In quell’occasione abbiamo messo sotto accusa il sistema che alimenta e rafforza queste frange reazionarie. ClĂ©ment aveva scelto da che parte stare ed Ăš da quella parte che noi continuiamo la lotta e che accusiamo, nelle strade, i fascisti, il capitale e lo Stato”.

“Clément MĂ©ric 7 ans aprĂšs, On n’oublie pas On pardonne pas”:




Fonte: Infoaut.org