Giugno 8, 2021
Da Infoaut
19 visualizzazioni


Cochise nacque intorno al 1810, nel sud-est dell’Arizona o nel nord-ovest di Sonora, in Messico. Era destinato a essere un capo: suo padre, molto probabilmente un uomo di nome Pisago Cabezón, era il capo della banda Chokonen, una delle quattro bande della tribù degli Apache. Cochise aveva almeno due fratelli minori, Juan e Coyuntura (o Kin-o-Tera), e una sorella minore. Come è tradizione, Cochise ha ricevuto il suo nome Goci da giovane adulto, che in lingua apache significa “il suo naso”. Cochise non ha scritto lettere. La sua vita è stata documentata durante una serie di interviste condotte durante la fine della sua vita.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Gli Apache seguivano uno stile di vita tradizionale di caccia e raccolta che completarono con incursioni quando caccia e raccolta da soli non potevano sfamare le loro famiglie. Le incursioni hanno comportato l’attacco ai ranch e le imboscate ai viaggiatori per rubare le loro provviste. Le incursioni erano violente e spesso lasciavano le vittime ferite o uccise. I ragazzi del mondo Apache iniziavano ad allenarsi nell’uso dell’arco e delle frecce all’età di sei o sette anni. Giocavano a giochi che enfatizzavano velocità e agilità, forza fisica e forma fisica, autodisciplina e indipendenza. A 14 anni, Cochise probabilmente iniziò ad allenarsi come guerriero, iniziando come novizio (dikhoe) e praticando gare di arco e frecce e gare a piedi. I giovani svolgevano il ruolo di “tirocinante” nelle loro prime quattro incursioni. Durante il primo raid, eseguirono mansioni umili del campo, come rifare i letti, cucinare e fare la guardia. Dopo aver completato il suo quarto raid, Cochise sarebbe stato considerato un adulto. Al tempo della giovinezza di Cochise, il clima politico dell’Arizona sudorientale e del Sonora nord-orientale era abbastanza tranquillo. La regione era sotto il controllo degli spagnoli, che avevano combattuto con gli Apache e altre tribù della regione, ma stabilirono una politica che portò una sorta di pace. Gli spagnoli miravano a sostituire le incursioni degli Apache con la fornitura di razioni da avamposti spagnoli stabiliti chiamati presidios. Questa era un’azione deliberatamente pianificata da parte degli spagnoli per sconvolgere e distruggere il sistema sociale Apache. Le razioni erano mais o frumento, carne, zucchero di canna, sale e tabacco, così come armi di qualità inferiore, liquori, vestiti e altri oggetti progettati per rendere i nativi americani dipendenti dagli spagnoli. Ciò portò la pace, che durò quasi quarant’anni, fino quasi alla fine della rivoluzione messicana nel 1821. La guerra impoverì seriamente le tesorerie, il razionamento si interruppe lentamente e scomparve del tutto quando i messicani vinsero la guerra. Di conseguenza, gli Apache ripresero le loro incursioni e i messicani si vendicarono. Nel 1831, quando Cochise aveva 21 anni, le ostilità erano così estese che, a differenza dei tempi precedenti, quasi tutte le bande apache sotto l’influenza messicana parteciparono a incursioni e conflitti. La prima battaglia a cui Cochise probabilmente partecipò potrebbe essere stata la battaglia di tre giorni dal 21 al 23 maggio 1832, un conflitto armato di Chiricahuas con le truppe messicane vicino ai Monti Mogollon. Trecento guerrieri guidati da Pisago Cabezón hanno perso dopo l’ultima battaglia di otto ore contro 138 uomini messicani guidati dal capitano Jose Ignacio Ronquillo. Gli anni successivi furono punteggiati da numerosi trattati firmati e infranti; le incursioni si arrestarono e ripresero. Nel 1835, il Messico mise una taglia sugli scalpi degli Apache e assunse mercenari per massacrarli. John Johnson era uno di quei mercenari, un anglo che viveva a Sonora. Gli fu concesso il permesso di rintracciare gli “ostili” e il 22 aprile 1837 lui ei suoi uomini fecero un’imboscata e massacrarono 20 Apache e ne ferirono molti altri . Cochise non era probabilmente presente, ma lui e altri Apache cercarono vendetta. Alla fine del 1830, Cochise sposò Dos-teh-seh (“qualcosa al fuoco già cotto”). Era la figlia di Mangas Coloradas, che guidava la band Chihenne Apache. Cochise e Dos-teh-seh ebbero almeno due figli: Taza, nato nel 1842, e Naiche, nato nel 1856. La sua seconda moglie, che era della banda Chokonen ma il cui nome non è noto, gli diede due figlie all’inizio degli anni ’60 del XIX secolo: Dash-den-zhoos e Naithlotonz.

Secondo l’usanza Apache, gli uomini vivevano con le loro mogli dopo il matrimonio. Molto probabilmente Cochise ha vissuto con il Chihenne da sei a otto mesi. Tuttavia, era diventato un leader importante nella banda di suo padre, quindi presto tornò a Chokonen.

All’inizio del 1842, il padre di Cochise – Pisago Cabezón, leader dei Chokonen – era pronto a firmare un armistizio con i messicani. Il suocero di Cochise – Mangas Coloradas, leader del Chihinne – non era d’accordo. Un trattato fu firmato il 4 luglio 1842, con gli Apache promettendo di cessare tutte le ostilità e il governo messicano acconsentiva a fornire loro le razioni. Questa pace non sarebbe durata a lungo. Nel maggio del 1843, le truppe messicane a Fronteras assassinarono sei uomini Chokonen senza una ragione apparente. Alla fine di maggio, altri sette uomini chiricahua sono stati assassinati nel Presidio di Fronteras. Per rappresaglia, Mangas e Pisago attaccarono Fronteras, uccidendo due cittadini e ferendone un altro. Nel 1844, le condizioni tra le bande di Apache nella regione erano peggiorate drasticamente. Il vaiolo è arrivato in autunno e l’offerta di razioni per le comunità è diminuita drasticamente. Mangas Coloradas e Pisago Cabezón tornarono sulle montagne nel febbraio 1845, e da lì condussero diverse incursioni su Sonora. Cochise avrebbe partecipato a queste incursioni.

Nel 1846, James Kirker, un mercenario autorizzato dal governo messicano, decise di uccidere quanti più Apache possibile. Il 7 luglio, sotto la protezione di un trattato, ospitò una festa a Galeana (nell’attuale stato di Chihuahua in Messico) per 130 Chiricahua, e poi li fece picchiare a morte la mattina. Fu un momento mal scelto, perché nell’aprile di quell’anno erano scoppiati i combattimenti tra Stati Uniti e Messico e il Congresso dichiarò guerra al Messico a maggio. Gli Apache avevano una nuova e pericolosa fonte di appoggio, ma erano giustamente diffidenti nei confronti degli americani. Nel dicembre del 1847, un gruppo di guerra di Apache attaccò il villaggio di Cuquiarachi a Sonora e uccise otto uomini e sei donne e catturò sei bambini. Il febbraio successivo, un grande gruppo di Apache ha attaccato un’altra città chiamata Chinapa, uccidendo 12 uomini, ferendone sei e catturandone 42, per lo più donne e bambini. Per tutta l’estate del 1848, la banda di Chokonen portò avanti un assedio al forte di Fronteras. Il 21 giugno 1848, Cochise e il suo capo Chokonen Miguel Narbona guidarono un assalto a Fronteras, Sonora, ma l’attacco andò storto. Il cavallo di Narbona fu ucciso dal fuoco dei cannoni e Cochise fu catturato. È rimasto prigioniero per circa sei settimane e il suo rilascio è stato ottenuto solo con lo scambio di 11 prigionieri messicani. A metà degli anni 1850 Miguel Narbona morì e Cochise divenne il capo principale della banda. Per alcuni anni, gli Apache mantennero una tenue pace con gli americani, che ora fornivano loro le razioni di cui avevano bisogno. All’inizio di febbraio 1861, il tenente americano George Bascom incontrò Cochise ad Apache Pass e lo accusò di aver catturato un ragazzo che era stato effettivamente preso da altri Apache. Bascom invitò Cochise nella sua tenda e gli disse che lo avrebbe tenuto prigioniero fino al ritorno del ragazzo. Cochise estrasse il coltello, tagliò la tenda e scappò sulle colline vicine. Per rappresaglia, le truppe di Bascom catturarono cinque membri della famiglia di Cochise e quattro giorni dopo Cochise attaccò, uccidendo diversi messicani e catturando quattro americani che offrì in cambio dei suoi parenti. Bascom rifiutò e Cochise uccise i suoi prigionieri, lasciando che i loro corpi fossero ritrovati. Bascom ha reagito impiccando il fratello di Cochise, Coyuntura, e due nipoti.

Cochise divenne il capo dominante degli Apache Chiricahua, sostituendo i Mangas Coloradas. La rabbia di Cochise per la perdita dei membri della sua famiglia portò a un sanguinoso ciclo di vendette e ritorsioni tra gli americani e gli Apache per i successivi 12 anni, noto come le Guerre di Cochise. Per la prima metà degli anni ’60 dell’Ottocento, gli Apache mantennero roccaforti sulle montagne del Dragoon, muovendosi avanti e indietro attaccando allo stesso modo allevatori e viaggiatori e mantenendo il controllo dell’Arizona sud-orientale. Ma dopo la fine della guerra civile americana, un massiccio afflusso di soldati statunitensi mise gli Apache sulla difensiva. Verso la fine degli anni 1860, la guerra continuò sporadicamente. L’evento peggiore fu un’imboscata e un massacro da parte degli Apaches of the Stone nell’ottobre del 1869. Era probabilmente nel 1870, quando Cochise incontrò per la prima volta Thomas Jeffords (“Red Beard”), che sarebbe diventato il più stretto amico bianco di Cochise e svolse un ruolo significativo nel portare la pace nel sud-ovest americano. Il 1 ° ottobre 1872, furono stabiliti veri sforzi di pace in un incontro tra Cochise e il generale di brigata Oliver Otis Howard, facilitato da Jeffords. I negoziati sul trattato includevano la cessazione delle ostilità, comprese le incursioni tra gli Stati Uniti e gli Apaches, il passaggio sicuro dei suoi guerrieri alle loro case e la creazione di una riserva Chiricahua Apache di breve durata, situata inizialmente nella Sulphur Spring Valley in Arizona. Non era un accordo sulla carta, ma tra due uomini di principi che si fidavano l’uno dell’altro.

Il 1 ° ottobre 1872 il generale di brigata Otis Howard stipulò un accordo di pace duraturo con Cochise. Tuttavia, l’accordo non includeva la cessazione delle incursioni in Messico. Alle truppe americane a Fort Bowie fu proibito di interferire con le attività dei Chokonen in Arizona. I Chokonen mantennero i termini del trattato per tre anni e mezzo, ma continuarono a condurre incursioni a Sonora fino all’autunno del 1873.

Cochise si ammalò nel 1871, probabilmente affetto da cancro addominale. Ha incontrato Tom Jeffords per l’ultima volta il 7 giugno. In quell’ultimo incontro Cochise ha chiesto che il controllo della sua tribù fosse passato a suo figlio Taza. Voleva che la tribù vivesse in pace e sperava che Taza avrebbe continuato a fare affidamento su Jeffords. (Taza ha continuato a mantenere i suoi impegni, ma alla fine le autorità statunitensi hanno infranto il patto di Howard con Cochise, trasferendo la banda di Taza fuori dalle loro case e nel paese degli Apache occidentali.)Cochise morì nella roccaforte orientale sui monti Dragoon l’8 giugno 1874.

Dopo la sua morte, Cochise fu lavato e dipinto in stile bellico, e la sua famiglia lo seppellì in una tomba avvolto in coperte con il suo nome intessuto in esse. I lati della tomba erano murati di pietra a circa tre piedi di altezza; accanto a lui c’erano il fucile, le armi e altri oggetti di valore. Per dargli un mezzo di trasporto nell’aldilà, il cavallo preferito di Cochise è stato ucciso a meno di 200 metri, un altro ucciso a circa un miglio di distanza e un terzo a due miglia di distanza. In suo onore, la sua famiglia ha distrutto tutti i negozi di vestiti e alimentari che avevano e ha digiunato per 48 ore.




Fonte: Infoaut.org