Dicembre 6, 2021
Da Inferno Urbano
156 visualizzazioni

Riceviamo dai compagni cileni e condividiamo un manifesto in memoria di Sebastián Oversluij Seguel, ucciso nel 2013 da una guardia giurata in una regione controllata dallo stato del Cile, mentre si preparava a realizzare un esproprio bancario.

A 8 anni dal suo assassinio: azione, memoria e vendetta per Sebastián Oversluij “Pelao Angry”.

L’11 dicembre 2013, durante un esproprio bancario, Sebastián Oversluij, compagno anarco-nichilista e antispecista, mentre entrava nella filiale di una banca armato di fucile mitragliatore, è stato assassinato da William Vera, un lurido mercenario/guardia giurata della Banca dello Stato del Cile, nel comune di Pudahuel, a Santiago.

“Buttati, sogna che la pratica si rafforzi

animali soli, nessuno ci può fermare

nemmeno mille mura possono imprigionare l’idea contenuta nelle nostre menti

apriti la strada

immagina le sbarre crollare al suolo

non pensare al fallimento della società

farsi nuovi amici, non c’è niente di più bello

che sentirsi liberi dalle sue leggi implorando il piacere della morte

della civiltà al tramonto

raggiungo mille sogni distruttivi nel buio

il fuoco nutre i mie sensi

ululato del branco insurrezionale

essere terra fertile per vivere e morire alla ricerca

della liberazione totale.

L’idea che è nella mente si crea con le azioni

di compagni versatili

affini nella lotta

per non essere prigionieri dei doveri imposti

per le libertà che desideri

e se migliaia di ostacoli ti circondano

ogni mezzo a tua disposizione impiega”.

(Frammento della canzone “La Idea”, Palabras en conflicto, 2012)

COMPAGNO SEBASTIAN OVERSLUIJ PRESENTE!

Traduzione: infernourbano




Fonte: Infernourbano.noblogs.org