Luglio 1, 2021
Da Le Maquis
57 visualizzazioni


Milano, 2003, 91 p.

Il carcere e la cortina di silenzio con la quale si vuole avvolgere quan­to accade al suo interno sono uno strumento politico del potere per risolvere le profonde contraddizioni che produce.
Nessuna voce d’accusa, di protesta, di indignazione deve turbare la “pace sociale” imposta dal capitale. In tempi di crisi economica gene­ralizzata e diffusa, fatta pagare come sempre con sudore e sangue ai proletari, ogni forma di lotta e di organizzazione, dentro e fuori dal car­cere, diventano estremamente pericolose per la sopravvivenza di questo sistema.
Per sviluppare un dibattito tra le diverse realtà del movimento rivolu­zionario e antagonista, tra i detenuti e i loro familiari, per costruire una rete di controinformazione e mobilitazione, per praticare una concre­ta solidarietà di classe.
Dicembre 2002
compagne e compagni contro il carcere e la repressione

Link Download: https://mega.nz/file/WYQVTAoK#3uh2JlcCtnQFJDmQS1JwBgUZgYS4Szv9Qm55ltrMbvQ




Fonte: Lemaquis.noblogs.org