Novembre 30, 2021
Da Il Manifesto
90 visualizzazioni


Il Roma Jazz Festival si Ăš concluso il 21 novembre confermando la propria chiave di lettura del jazz come “codice aperto”. Tale aspetto programmatico-artistico viene pienamente in luce confrontando due tra le sue ultime performance: il trio del pianista indoamericano Vijay Iyer e il quartetto del tubista caraibico-britannico Theon Cross. La sala Sinopoli (Parco della Musica, sede principale del RJF) Ăš una splendida e ariosa sala da concerto, mentre il Monk (erede de La Palma, nell’area postindustriale del quartiere Portonaccio) offre uno spazio al chiuso rettangolare, focalizzato su un palco di medie dimensioni arricchito da un efficace gioco di luci. Il trio di Vijay Iyer (con la ricettiva e sensibile Linda May Han Oh al contrabbasso e il creativo ed anticonvenzionale Tyshawn Sorey alla batteria) ha trovato nella Sinopoli lo spazio adeguato per una musica che appare sĂŹ come “jazz da camera” ma veicola ed esprime una serie di tensioni e urgenze tutt’altro che accademiche. Per il vulcanico e adrenalico Cross – una vera stella della scena sonora “off” londinese – l’atmosfera clubbistica e underground del Monk si Ăš subito configurata come luogo “naturale” per la performance del suo quartetto (con sax tenore, Chelsea Carmichael; chitarra elettrica, Nikos Ziarkas; Patrick Boyke, batteria).

I LUOGHI POSTULANO, anche, i pubblici, in un rapporto di riconoscimento-identitĂ  che andrebbe indagato. CosĂŹ il Parco della Musica ha visto soprattutto spettatori di etĂ  piĂč che media insieme ad una frangia piĂč giovane, interessata a linguaggi innovativi e di confine come quelli che l’Iyer pianista-leader-compositore indaga da almeno un decennio. Al Monk dominante Ăš stata, invece, la presenza giovanile, dall’atteggiamento non formale: bar aperto, via vai di bicchieri anche se massima attenzione e coinvolgimento sono scattati non appena il Theon Cross quartet ha attaccato. Musica elettro-acustica dai tratti ora evocativi ora ritmicamente aggressivi. In questo senso il tubista si Ăš imposto – quasi fisicamente e di sicuro sonoramente – con il suo strumento, coniugando una travolgente funzione cinetica a spazi solistici che trasformano l’imponente tuba in un agile ottone al pari di un flicorno. Iyer e il suo trio hanno forzato la dimensione raccolta e, in effetti, cameristica del loro ultimo album Uneasy (ECM), pur rimanendo nella dimensione del “concerto jazz”, con pubblico e platea in ruoli ben distinti; il pianista li ha stemperati presentando la band e motivando la sua musica in un periodo ancora pandemico, con tutte le incertezze e le difficoltĂ  che ha comportato e comporta.

GRAN PARTE del repertorio, comunque, proviene da Uneasy: l’intenso e meditativo Children of Flint, il sospeso Augury, la macerata title-track, il toccante Touba, una stralunata versione di Night and Day e un magnifico brano di Geri Allen (Drummer’s Song), usato come bis. Dal canto suo Theon Cross ha pescato nell’ultimo album (Intra-I, New Soil) lavorando sulla contrapposizione/integrazione fra lunghe linee di sax tenore e i fraseggi serrati della tuba, le sonoritĂ  elettriche-elettroniche della chitarra e la scansione “hard” della batteria. Pezzi che parlano direttamente al corpo, unendo ritmi caraibici a sonoritĂ  ultrafunk ma senza revivalismi, piuttosto con la cruda e intensa vitalitĂ  di un presente angoscioso.




Fonte: Ilmanifesto.it