Dicembre 5, 2021
Da Notav
59 visualizzazioni



In questa giornata, un anno fa, iniziavano gli arresti domiciliari per Mattia, generoso e determinato attivista No Tav.

Nei giorni scorsi, abbiamo ripetuto tante volte che per il Movimento l’8 dicembre, da sempre, ha un significato ben preciso: ricordo di quel grande momento di resistenza di un popolo in lotta e esempio per continuare la battaglia contro il Treno ad Alta Velocità Torino-Lione.

Un sentire comune che ci ha permesso di continuare a contrastare quest’opera inutile e dannosa e che, in questi giorni, rende ancora più concreta la grande assenza di compagne e compagni che, come Mattia, fin dai primi momenti, si sono dedicati anima e corpo nella lotta per la difesa del territorio.

Con la mente e il cuore proiettati alla giornata dell’8 dicembre e alla marcia popolare che come ogni anno attraverserà la Valsusa, vogliamo oggi mandare un grande abbraccio a Mattia e a tutte e tutti i/le No Tav che si vedono privati della loro libertà con la sola colpa di aver difeso la propria terra.

Mattia Libero! Libertà per i/le No Tav!




Fonte: Notav.info