Notizie anarchiche da oltre 100 collettivi 🏴 RivoluzionAnarchica.it
  en / fr / es / pt / de / it / ca / gr / tr

Le notizie da  0  collettivi anarchici sono automaticamente pubblicati qui
Notizie aggiornate ogni 0 minuti

Aggiornamenti dal Trentino: confermati gli arresti domiciliari per Massimo e reclusione di Rupert (20 e 23 dicembre 2022)


Dicembre 25, 2022
Da Sardegna Anarchica
162 visualizzazioni

Aggiornamenti dal Trentino: confermati gli arresti domiciliari per Massimo e reclusione di Rupert (20 e 23 dicembre 2022)

Pubblichiamo i seguenti aggiornamenti sulle ultime vicende repressive contro compagni anarchici in Trentino. Per quanto riguarda la situazione di Massimo invitiamo alla lettura dell’indizione della manifestazione del 20 dicembre (“Massimo libero subito! Contro l’abiura e coloro che la pretendono”), mentre per Rupert alla lettura del testo “Giusto due appunti”. Solidarietà con tutti i compagni imprigionati e soggetti a misure restrittive!

Confermati gli arresti domiciliari per Massimo

Martedì 20 dicembre, presso il tribunale di Trento, si è svolta l’udienza del riesame sulla custodia cautelare nei confronti di Massimo Passamani. Fuori dal tribunale, si è tenuto un presidio di solidarietà, seguìto da un breve corteo per le vie del centro.

Dal lato loro

Il collegio dei giudici ha confermato gli arresti domiciliari per Massimo. Oltre al solito argomento dei precedenti penali e della tendenza alla recidiva, due sono le motivazioni degne di nota di tale decisione. La prima è che il comunicato solidale da trasmettere in radio «riporta nel suo contenuto il sostegno e supporto ad attività di ribellione e sommossa da parte dei detenuti e ciò al di fuori degli strumenti e delle forme di giustizia democraticamente statuite» (nessun cenno da parte dei togati, guarda un po’, agli omicidi, ai pestaggi e alle torture perpetrati dagli agenti penitenziari su mandato e con la copertura del DAP). La seconda è la mancata «rivisitazione critica» delle proprie condotte da parte dell’imputato. Ora, che la logica premiale emerga in modo sempre più sfacciato – in carcere come nelle aule di tribunale, sul lavoro come a scuola – è una tendenza assodata. In genere, tuttavia, l’abiura – parola che un tempo apparteneva al lessico critico-provocatorio dei rivoluzionari e che oggi è invece integrata senza imbarazzo nel vocabolario tribunalizio – era pretesa per i reati già passati in giudicato, non per quelli ancora oggetto di processo. Seguendo questa logica, per vedersi revocare le misure cautelari, imputati e imputate si dovrebbero ravvedere rispetto a fatti per cui potrebbero in seguito anche venir assolti… Siamo, insomma, all’abiura preventiva.

Dal lato nostro

Sentita e allargata la partecipazione all’iniziativa solidale. Al di là del dato numerico (una settantina di persone), significativa è stata soprattutto la composizione delle e dei solidali. Dalle “fratte” di Mori ai no tav, dai lavoratori dell’Orvea ai facchini della BRT, passando per i sindacalisti di base più attivi nella mobilitazione contro il «green pass», in piazza c’era una sorta di distillato delle lotte e delle proteste degli ultimi anni in Trentino. Molti gli interventi e le letture di testi di solidarietà. In primo piano, ovviamente, il sostegno allo sciopero della fame di Alfredo Cospito, arrivato nel frattempo al 64° giorno. A questo proposito, è stata anche citata la generosissima scelta solidale del prigioniero Claudio Cipriani, che in solidarietà ad Alfredo ha recentemente rinunciato a ogni beneficio previsto dalla legge, e letta una parte del suo comunicato (https://ilrovescio.info/2022/12/18/parole-e-scelta-solidale-con-alfredo-del-prigioniero-claudio-cipriani/). In vista dell’inizio del processo vero e proprio – che si svolgerà a Trento il 13 gennaio prossimo, e che vede imputati, oltre a Massimo, anche Agnese, Stecco e Juan – la mobilitazione continua. Come parte di un tessuto locale contro la repressione e come “volano” per parlare di ciò che più importa in questo momento: fuori Alfredo dal 41 bis!

Di seguito il volantino distribuito [PDF]: Massimo libero subito! Fuori Alfredo dal 41 bis! Contro l’abiura e coloro che la pretendono!.

Rupert in carcere

Dal 23 dicembre il nostro amico e compagno Rupert è detenuto a Spini di Gardolo, in attesa del programma da parte del magistrato di sorveglianza che prevede orari di entrata e di uscita e restrizioni per il regime della semilibertà.

Per scrivergli:

Roberto Bottamedi
Casa Circondariale di Trento
via Cesare Beccaria 13
38121 Trento

[Tratto da https://ilrovescio.info/2022/12/22/trento-confermati-gli-arresti-domiciliari-per-massimo/ & https://ilrovescio.info/2022/12/24/rupert-in-carcere/]

I commenti sono chiusi.




Fonte: Sardegnaanarchica.wordpress.com
Commento Nel Forum


SEGUITECI
SU TWITTER
SEGUITECI
SU MASTODON
SEGUITECI
SU TUMBLR



Magliette Anarchiche ★ Spedizione gratuita in tutto il mondo











Questa piattaforma è interamente finanziata da Cooperativa No Gods No Masters.
Anche le vendite contribuire alla raccolta di fondi per donazioni a varie organizzazioni anarchiche e associazioni di beneficenza attiviste.
[nascondi annunci]



Anarchist news | Noticias anarquistas | Actualité anarchiste | Anarchistische Nachrichten | Notícias Anarquistas | Notizie anarchiche | Notícies anarquistes | Αναρχική Ομοσπονδία | Anarşist Haberler

Tech Team | Servers Monitoring | Sites Status

Tutti i contenuti provengono da siti web esterni. Le opinioni sono quelle dei contributori e non sono necessariamente approvate da Rivoluzioneanarchica.it o dai suoi partner. [Nota legale]