Dicembre 18, 2021
Da Inferno Urbano
83 visualizzazioni


Il 1° novembre, l’anarchico Sergey Romanov è stato condannato a 1 anno di colonia penale per “aver violato le misure di sorveglianza preventiva”. Sergey è contemporaneamente imputato in un altro processo di cui parleremo più avanti.

Nel mese di novembre i gruppi anarchici bielorussi Azione Rivoluzionaria e Pramen, sono stati entrambi riconosciuti come “formazioni estremiste”, rispettivamente il 2 e il 12 novembre.

Il 1° novembre, siamo venuti a conscenza che Igor Bancer è stato messo in una cella d’isolamento per punizione. Al momento del trasferimento, Igor aveva la febbre alta e un medico della prigione gli ha prescritto di stare a letto. In Bielorussia, essere rinchiusi in isolamento, è una forma di tortura, per la rigide temperature a cui si è sottoposti, una situazione particolarmente dura se la persona in questione è malata.

Igor è stato rilasciato dopo 20 giorni di isolamento. Ha riferito di essere stato punito due volte. La prima (10 giorni di isolamento) per aver rifiutato di entrare in una cella dove era detenuta un’altra persona per reati minori. La seconda volta (altri 10 giorni) per essere rimasto a letto durante il giorno (mentre era malato).

Il 24 novembre, Igor è comparso nuovamente in tribunale. Come in altre occasioni, l’amministrazione della prigione aperta dove è detenuto, ha cercato di trasferirlo in una colonia penale (prigione chiusa). Ma il tribunale ha negato il trasferimento, per cui Igor è rimasto in una prigione aperta. Secondo informazioni non verificate, il suo mandato termina il 17 dicembre.

Il 3 novembre, all’anarchico Artyom Markin è stato negato l’ingresso in Ucraina dopo che il suo aereo era atterrato in uno degli aeroporti ucraini. Ha dovuto così far ritorno in aereo nel paese da cui proveniva. Si è poi scoperto che Artyom è stato bandito dall’Ucraina per decisione dell’SBU (Servizi Segreti Bielorussi). La decisione è stata presa nel novembre 2020; le ragioni del divieto d’ingresso sono “garanzia della sicurezza nazionale e lotta contro il crimine organizzato”.

Mikita Yemelyanau ha passato 30 giorni in cella di isolamento, dall’11 ottobre al 10 novembre. Ha sostenuto uno sciopero della fame per 20 giorni. Il 27 ottobre gli è stato permesso di ricevere la visita di un medico, avvenuta poi il 3 novembre. Mikita ha iniziato lo sciopero della fame in estate, proprio perché gli era stato negato un incontro con un medico.

Il 10 novembre, l’anarchico Mikola Dziadok è stato condannato a 5 anni di prigione. Alla fine di novembre è stato trasferito nella prigione di Mahiliou. Il suo indirizzo attuale è:

Dedok Nikolay Aleksandrovich

Prigione n. 4. 212011, Mahiliou, vulica Krupskaj 99A, Bielorussia

A metà novembre, abbiamo saputo che agli antifascisti Denis Boltuts e Timur Pipiya è stato negato il permesso di ricevere pacchi per 4 mesi. Il divieto è entrato in vigore immediatamente dopo il loro arrivo nella colonia penale.

Il 15 novembre, è iniziato il processo nel tribunale regionale di Minsk (giudice V. Tulejka) dei 4 compagni anarchici Sergey Romanov, Dzmitry Dubovski, Ihar Alinevich e Dzmitry Rezanovich. Le accuse riguardano l’articolo 289.2 (terrorismo) e l’articolo 295.3 (possesso illegale di armi da fuoco). ‘Terrorismo’ in questo caso viene inteso come distruzione di proprietà: bruciare auto delle forze dell’ordine e incendiare edifici della polizia (non c’è stato alcun ferito, dato che tutti gli edifici e le auto erano vuoti).

Come previsto, il processo si è svolto a porte chiuse, presumibilmente per difendere gli interessi delle “vittime” (i poliziotti le cui auto sono state incendiate).

Tre degli imputati hanno rifiutato di partecipare a questo processo farsa, mentre solo Dzmitry Dubovski è rimasto in tribunale. La madre di Romanov riferisce che, dopo l’arresto e la conseguente detenzione nel 2020, il figlio è stato ripetutamente picchiato ed hanno usato gas lacrimogeni contro di lui. Per fermare le torture, Sergey ha dovuto ricorrere a delle ferite auto-infilitte (in precedenza, questi dettagli non erano stati resi noti al pubblico).

Il 26 novembre, tutti e quattro i compagni sono stati trasferiti dalla prigione del KGB (servizi segreti) alla prigione n. 1 (entrambe a Minsk). Il loro nuovo indirizzo:

Alinevich Ihar Uladzimiravich

Dubovski Dzmitry Nikolaevich

Romanov Sergey Alexandrovich

Rezanovich Dzmitry Grigorevich

SIZO-1, vul. Valadarskaha 2, Minsk 220030, Bielorussia

Il 18 novembre, è stata effettuata una perquisizione nell’appartamento della madre di Jauhien Zhurauski a Baranavičy. Zhurauski ha trascorso l’ultimo anno all’estero. Un procedimento penale è stato aperto contro di lui dopo la sua partecipazione a una veglia in ricordo di Andrei Zeltserh, tenutasi vicino all’ambasciata bielorussa a Varsavia.

Un procedimento penale simile è stato aperto nei confronti di Roman Khalilov, per aver partecipato alla stessa veglia (Khalilov era già sospettato di far parte di un’”organizzazione criminale anarchica internazionale”). Il 26 novembre, la casa della madre di Khalilov, Gayane Akhtiyan, è stata perquisita a Polack. Gayane Akhtiyan è stata arrestata e incarcerata per 10 giorni per “resistenza a pubblico ufficiale”. Il 2 dicembre, abbiamo appreso che è stato aperto un procedimento penale contro di lei (art. 342, grave violazione dell’ordine pubblico) ed è stata trasferita da Polack al centro di detenzione di Minsk.

Fonte: abc-belarus.org

Traduzione: infernourbano




Fonte: Infernourbano.noblogs.org