Settembre 24, 2021
Da Umanita Nova
28 visualizzazioni


È passato più di un anno dall’inizio delle proteste in Bielorussia a causa dei brogli elettorali. Molti dei nostri compagni sono stati messi dietro le sbarre, molti hanno dovuto fuggire dal paese, l’attività pubblica è ostacolata non solo per gli anarchici ma per tutte le associazioni e gruppi dissidenti. Di seguito un breve aggiornamento sullo stato della repressione in Bielorussia, con un focus particolare su anarchici e antifascisti. Cercheremo di pubblicare questi aggiornamenti alla fine di ogni mese.

Repressione contro anarchici e antifascisti

Altri quattro anarchici sono stati arrestati con l’accusa di carattere penale per aver partecipato alle proteste di agosto-settembre dello scorso anno. Aleksandr Belov ed Evgeny Rubashko sono stati arrestati il 29 luglio e posti in stato di detenzione nei 10 giorni successivi. Sono stati picchiati per estorcergli confessioni ed ottenere le password dei loro dispositivi. Il compagno di stanza di Evgeny è stato arrestato per 14 giorni per blocco stradale, poi espulso dalla Bielorussia con un divieto di ingresso di 7 anni.

Due anarchici con lo stesso nome – Artiom Solovey – sono stati arrestati il 4 agosto e accusati di gravi violazioni dell’ordine pubblico durante le proteste. Il 4 e l’11 agosto la polizia ha perquisito più di 10 appartamenti e ha arrestato 9 attivisti che sono stati arrestati per blocco stradale e hanno trascorso dai 10 ai 15 giorni in detenzione. Uno di loro, Ilya Senko, è stato arrestato per altri 15 giorni per essersi rifiutato di testimoniare contro se stesso. La sua casa è stata perquisita due volte questo mese. Il 3 settembre è stato rilasciato. L’antifascista di Brest Denis Zhuk è stato condannato a quattro anni di carcere per aver partecipato a disordini di massa.

Gli anarchici subiscono anche pressioni in carcere. Mikita Yemelyanau e Artiom Solovey sono stati rinchiusi in una cella di punizione per 7 giorni. L’antifascista Igor Bancer ha già trascorso 30 giorni in isolamento amministrativo. Hanno tutti un distintivo speciale che indica che sono inclini all’estremismo, quindi richiedono più attenzione da parte delle guardie. Gli antifascisti Timur e Tamaz Pipiyas hanno segnalato un blocco totale della corrispondenza dopo il verdetto.

I militanti anarchici Ihar Alinevich, Dzmitry Dubouski, Dzmitry Rezanovich, Sergey Romanov hanno ricevuto le loro accuse definitive e i loro casi stanno iniziando a essere esaminati. Le accuse sono a loro sconosciute a causa della dichiarazione di non divulgazione imposta agli avvocati. Il processo dovrebbe svolgersi tra qualche mese. ABC-Bielorussia sostiene anarchici e antifascisti che soffrono di persecuzioni. Puoi donare utilizzando i dettagli del bonifico in questa pagina: https://abc-belarus.org/?page_id=8661&lang=en.

La repressione in generale

Ad agosto, lo stato ha portato a termine la repressione dei media indipendenti, dei difensori dei diritti umani e delle ONG. Ora tutte le ONG sono chiuse o sono in via di chiusura.
La nostra lista di manifestanti incarcerati e perseguitati è di oltre 1.000 persone. Il più grande scandalo attuale è che le autorità bielorusse stanno deportando iracheni e altri migranti nel paese e li aiutano ad attraversare i confini europei, motivo per cui Lituania, Lettonia e Polonia hanno iniziato a costruire una recinzione metallica lungo il loro confine. Alcuni migranti sono bloccati nella zona neutrale, con le guardie di frontiera bielorusse ed europee che non consentono loro di passare da entrambi i lati.

Secondo quanto riferito, la tortura viene utilizzata nei centri di detenzione temporanea in cui sono detenute persone arrestate amministrativamente: a queste persone non vengono fornite lenzuola o materassi, vengono private del sonno e avvelenate con il cloro che viene messo sul pavimento. Non ricevono pacchi di cibo dall’esterno.

Le persone mandate a scontare la pena denunciano maltrattamenti e punizioni. Gli avvocati non possono vedere i loro clienti per settimane, i parenti sono preoccupati. Quando i condannati cercano di fare appello, la loro condanna a volte diventa più severa. Chiusi al pubblico i processi a importanti politici “pericolosi per il regime”. Diversi prigionieri politici sono stati rilasciati questo mese dopo aver firmato la richiesta di grazia. Le persone che lavorano per le aziende statali stanno segnalando licenziamenti di massa di coloro che in un qualsiasi modo hanno partecipato alle proteste. Le famiglie con un passato di proteste sono soggette a ispezioni per il controllo dei bambini. 136 persone sono state condannate per motivi politici nel solo agosto.

Cosa sta succedendo con le proteste?

In generale, la maggior parte delle persone ora ha paura di andare in piazza a manifestare, quindi l’attività è limitata a piccole azioni simboliche nei quartieri. Allo stesso tempo, gran parte del lavoro è dedicato alla pressione internazionale sul regime, come la cancellazione degli eventi sportivi, l’esclusione della Bielorussia dall’Eurovision, la pressione sulle società perché non collaborino con il regime. Alcuni gruppi lavorano in collaborazione con lavoratori statali di diverse istituzioni che sostengono un cambiamento, o cercano di unire tutti i lavoratori e prepararli per uno sciopero nazionale.

L’opposizione ha annunciato un “Progetto di vittoria” che prevede che le persone che non sostengono il regime si registrino come manifestanti pronti ad agire e forniscano dettagli sulla loro professione, ecc. Gli iniziatori sperano di ottenere un insieme di persone di tutti i ceti sociali per poi formare gruppi di affinità da quelle persone, sulla base di luoghi di lavoro o abilità comuni.

Un gruppo chiamato CyberPartisans ha rivendicato la responsabilità di alcuni attacchi di hacking a e-mail ufficiali, siti Web e server di agenzie governative. Hanno divulgato informazioni personali di poliziotti e agenti del KGB, videocassette dei centri di detenzione, ecc.

Anarchist Black Cross

Testo originale: https://monde-libertaire.net/index.php?articlen=5946

Tradotto e diffuso dalla Commisione di Relazione Internazionali della Federazione Anarchica [francofona] – ritradotto da Enrico Voccia




Fonte: Umanitanova.org