Aprile 16, 2021
Da Radiocane
162 visualizzazioni

Ala (Trento), 9 aprile 2021: i carabinieri inseguono fin sotto casa un uomo, reo di non essersi fermato a un posto di blocco. L’uomo reagisce e i carabinieri gli sparano. Così perde la vita Matteo Tenni, di 44 anni. La vicenda sarebbe già di per sé agghiacciante. Tuttavia, nello specifico, l’episodio è aggravato dal fatto di svolgersi in un paese di poche migliaia di abitanti, in cui le forze dell’ordine conoscevano bene l’uomo in questione e sapevano benissimo che era affetto da alcuni disturbi mentali… Ma lo Stato non uccide solo coi colpi di pistola. Di norma ammazza più silenziosamente, tramite il carcere, come è accaduto il 14 marzo ad Ambra, morta tra le mura di Spini di GardoloDi questa vicenda, e dei suoi contorni, ci siamo fatti raccontare da una compagna di Rovereto.  

<!–

–>




Fonte: Radiocane.info