Febbraio 11, 2021
Da Infoaut
94 visualizzazioni


Abbiamo tradotto questo interessante articolo sulle forme di attivismo sindacale all’interno dei magazzini di Amazon negli States di In These Times a firma Michelle Chen e Molly Crabapple. Questo articolo fa parte di una serie sui lavoratori di Amazon prodotta da In These Times in collaborazione con l’Economic Hardship Reporting Project.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Ispirato da suo padre e suo nonno, Sean Carlisle si sta organizzando per ottenere misure di sicurezza più forti per i suoi compagni di lavoro.

Per Sean Carlisle (uno pseudonimo), uno studente laureato di 32 anni e originario dell’Inland Empire della California, gli ultimi tre anni nel suo centro di distribuzione locale Amazon sono stati una forma di educazione. Come studente di pianificazione urbana, studia come gli ambienti costruiti modellano il comportamento di una comunità. In qualità di picker, confeziona oggetti a ritmo vertiginoso tra pile di scorte e nastri trasportatori serpeggianti mentre pratica delicatamente strategie per aumentare la coscienza politica dei suoi colleghi.

L’infrastruttura logistica di Amazon è progettata per far funzionare gli esseri umani con un’efficienza simile a quella di una macchina, ma Sean sta cercando di rendere il posto di lavoro un po ‘più umano, sostenendo una maggiore protezione dei lavoratori e responsabilità aziendale nella sua comunità.

Quando ha iniziato in Amazon per la prima volta, Sean ha apprezzato quella che chiama una “fase di luna di miele”. Gli piaceva che i lavoratori fossero promossi prontamente a posizioni manageriali, specialmente le persone con un’istruzione universitaria come lui. “Hanno tutte queste cose che aiutano i loro dipendenti ad avanzare. Hanno questi programmi scolastici“, dice, riferendosi ai programmi di formazione professionale di Amazon. Ma circa otto mesi dopo, si rese conto che “c’erano alcune cose in corso qui che potevano essere migliorate. [Ho pensato] ‘Non so se questa azienda mi piace tanto quanto prima.’ “

“Il catalizzatore è stato vedere [così tante] persone farsi male”, continua. Dice che i lavoratori gli avrebbero detto: “‘Mi sono fatto male e mi hanno fatto la terapia fisica, e mi sono fatto ancora più male perché non mi hanno valutato bene e ora ho questo problema'”. Era intorno alle vacanze stagionali durante il suo secondo anno “quando le cose hanno registrato un calo significativo in termini di sicurezza, e c’era più attenzione sulla produttività”. Dice che a volte i lavoratori colpivano accidentalmente gli scaffali mentre percorrevano con i carrelli elevatori i corridoi del centro, causando il ribaltamento dei veicoli.

“I problemi di sicurezza hanno continuato a peggiorare e io ei miei colleghi abbiamo detto: ‘Ehi, [la direzione deve] fare qualcosa al riguardo” “, ricorda.

Sean ritiene che la velocità con cui i lavoratori devono elaborare gli ordini – a volte centinaia di articoli all’ora – li porti a tagliare gli angoli o ignorare i problemi con le loro attrezzature. Dice che un sottoprodotto della pressione incessante per imballare più articoli più velocemente è un alto turnover tra coloro che “non sono riusciti a tenere il passo”. Bruciare le nuove assunzioni crea un calo costante della forza lavoro, poiché i lavoratori temporanei entrano ed escono durante l’alta stagione.

I dati ufficiali di Amazon sugli infortuni sul lavoro suggeriscono che molti dei suoi centri logistici hanno tariffe che superano di gran lunga il magazzino medio. Tuttavia, la società afferma che queste statistiche sono principalmente una testimonianza dei suoi meticolosi rapporti piuttosto che un riflesso dei suoi scadenti standard di sicurezza. “Ci assicuriamo di supportare le persone che lavorano nei nostri siti grazie a professionisti qualificati e certificati di pronto soccorso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e forniamo benefici per la salute leader del settore sin dal primo giorno”, ha detto un portavoce in una e-mail.

Amazon afferma inoltre di aver speso “oltre 1 miliardo di dollari [in] nuovi investimenti in misure di sicurezza operativa” che includono tecnologia di protezione, procedure di sanificazione e programmi di formazione e istruzione per i lavoratori. L’azienda sostiene di “apprendere e migliorare continuamente i nostri programmi per prevenire incidenti futuri.” Sean sostiene che alcuni manager hanno semplicemente omesso di prendere sul serio i rischi sul posto di lavoro. Ha ricordato la sua sorpresa quando un manager gli disse: “Se le persone non si sentissero al sicuro, non andrebbero a lavorare”.

“Non è così che funziona, amico”, riflette. “Le persone vanno a lavorare perché hanno bisogno di uno stipendio, non perché si sentono al sicuro.”

Mentre lavorava come picker, il lavoro accademico di Sean lo ha portato a una campagna contro la prevista costruzione di un enorme impianto di carico per l’aeroporto internazionale di San Bernardino. Vari gruppi comunitari, tra cui Teamsters local 1932 e attivisti ambientali, hanno formato la Coalizione delle Comunità aeroportuali di San Bernardino per opporsi al progetto, che avvertono approfondirà lo sfruttamento economico e ambientale della regione da parte di società come Amazon, il più grande datore di lavoro privato dell’area. Nonostante una sfida legale presentata dai principali gruppi della coalizione all’inizio di quest’anno, la costruzione della struttura sta andando avanti e Sean ha ora spostato la sua attenzione per aiutare a proteggere i suoi colleghi dalla pandemia.

Un vantaggio pratico che Sean e gli altri organizzatori mirano a garantire ai lavoratori a breve termine è il congedo retribuito in modo che le persone colpite dalla pandemia possano rimanere a casa senza sacrificare i salari. L’azienda inizialmente ha fornito un congedo illimitato non retribuito per i lavoratori che si sono autoisolati a causa di problemi di salute legati al COVID-19, ma ha concluso la politica a maggio. Ora Sean sta incoraggiando i colleghi a chiedere benefici ai sensi di una nuova legge statale per i lavoratori dell’industria alimentare che prevede fino a due settimane di ferie retribuite per i lavoratori a cui è stato consigliato da un professionista medico di isolarsi o di non lavorare.

Amazon inizialmente ha sostenuto di essere esentata dal mandato. Ma come ha riferito Vice a luglio, gruppi della comunità e attivisti sindacali, insieme all’ufficio del commissario statale per il lavoro, hanno fatto pressioni sull’azienda affinché si conformasse sulla base del fatto che i suoi magazzini fungono da principali distributori di cibo al dettaglio. A giugno, circa due mesi dopo l’emanazione dell’ordine, Amazon ha finalmente accettato di seguire la legge.

Con un poster che descrive la nuova politica statale sui congedi retribuiti ora in mostra nella sala relax, Sean dice che sta consigliando ai suoi colleghi di approfittare di quella che chiama una “scappatoia” legale che consente ai dipendenti di Amazon di prendersi del tempo libero al di fuori del riparto più restrittivo dell’azienda. I lavoratori qualificati sono riusciti a usare la legge “solo per prendersi una pausa, o rivalutare la loro situazione”.

Sean afferma che, nonostante la sua difesa a favore dei dipendenti di Amazon, ha evitato il tipo di ritorsione da parte del management che altri attivisti lavoratori hanno segnalato.

Allo stesso tempo, riconosce: “Non sto nemmeno cercando di [provocarli] direttamente”. Quando si tratta di impegnarsi con i suoi colleghi su questioni di giustizia sul posto di lavoro, dice: “Di solito, ho una conversazione che si svolge un po’ tipo,’ Amico, qualcuno nella mia famiglia è appena morto, e non posso prendermi una pausa dal lavoro”. “E io sono tipo,” Oh, dovresti controllare la legge che è stata approvata di recente e penso che tu possa avere del tempo libero per questo “.

Sean sta costruendo un luogo di lavoro più sicuro all’interno del leviatano dell’e-commerce di Amazon, una conversazione alla volta. Figlio di un operaio siderurgico e nipote di un teamster, il suo senso della missione è influenzato dalle storie di famiglia che ha sentito da bambino su scioperi e picchetti.

Amazon, che è riuscita a tenere a bada i sindacati per anni, somiglia poco alle negoziazioni sindacali delle generazioni passate. Ma i magazzinieri e gli autisti di oggi di Amazon sono altrettanto fondamentali per l’economia della California quanto lo erano gli scaricatori, i camionisti e i lavoratori del ferro un secolo fa. “Vedo Amazon come qualcosa che probabilmente è qui per restare e probabilmente plasmerà il nostro futuro e la nostra comprensione del capitalismo e dei consumi americani”, dice.

Sebbene le lotte militanti in officina di ieri siano svanite da tempo dal panorama industriale californiano, le sfide che il movimento operaio deve affrontare rimangono sostanzialmente le stesse. Quando i lavoratori si organizzano, dice Sean, possono “ritenere l’azienda responsabile e darle forma per essere l’azienda che è. Senza i lavoratori, l’azienda non sarebbe quella che è.”

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org