Giugno 9, 2022
Da Unione Sindacale Italiana
197 visualizzazioni

Attenzione: apre in una nuova finestra.
PDFStampaE-mail

Riceviamo e plubblichiamo

AIT-Russia, KRAS-M.A.T:

E ancora degli anarchici che hanno dimenticato i principi fondativi libertari

La sezione regionale russa dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori chiede il boicottaggio di provocatori e truffatori che si nascondono dietro il nome di “anarchici” e si esprimono con calunnie e denunce contro gli attivisti della nostra organizzazione.

La nostra posizione contro la guerra condotta dalle oligarchie capitaliste per la ridistribuzione dello “spazio post-sovietico” è accolta con comprensione e sostegno da parte degli internazionalisti anarchici in Ucraina, Moldova e Lituania, con i quali manteniamo i contatti. Tuttavia, fin dall’inizio della guerra russo-ucraina, i cosiddetti “anarchici”, che hanno abbandonato la tradizionale posizione dell’internazionalismo anarchico di sconfiggere tutti gli stati e le nazioni e sostenere una delle parti in guerra, hanno lanciato una campagna di calunnia contro la nostra organizzazione.

Ad esempio, gli ex anarchici Anatoly Dubovik e Oleksandr Kolchenko, che vivono in Ucraina, hanno pubblicato i nomi e gli indirizzi dei nostri attivisti su Internet. Il primo ha scritto il testo corrispondente e il secondo gli ha dato il suo account Facebook per la pubblicazione e lo ha approvato. Il pretesto era che la nostra organizzazione assumesse una posizione internazionalista coerente e condanna sia l’invasione russa dell’Ucraina che il nazionalismo ucraino e la politica espansionistica del blocco NATO.

I signori Dubovik e Kolchenko hanno cercato spudoratamente e sfacciatamente di calunniare la sezione M.A.T., cercando senza alcun motivo di attribuirci una posizione a difesa del Cremlino. Allo stesso tempo, ammettono che stiamo chiedendo ai soldati ucraini e russi di rifiutarsi di combattere.

Quest’ultimo significa che questi anarchici immaginari, pubblicando gli indirizzi di attivisti contro la guerra che si trovano in Russia, stanno incitando direttamente contro di loro servizi speciali russi e teppisti nazionalisti, come oppositori della guerra, per affrontarli con le loro mani! Nelle condizioni di continue molestie, licenziamenti, minacce e rappresaglie fisiche contro persone di mentalità antimilitari in Russia, tali azioni equivalgono a una vera denuncia con un’indicazione diretta su chi le forze repressive dovrebbero rivolgere la loro attenzione.

Ancora una volta, i nazionalisti su entrambi i lati della prima linea, seguendo la logica del “chi non è con noi, è contro di noi”, sono pronti a distruggere insieme i loro principali oppositori: gli internazionalisti che rifiutano di scegliere tra stato in guerra e cricche borghesi , tra peste e colera.

Gli anarchici di tutto il mondo dovrebbero essere consapevoli delle azioni vergognose dei provocatori-informatori e una volta per tutte rifiutarsi di avere a che fare con loro, cacciandoli per sempre dall’ambiente anarchico e inviandoli ai loro protettori e padroni dai servizi speciali e la polizia segreta!

Il comunicato è stato approvato da un referendum tra i membri del CRAS-M.A.T.

https://aitrus.info/node/5973




Fonte: Usiait.it