Marzo 25, 2021
Da Anarres-info
264 visualizzazioni

Il nostro nostro viaggio su Anarres, il pianeta delle utopie concrete.
Dalle 11 alle 13 sui 105,250 delle libere frequenze di Blackout. Anche in
streaming

Ascolta e diffondi il podcast:

https://radioblackout.org/podcast/anarres-del-19-marzo-louise-michel-la-comune-di-parigi-doora-il-robot-rider/

Dirette, approfondimenti, idee, proposte, appuntamenti:

Louise Michel. Anarchica, femminista, antispecista, anticolonialista dalla Comune all’alba del nuovo secolo.
La sua vita non può essere separata dalle lotte, dai pensieri e dagli scritti: Louise, che, dopo l’esperienza vissuta sulle barricate della Comune, maturò una scelta anarchica, era una rivoluzionaria ed un’insegnante, impugnò il moschetto sulle barricate di Parigi, liberò gli uccelli dalle loro gabbie, si schierò con i Kanachi insorti contro il dominio coloniale francese.
Ne
abbiamo parlato con Selva Varengo dell’università di Milano

Il 18 marzo 2021 è l’anniversario della Comune di Parigi, La rivolta di Parigi diede vita alla prima importante esperienza di autogoverno popolare. I lavoratori e le lavoratrici parigine insorsero abolendo l’esercito permanente e gli organi repressivi dell’ordine autoritario e gerarchico. Le fabbriche abbandonate dai padroni rifugiatisi a Versailles, vennero autogestite dagli operai. Il centro della decisionalità politica furono le assemblee popolari, qualunque mandato divenne revocabile. Le donne furono protagoniste al pari degli uomini dei processi decisionali e della difesa armata. La repressione, condotta dal capo del governo di Versailles Adoplhe Thiers, fu terribile, almeno 30.000 comunardi e comunarde vennero fucilate, migliaia furono i deportati. Thiers telegrafò ai prefetti: “il suolo è disseminato dei loro cadaveri. Questo spettacolo spaventoso servirà di lezione”.
Il nome di Thiers è ormai sepolto, la memoria degli insorti e delle insorte di quel 1871 è viva nelle lotte degli oppressi e degli sfruttati dei giorni nostri.
Ne abbiamo parlato con Federico Ferretti, dell’Università di Dublino.

Doora, la nuova frontiera del food delivery, la consegna di cibo a domicilio.
Volevano trasformare i rider in robot sempre disponibili, flessibili e in marcia? Non ci sono riusciti.
Quale soluzione migliore di progettare e mettere in strada robot al posto dei rider? Si chiama Doora, è realizzata dall’operatore telefonico svedese Tele2 in collaborazione con foodora, colosso tedesco del food delivery, ed è una sorta di robot su due ruote che si muove grazie alla guida autonoma e in grado di effettuare consegne a domicilio. Ha montata una telecamera che consente di monitorarne gli spostamenti in tempo reale.
Per ora Doora consegnerà pizze a Stoccolma, ma se funzionerà, questa scatola rosa a due ruote potrebbe entrare in servizio in più luoghi. Il lavoro umano si sposterà dalle strade alle control room e, ovviamente, il numero di impiegati sarà infinitamente inferiore e controllabile.
Ne abbiamo parlato con Giammarco

Prossime iniziative:

Sabato 27 marzo
Una Barriera contro padroni e militari
ore 15
piazzetta di corso Palermo all’angolo con via
Sesia
liberiamo gli spazi pubblici del quartiere: giornata di informazione e lotta
interventi, musica, mostre e… tanto altro

Sabato 2 aprile ore 21
Scuole libertarie. Un’utopia concreta
Incontro on line
Con Francesco Codello, pedagogista, tra i fondatori della Rete dell’educazione libertaria

https://us02web.zoom.us/j/89954592229

Contatti:

Federazione Anarchica Torinese
corso Palermo 46

Riunioni – aperte agli interessati – ogni mercoledì dalle 17,30.
Contatti: fai_torino@autistici.org – @senzafrontiere.to/

Wild C.A.T. Collettivo Anarco-Femminista Torinese
corso Palermo 46 –
@Wild.C.A.T.anarcofem

Iscriviti alla nostra newsletter, mandando un messaggio alla pagina FB oppure una mail

scrivi a: [email protected]

www.anarresinfo.org

fb: @anarresinfo




Fonte: Anarresinfo.org