Maggio 8, 2021
Da Anarres-info
12 visualizzazioni


Il nostro nostro viaggio su Anarres, il pianeta delle utopie concrete.
Dalle 11 alle 13 sui 105,250 delle libere frequenze di Blackout. Anche in streaming

Ascolta e diffondi il podcast:

Anarres del 23 aprile. Anarchici contro il fascismo. Primavera No Tav. Resistenza a Torino. Argo, il cane da guardia di Appendino…

Dirette, approfondimenti, idee, proposte, appuntamenti:

Gli anarchici contro il fascismo
La lotta degli anarchici contro il fascismo non comincia nel settembre del 1943, ma dura 20 anni e va oltre il 25 aprile del 1945.
Per raccontare questa storia
è stato con noi Giorgio Sacchetti, storico e docente all’Università dell’Aquila

Valsusa. I No Tav, il cantiere fortezza di San Didero, le giornate di lotta in questa primavera No Tav.

Ilio Baroni era operaio alle Ferriere di Torino, dove era approdato negli anni Venti dopo le lotte contro fascisti e padroni a Piombino.
Divenuto comandante della VI brigata SAP, cadde combattendo per le strade di Barriera il 26 aprile del 1945. Combatteva a fianco di altri operai delle fabbriche torinesi, che i nazisti in fuga intendevano distruggere. Quelli come Ilio non volevano certo salvare le fabbriche, perché potessero essere riconsegnate ai padroni, ma per prendersele e costruire un futuro senza fascisti e senza padroni.
Nei decenni che ci separano da quelle giornate di aprile, i volti della gente di Barriera sono cambiati. Ma la lotta contro una democrazia che, ogni volta che la gente alza la testa assume, le vesti del fascismo, non è cambiata. E gli anarchici sono sempre per le strade, perché la memoria di ieri vive nelle lotte di oggi.
Come ogni anno ci ritroviamo alla lapide di Ilio Baroni, per intrecciare il filo rosso e nero che ci lega a quei giorni.
Ne
abbiamo parlato con Emi della Federazione Anarchica

Argo, il cane da guardia di Appendino
Argo, costerà 2 milioni di euro, 800 li mette il comune, gli altri Stato e Regione.
Vi stiamo parlando delle 273 nuove telecamere che verranno installate i
n città a partire da maggio.
Sono telecamere “intelligenti”, ossia, come ogni buon cane poliziotto, saranno addestrate a riconoscere i soggetti che, secondo la polizia è interessante vengano monitorati e riconosciuti nei loro movimenti.
Il software del quale sono dotate consente loro di individuare, persone o gruppi di persone precisi.
Va da se che con questo sistema la polizia potrà estendere il proprio potere di controllo su persone o gruppi sociali considerati pericolosi per l’ordine costituito.

Inutile dire che i primi quartieri in cui verranno installate saranno Barriera e Aurora, i quartieri che, complici anche alcuni progetti di riqualificazione escludente, la polizia è chiamata a controllare e, soprattutto a “normalizzare”.

Prossime iniziative:

Venerdì 14 maggio ore 21
Incontro on line su zoom
https://us02web.zoom.us/j/88203519909

ID riunione: 882 0351 9909
Vagli a spiegare che è primavera.
Biopolitica e repressione. Michel Foucault e il gruppo di informazione sulle prigioni.

Introduce Salvo Vaccaro, docente di filosofia politica all’Università di Palermo.
Secondo incontro di informazione e lotta contro le prigioni.

Contatti:

Federazione Anarchica Torinese
corso Palermo 46

Riunioni – aperte agli interessati – ogni mercoledì dalle 17,30.
Contatti: fai_torino@autistici.org@senzafrontiere.to/

Wild C.A.T. Collettivo Anarco-Femminista Torinese
corso Palermo 46 –
@Wild.C.A.T.anarcofem

Iscriviti alla nostra newsletter, mandando un messaggio alla pagina FB oppure una mail

scrivi a: [email protected]

fb: @anarresinfo




Fonte: Anarresinfo.org