Settembre 8, 2021
Da Bure Bure Bure
4 visualizzazioni


Molte cose sono successe intorno alle giornate di azione contro CIGEO nei pressi dell’accampamento delle Rayonnantes alla stazione di Luméville nell’agosto 2021. Una breve rassegna degli eventi e un appello di alcuni brigant* a intensificare la nostra resistenza.

Azioni in anticipo

Già prima del campo delle Rayonnantes, c’erano stati interventi del gruppo B.O.R.I.S.

Come parte di un’azione coordinata, attacchi a Bar-le-Duc e Nancy con vernice e finestre sfondate hanno preso di mira il SAFER. Anche la compagnia di assicurazioni Groupama, che si era costituita parte civile con il comune di Bure durante i processi 1-2-3, ha subito danni materiali. Sul binario ferroviario da ristrutturare tra Ligny e Gondrecourt, gli attivisti hanno sabotato parti del binario con dei martinetti.

Graffiti e collage prima del campo

Nei giorni prima dell’inizio del campo d’azione, c’è stato un sacco di tag contro il CIGEO e sul DUP, per esempio a Saudron e Mandres-en-Barrois. In molti villaggi vicini, sono stati fatti collage e manifesti per attirare l’attenzione sulla manifestazione di Horville del 21 agosto, il DUP e il campo delle Rayonnantes.

Incendio di un’antenna 5G il 18.08.

Una rivendicazione di « jogger illuminati Â» contro « il 5G e il nucleare Â» è stata pubblicata per giustificare la distruzione di una torre 5G vicino a Nancy. È stato bruciato nella notte del 19 agosto.

Azione degli agricoltori il 19.08

Giovedì, una centinaia di manifestanti hanno lasciato il campo della stazione di Luméville per dirigersi verso la Haute-Marne al suono della batucada e degli slogan contro gli espropri di terra che minacciano la regione. La struttura di un capannone agricolo è stata eretta collettivamente vicino alla linea ferroviaria prevista. Tutto è avvenuto sotto gli occhi della polizia, che è stata allertata tardi e si è accorta della protesta solo dopo un’ora di azione.

Sabotaggio del 21.08.

Durante la giornata d’azione, quattro processioni, la quinta rimasta al campo, si sono messi in marcia intorno alla città di Gondrecourt-le-Château. I poliziotti si sono concentrati soprattutto sul « corteo d’oro Â» e sul « corteo del circo Â» blu, che si sono riuniti nel punto d’incontro ufficiale a Horville, a sud di Gondrecourt, mentre i cortei « viola Â» e « verde Â» hanno potuto riunirsi nel villaggio di Abainville, più a nord, senza preoccuparsi. A Horville, la prefettura aveva preso la precauzione di rimuovere tutte le pietre decorative dal bordo della strada.

Dopo la partenza dei due cortei da Abainville, ciascuno composto da circa 200 attivisti antinucleari in tuta da pittore, i poliziotti hanno fermato il « dito viola Â» all’ingresso di Gondrecourt. Durante questa marcia, una compagna che accompagnava una persona in sedia a rotelle è stata aggredita e la polizia l’ha colpita alla testa senza motivo. Più tardi, la marcia viola è riuscita ad attraversare la periferia della città fino al deposito logistico dell’ANDRA, dove è stata nuovamente fermata da gas lacrimogeni.

Nel frattempo, il « corteo verde Â» ha potuto marciare verso sud lungo la linea ferroviaria sotto un sole splendente e con la minima scorta di polizia possibile. Mentre un gruppo ha impedito ai poliziotti di avanzare erigendo barricate, alcune decine di attivisti hanno iniziato a smontare e piegare sezioni della linea ferroviaria. Con fumogeni e ombrelli, erano protett·i·e dallo sguardo dell’elicottero della gendarmeria e da un aereo di ricognizione delle autorità. Dopo una buona ora, la manifestazione si è mossa sotto lo slogan « ANDRA fuori – Viva il fai da te Â» per raggiungere le vicinanze del « corteo viola Â».

Attacco al deposito il 21.08.

Nel frattempo, il « corteo d’oro Â» è riuscito a raggiungere il deposito ANDRA dal sud e ha danneggiato la recinzione e la facciata. Durante il loro ritiro, ha avuto luogo l’unico arresto del fine settimana d’azione.

Mentre il gruppo « viola Â» è stato fermato per la seconda volta all’ingresso di Gondrecourt, il « corteo verde Â» si è mosso risolutamente verso il lato nord del deposito dell’ANDRA. In un batter d’occhio, la recinzione è venuta giù e più di una centinaia di attivisti ha preso d’assalto il sito. Mentre sfogavano la loro rabbia sulla facciata con estintori e barattoli di vernice preparati, gli avversari hanno distrutto la maggior parte delle finestre dell’edificio. Anche l’interno dell’edificio è stato saccheggiato e un’auto aziendale è stata distrutta e capovolta di 180 gradi. Dopo appena dieci minuti, i manifestant·i·e erano scompars·i·e di nuovo dal sito – lo squadrone seguente è arrivato troppo tardi per intervenire. La solidarietà del dito blu « senza stress Â», che ballava allegramente al ritmo della samba e del tintinnio delle finestre all’incrocio, facilitava la ritirata e creava una bella connivenza.

Attacchi contro agenti di polizia il 21.08.

La ritirata dei cortei verdi e viola, ora uniti, fu un po’ ritardata. Leggeri tafferugli tra manifestant·i·e e poliziotti, sotto forma di spari pirotecnici, pietre e gas lacrimogeni, hanno avuto luogo nel primo pomeriggio. Dopo una pausa, durante la quale delle prove sono state consegnate alle fiamme, gli attivist·i·e si sono spostat·i·e lungo la linea ferroviaria per tornare ad Abainville. I cortei « d’oro Â» e « del circo Â» avevano già iniziato la lunga marcia di ritorno al campo.

Dal borgo di Abainville, la situazione è diventata tesa un’ultima volta: le barricate hanno impedito ai poliziotti di avanzare e i manifestanti hanno dovuto difendersi di nuovo dall’uso di gas lacrimogeni. Vicino al centro del villaggio, sono volate pietre verso la gendarmeria – anche la fiera jeep P4 è stata danneggiata. Navette improvvisate spontaneamente hanno fornito agli attivisti acqua e una lunga fila di auto ha permesso loro di ritirarsi.

Conclusione

Durante questi giorni di azione di successo, l’ANDRA e il suo progetto di gestione delle scorie nucleari CIGEO hanno incontrato ancora una volta una massiccia opposizione. Ci sono stati pochi feriti e un solo arresto. In un processo sommario presso il tribunale di Bar-le-Duc lunedì, la persona interessata è stata condannata a un divieto di accesso alla Mosa dopo quasi 48 ore di GaV. A settembre, la persona sarà accusata in un processo per danni alla proprietà e rifiuto di esporre i cartelli. La presenza dei poliziotti è stata molto inferiore a quella temuta, e quindi ci sono stati molti meno scontri del solito. La solidarietà e il coraggio, così come una strategia di marcia decentralizzata, nuova per la Francia, hanno funzionato e superato i sorprendentemente pochi poliziotti. Ancora una volta, un chiaro segnale è stato inviato contro il progetto e, oltre a molti eventi sostanziali, molta rabbia ha potuto venire alla luce. ANDRA chiede il riconoscimento della pubblica utilità (DUP) del suo progetto e vuole andare avanti con le domande di esproprio e di costruzione. Il 15 settembre, le audizioni di « partecipazione pubblica Â» sul DUP inizieranno a Montiers-sur-Saulx. È giunto il momento di alzare la pressione!

08/09/2021




Fonte: Bureburebure.info