Dicembre 7, 2021
Da Hurriya
87 visualizzazioni


Fonte: Passamontagna

riceviamo e condividiamo

APPELLO ALL’ AZIONE AL FIANCO DI CHI RESISTE IN LIBIA

Dal 1° ottobre più di 300 donne e diverse migliaia di uomini stanno resistendo in un presidio permanente davanti alla sede dell’UNHCR di Tripoli.
Alcune evase ai lager libici, altre sfuggite alla cattura, hanno deciso di non nascondersi più: la speranza di una salvezza individuale da quell’inferno ha lasciato il posto alla “lotta collettiva fino alla morte”.
la loro richiesta è l’evacuazione immediata della Libia verso paesi sicuri per tutte, senza distinzioni di status migratorio.
Le autorità italiane, l’UE e lo stesso UNHCR, oltre che voltarsi dall’altra parte, lavorano incessantamente per aggravare la loro posizione: se da un lato lo stato italiano e l’UE hanno aumentato ulteriormente i finanziamenti agli aguzzini libici, che in questo presidio hanno assassinato diverse decine di persone, dall’altro l’UNHCR ne ha chiesto per ben due volte lo sgombero immediato.
Cosa abbiamo fatto noi in questi 60 giorni per sostenere questa coraggiosa resistenza?
In che modo abbiamo deciso di sottrarci, o meno, alla complicità con queste istituzioni assassine?
Sentiamo l’urgenza di mettere in campo al più presto azioni concrete e determinate di pressione e solidarietà attiva con questa lotta, che riguarda chiunque aspiri alla libertà.
Nelle prossime settimane… stateve accuort!

EVACUAZIONE IMMEDIATA DELLA LIBIA.
BASTA FINANZIAMENTI AI LAGER!
FREEDOM, HURRIYA, LIBERTA’
———————————————————-
RIFUGIATƏ IN LIBIA: MANIFESTO POLITICO

Siamo persone rifugiate che vivono in Libia.
Veniamo dal Sud Sudan, Sierra Leone, Ciad, Uganda, Congo, Ruanda, Burundi, Somalia, Eritrea, Etiopia e Sudan. Stiamo fuggendo da guerre civili, persecuzioni, cambiamenti climatici e povertà tornando nei nostri paesi di origine. Siamo state tutte spinte da circostanze al di là della sopportazione umana.

Volevamo raggiungere l’Europa cercando una seconda possibilità per le nostre vite e siamo dunque arrivate in Libia. Qui siamo diventate la forza lavoro nascosta dell’economia libica: poniamo mattoni e costruiamo case libiche, ripariamo e laviamo auto libiche, coltiviamo e piantiamo frutta e verdura per i/le contadini/e libici/he e per le mense libiche, montiamo satelliti su tetti alti, schermi etc.
A quanto pare questo non basta alle autorità libiche. La nostra forza lavoro non è sufficiente. Vogliono il pieno controllo dei nostri corpi e della nostra dignità. Quello che abbiamo trovato al nostro arrivo è stato un incubo fatto di torture, stupri, estorsioni, detenzioni arbitrarie.
Abbiamo subito ogni possibile e inimmaginabile violazione dei diritti umani, non solo una volta.

Siamo state intercettate con la forza in mare dalla cosiddetta guardia costiera libica – finanziata dalle autorità italiane ed europee – e poi riportate nelle carceri e nei disumani campi di concentramento. Alcune di noi hanno dovuto ripetere questo ciclo di umiliazione due, tre, cinque,
fino a dieci volte. Abbiamo cercato di alzare la voce e diffondere le nostre storie. Le abbiamo
raccontate a istituzioni, politici, giornalisti ma, a parte pochissimə interessatə, le nostre storie sono rimaste inascoltate.

Siamo state deliberatamente messe a tacere e abbiamo deciso di rompere questo silenzio.

Dal 1° ottobre 2021, il giorno in cui la polizia e le forze militari libiche sono venute nelle nostre case nel quartiere di Gargaresh e hanno compiuto repressioni spietate e raid di massa contro di noi, migliaia di persone sono state arbitrariamente arrestate e detenute in disumani campi di concentramento. Il giorno dopo, siamo venute come individualità e ci siamo riunite presso la sede dell’UNHCR. Qui abbiamo capito che non avevamo altra scelta che iniziare ad organizzarci. Abbiamo alzato la nostra voce e quella dellə rifugiatə che sono statə costantemente messə a tacere.
Non possiamo continuare a restare silenti mentre nessuno difende noi e le nostre vite . Ora siamo qui per rivendicare i nostri diritti e cercare protezione in paesi sicuri.

Perciò ora chiediamo con fermezza con le nostre voci:

Evacuazioni verso terre sicure dove i nostri diritti possano essere tutelati e rispettati.
Giustizia e uguaglianza tra rifugiatə e richiedenti asilo registratə presso l’UNHCR in Libia.
L’abolizione dei finanziamenti alle guardie costiere libiche che hanno, costantemente e violentemente, intercettato le persone in fuga dall’inferno libico e le hanno portate in Libia dove sono vittime di ogni tipo di atrocità.
La chiusura di tutti i centri di detenzione in Libia, che sono interamente finanziati dalle autorità italiane ed europee.
Che le autorità consegnino alla giustizia i/le colpevoli che hanno sparato e ucciso i nostri fratelli e le nostre sorelle sia dentro che fuori dai centri di detenzione.
Che le autorità libiche interrompano la detenzione arbitraria di persone presso l’ufficio dell’UNHCR.
Forzare la Libia a firmare e ratificare la costituzione della Convenzione di Ginevra del 1951 sui/lle rifugiati/e.
FREEDOM, HURRIYA, LIBERTÀ!

scarica il MANIFESTO POLITICO qui:
Lybia-Manifesto-ITA




Fonte: Hurriya.noblogs.org