Novembre 21, 2020
Da No Frontiere
120 visualizzazioni

Oggi scenderemo anche noi in piazza. Lo Stato, ormai da quasi un anno, affronta l’emergenza sanitaria come fosse un’emergenza sociale: invece di finanziare la sanità e promuovere la salute, aumenta i controlli e tutela i profitti di pochi. Lo abbiamo visto in primavera, con i trattamenti riservati a chi stava nei CPR, nelle prigioni o in strada. Abbiamo visto persone appena arrivate dalla rotta balcanica essere multate, come molte altre, perché non stavano chiuse nella casa che non avevano. Abbiamo visto cosa vuol dire essere succubi dell’umore del controllore di turno. Non lo vogliamo vedere più!

Qui la chiamata –> https://www.facebook.com/events/375534137018400/




Fonte: Nofrontierefvg.noblogs.org