Novembre 14, 2021
Da Infoaut
75 visualizzazioni


Ciò che è stato attivato in Bolivia è una variante della dottrina Rumsfeld-Cebrowsky. Una volta che gli Stati Uniti perderanno il controllo del Medio Oriente, dove la Federazione Russa riacquisterà il suo immediato deterrente, di fronte alla geopolitica energetica occidentale, gli interessi del primo mondo, esposti alla COP 26, non troveranno altro modo per guidare la “transizione energetica” se non attraverso una nuova espropriazione attraverso la diffusione del “caos costruttivo” (che in realtà è un caos infinito).

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Di Rafael Bautista S. da Resumen Latinoamericano

Le disastrose esperienze scatenate in Iraq, Siria e Libia – e ora montate in Sudan – sono destinate ad essere diffuse nell’arco sudamericano. L’impero in declino non ha bisogno del suo coinvolgimento diretto ma attraverso le oligarchie vicine, soprattutto quella cilena, per contenere la possibilità che la Bolivia si orienti verso la Via della Seta (diventando un corridoio geostrategico dell’integrazione dell’economia sudamericana al Pacifico) e, in questo modo, si disaccoppia dalla geoeconomia del dollaro.

In Sudan è già scoppiato il “conflitto apparente” tra regioni, quando in realtà è orchestrato da mercenari al servizio di società di sicurezza private come la DynCorp International. Allo stesso modo, in Bolivia si intende infiammare un conflitto regionale, avendo Santa Cruz come nicchia di resistenza a un presunto governo autoritario. Questo per rafforzare la leggenda anti-colla che funzionalizza molto bene le esigenze orientali (cruceñas, soprattutto), attraverso il capro espiatorio “Estado colla”, come “colpevole di tutti i mali”; argomento dei loro gruppi di potere, quando si liberano di ogni responsabilità per i problemi locali.

Vale la pena notare che il regionalismo di Camba non nasce da movimenti federalisti come la storia ufficiale di solito sottolinea, a cui l’élite di Santa Cruz ricorre. Né il federalismo è un progetto attribuibile solo a Santa Cruz. Non invano, alla fine del diciannovesimo secolo, c’è la cosiddetta “guerra federale” tra La Paz e Sucre, cioè nell’asse occidentale del paese. Fino alla rivoluzione nazionale, l’asse commerciale ed economico del paese era occidentale: La Paz, Oruro e Potosí. Per migliorare il nuovo collegamento con l’est (incoraggiato dai gringos), questo asse doveva essere distrutto.

Dai documenti declassificati della CIA, è ora noto che il regionalismo era il discorso radicalizzato che ha potenziato i gruppi di potere che beneficiano di questo nuovo collegamento strategico. Da allora, non è raro che i colpi di Stato, dopo il ’52, si articolano dall’Est, in particolare da Santa Cruz. Cioè, Santa Cruz divenne la nicchia di resistenza a qualsiasi progetto popolare proveniente dalla campagna indigena popolare, che aveva in Occidente il suo fulcro dell’irradiazione nazionale.

Fino all’ingresso del neoliberismo, la dottrina era quella di annullare tutti gli orizzonti emancipatori, annullando il soggetto proiettore di quello. Prima sono stati gli indiani, poi i minatori e ora sono di nuovo gli indiani e, per questo, il razzismo regionalista genera le possibilità di attivare il reclutamento di destra, in una società urbana attraversata dal razzismo maestoso.

Con Santa Cruz al centro del separatismo e Potosí come braccio occidentale di un crescente processo di balcanizzazione, si può osservare l’influenza che le capitali cilene e brasiliane hanno in questi due dipartimenti, per gestire il disastro che potrebbe verificarsi a loro vantaggio. Perché quello che appare, come evidente, è un arco di interessi che mira a smantellare il triangolo del litio.

Il problema finale è: chi guida la tanto propagandata “transizione energetica”. Il fatto che Ellon Musk e Tesla siano stati coinvolti nel colpo di stato del 2019 dimostra che la lotta per il capitale globale è una lotta per la vita o la morte. Perché passare a una nuova base energetica è un cambiamento nel modo di vivere e questo suppone un nuovo paradigma esistenziale, che significa anche un nuovo disegno nella struttura del potere e del dominio globale.

Va ricordato che, nel 1988, Brian Mulroney e Margaret Thatcher, primi ministri del Canada e del Regno Unito, hanno creato l’IPCC, cioè il gruppo di esperti sui cambiamenti climatici. Il discorso che emerge funzionalizza il tema dell’ozono, dei gas serra e delle piogge acide, nell’ottica di promuovere una nuova rivoluzione industriale; che aveva l’energia nucleare come fondo energetico per sostituire il carbone e, di conseguenza, porre fine ai sindacati minerari. La stessa cosa che è stata fatta in Bolivia, nel 1986, annullando tutti i progetti socialisti, ponendo fine al soggetto che incarnava quel progetto: il minatore. La “marcia per la vita” non solo segnò la fine dello stagno, ma del soggetto proletario. Il neoliberismo era chiaro: annulliamo il soggetto, annulliamo il progetto.

In questa nuova “transizione” forzata e, secondo le prerogative del mondo finanziario, con una prontezza irrazionale, ciò che si cerca è di configurare lo scenario ideale per imporre un ricatto globale. E la COP 26 era per questo: gli Stati devono accettare il reset dell’economia mondiale, sotto l’argomento della necessaria “transizione energetica”, dettata da grandi fondi di investimento o gigabank, per adattarsi al nuovo paradigma post-industriale e, logicamente, prendere in prestito senza rimedio.

Tenere i piccoli paesi fuori controllo è il modo migliore per accedere rapidamente alle loro risorse strategiche. Anche le emorragie interne producono debito e le banche, oggi, producono guerre civili, non per fare affari, ma per rendere i paesi proprietari di nulla, attraverso il debito generato da emorragie interne. La COP 26 è stata la cortina fumogena per introdurre la trappola ideale nell’agenda globale: prestare denaro per “salvare il pianeta”.

Pertanto, ciò che viene deciso in questi “vertici” non è il clima ma la politica. E sebbene sia dimostrato che la famosa “transizione energetica” è più inquinante di quelle attuali, ciò non importa, perché ciò che conta è il consenso politico che, per finire, è approvato dagli scienziati ufficiali delle organizzazioni mondiali; perché ciò che questi climatologi fanno è dare copertura scientifica ai cambiamenti politici globali di cui i poteri forti hanno bisogno per resettare l’economia mondiale a misura dei ricchi.

Ciò che sta accadendo in Bolivia non è lontano dal reset che il potere finanziario cerca, o dallo stato profondo dello stato profondo. Anche se il Messico, nello Stato di Sonora, ha certificato le più grandi riserve di litio al mondo (detenute anche da gringo) e l’Afghanistan ha anche grandi riserve; il cerchio del litio, ma, soprattutto, la parte boliviana, vanta una varietà strategica, accompagnata da altri elementi che conferiscono al litio boliviano una qualità invidiabile.

D’altra parte, la speranza oligarchica di screditare il contenuto indigeno dello Stato plurinazionale rimane in sospeso. Non è nell’interesse di nessuna oligarchia vicina che la componente indigena generi un’Assemblea Costituente vincolante, dove il percorso della Bolivia può essere seguito e lo Stato rifondato. In questo senso, distruggere e sanguinare il processo boliviano è anche nell’interesse delle oligarchie vicine e dell’Impero in declino.

Nella dottrina Rumsfeld-Cebrowsky, una volta che l’emorragia interna, cioè il caos infinito, è avvenuta attraverso la guerra ibrida (che ha nei media gli operatori politici perfetti), il passo successivo è la messa in scena di una piattaforma regionale di “pacificazione” che, invocano i paesi vicini, facendo appello al loro “diritto alla propria sicurezza”.

Quindi viene progettata la strategia di “transizione democratica”, che consiste nella balcanizzazione del paese. Lo ha fatto Volker Peters, come redattore del piano di capitolazione della Siria che Jeffrey Feltaman voleva imporre, attraverso l’ONU; ciò significava l’abolizione della sovranità, lo scioglimento degli organi costituzionali, le esecuzioni di massa e la divisione del paese. Ma questo è solo lo schermo pubblico di ciò che si cerca veramente: provocare la guerra civile, in modo che noi stessi distruggiamo lo Stato plurinazionale e, solo i dipartimenti (dove si trovano le risorse strategiche) diventino feudi, rimangano in piedi, con aiuti stranieri.

Il paese ha visto il disastro causato dai golpisti nel 2019. Se ora gli indifferenti e i tiepidi, quelli che non si schierano e quelli che prendono le distanze da tutto, lasciano che i golpisti accelerino la belligeranza, saranno complici del disastro nazionale, come lo sono stati nel 2019 e nel 2020.

Da parte sua, il popolo boliviano ha dimostrato la sua capacità di organizzazione spontanea, che è decisiva per affrontare un crescente scenario avverso. Ma il popolo non può essere lasciato solo e guardare con aspettativa a una risoluzione a parte un accompagnamento decisivo del politico.

Un’autocritica che dovrebbe essere fatta da enti governativi chiamati a garantire la stabilità politica è che le misure trascendentali e la proiezione strategica possono essere fatte solo quando si ha la massima legittimità. Per inerzia della stessa gestione statale, questa legittimità iniziale tende a diminuire e, se non si sa come amministrare le dinamiche egemoniche, allora le iniziative successive possono tradire un carattere estemporaneo.

Inizialmente, il governo avrebbe dovuto smantellare i gruppi paramilitari, rimuovere i golpisti nell’esercito e nella polizia. Avrebbe dovuto mettere in discussione e non riconoscere istanze antidemocratiche e belligeranti come i comitati civici (che sono eletti tra quattro mura, senza una vera rappresentanza). Nel momento a sua scadenza, quello iniziale, quando il 55% era l’immediata materialità democratica che ha costituito la massima legittimità del nuovo governo, il colpo di stato doveva essere smantellato. Ora sembra che ogni iniziativa sia estemporanea, come nel 2019.

Ma nemmeno la destra ha abbastanza lucidità per dimostrare anche un’articolazione strategica. Mentre sembrano troppo fiduciosi, tipici della loro arroganza e arroganza, il blocco popolare non esce dal suo stato post-traumatico. Dobbiamo capire che la destra, nelle sue esplosioni di grandezza, mostra solo disperazione. Sa che è in gioco la vita. Anche se l’ho già sorteggiato nel 2020.

La loro unica possibilità è il colpo di stato e la rinascita razzista e fascista li espone in tutta la loro perversa grandezza. Non si tratta più di prendere d’assalto il potere, ma che, nella loro cecità, pieni di odio malaticcio, stanno portando il loro paese al disastro.

Ecco perché non è un caso che l’attuale élite oligarchica di Santa Cruz non abbia origine nazionale, ma straniera. Non lega nulla a questa terra se non i suoi affari, e le imprese sono apole e possono trasferirsi altrove, o essere globali, che è stato ciò che il neoliberismo ha portato alle élite del mondo.

È curioso, per non dire altro, che anche l’élite di La Paz non si renda conto di quel carattere anti-nazionale esibito dai golpisti di Santa Cruz; perché è la rimozione definitiva dell’oligarchia dell’occidente boliviano, se dovesse trionfare un nuovo colpo di stato, e questo significa anche l’amputazione culturale delle Ande, e l’invenzione di un’identità falsa come la nuova città “intelligente” di Santa Cruz.

Nessuno se ne accorge, perché tutti gli attori politici, il partito al governo e l’opposizione (sommati a quelli che, dallo stesso MAS, giocano al governo indebolendosi per provocare il ritorno di coloro che la storia immediata stessa li ha rimpiazzati), fanno solo calcoli di potere.

Ma sono le persone che definiscono sempre, perché è colui che mette il petto; ma i “professionisti” della politica non lo capiscono. Hanno sempre diffidato del loro stesso popolo, quindi li convocano solo per il voto e gli atti ufficiali.

Credere nel popolo non è una questione teorica ma esistenziale e, per credere nel popolo, bisogna credere in ciò in cui la gente crede. Stare come discepolo e lasciare che il popolo indichi la strada. Il potere viene dal popolo, non come proprietà ma come facoltà. E in questa fatidica ora che deciderà la risoluzione politica del conflitto, che concentra, ancora una volta, storie irrisolte e contraddizioni.

In questa saggezza popolare ci riuniamo e, da essa, richiamiamo di nuovo tutti i nostri antenati. La forza che il popolo possiede nasce anche dagli antenati e dai nostri morti. Grazie a loro e a tutti coloro che si sono auto-convocati, ripristiniamo la democrazia e la pace.

Ma il fascismo non riposa, perché si nutre del potere del male e quel potere è superbo, perché è disposto a tutto. Non ha limiti. Lo stesso dell’avidità e dell’ambizione che ritrae il capitalismo.

Anche se può non sembrare, nella nostra regione la “transizione energetica” sarà risolta, nel bene e nel male, che non è altro che una transizione di civiltà. Ancora una volta: non è che ci sia molta politica in Bolivia. La Bolivia Ã¨ politica, perché ciò che accade altrove in modo apparente, qui accade in modo essenziale.

Uka jachauru jutaskiway, Jallalla Boliviamanta!

Fonte: Indymedia Argentina

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org