Aprile 26, 2022
Da Oltre Il Ponte
225 visualizzazioni

Sabato 23 aprile alcune compagne e compagni, femministe, nemiche e nemici del patriarcato hanno contestato ancora una volta la preghiera antiabortista che il Bewegung fuer das Leben organizza regolarmente di fronte all’ospedale di Bolzano, ma non solo (anche a Merano).

La presenza degli esponenti di tale movimento fuori dall’ospedale costituisce una grave provocazione contro le donne che decidono di praticare l’interruzione volontaria della gravidanza.

Foto presa dalla pagina Fb Bolzano antifascista

Va ricordato come il Bewegung fuer das Leben, il cui obiettivo è cancellare un diritto conquistato dal movimento femminista attraverso dure lotte, venga da anni finanziato profumatamente dalla ripartizione famiglie e politiche sociali della Provincia di Bolzano per attuare la propria offensiva contro i diritti delle donne e il movimento LGBTQ. La presenza di tale associazione oscurantista fuori dall’ospedale costituisce una violenza contro donne che vivono una situazione estremamente delicata e che non può essere lasciata passare nel silenzio. Per questo motivo ancora una volta, dopo le iniziative degli ultimi anni, è importante una contro-manifestazione solidale con tutte le donne che più non hanno voce costrette ancora oggi a subire una propaganda che ne criminalizza le scelte. Donne che devono sapere di non essere sole.

Foto presa dalla pagina Fb Bolzano antifascista

Il volantino distribuito e letto durante il presidio




Fonte: Oltreilponte.noblogs.org