Novembre 26, 2021
Da Il Manifesto
43 visualizzazioni


Con l’inizio della nuova stagione alla fine della prossima estate il nuovo direttore artistico del Tanztheater sarà Boris Charmatz, che ha rilasciato un’intervista esclusiva per il manifesto. Due settimane fa a Wuppertal per rendere pubblica la sua nomina a prossimo intendente della compagnia lo abbiamo contattato in Francia dove è molto impegnato con la sua compagnia «Terrain».

Qual è la tua sensazione personale nel continuare l’eredità di Pina Bausch?
Sono stato invitato a Wuppertal per inventare un nuovo terreno per la compagnia, per sviluppare la necessaria libertà artistica, per creare e inventare. Il 2021 deve essere abbracciato e porteremo con noi l’eredità di Pina Bausch in questo viaggio.La mia direzione inizierà tra un anno e la stagione 22-23 è già programmata, quindi questo mi dà due anni per essere pronto ad avere l’onore di dirigere questo gruppo leggendario.
Tutti in tutto il mondo hanno sentimenti personali con l’eredità di Pina. È unica! Io sono solo uno di loro. Io sono un outsider, TTW è già stato diretto da così grandi collaboratori di Pina come Dominique Mercy, Robert Sturm, Lutz Förster… Quindi porterò i miei « occhi freschi », per procedere a volte con delicatezza, per fare molta luce « rinnovamenti» dei pezzi, e talvolta sperimentano in modo più selvaggio.
Il mio contatto principale con Pina è indiretto: lavoro da anni con Raphaelle Delaunay, che ha trascorso alcuni anni a Wuppertal, e ho anche lavorato a stretto contatto con Raimund Hoghe… entrambi mi hanno dato molte sensazioni sull’Opera di Pina Bausch.
Ma la mia posizione è umile: sono lì per imparare e sperimentare.

Qual è il ruolo dell’arte e della danza nell’attuale situazione politica e sociale?
La mia risposta alla «situazione» del presente è inventare una sorta di danceground, non una pista da ballo, ma un nuovo tipo di spazio di lavoro, senza pareti né soffitto, come uno spazio coreografico urbano verde. Nella serie di idee che sviluppo con la mia associazione (Terrain), spero che ci saranno alcuni desideri del presente: come inventare uno spazio di arte ardente all’interno di una società che ha bisogno di bruciare meno energia? Come ripensare l’architettura attraverso un nuovo tipo di body-movement institution del corpo? Come progettare nuove finestre, disegnare nuove porte, portare aria fresca al TTW?…

C’è un piano di affinità e obiettivi tra NRW e Hauts-de-France?
Io vivrò a Wuppertal e la compagnia resterà ovviamente a Wuppertal. Ma le due regioni hanno già una forte partnership, vorrei rendere questa connessione entusiasmante per tutti: c’è un tale bisogno di rafforzare i legami europei e di esplorare la cooperazione franco-tedesca!
Pina Bausch è stata la più francese dei coreografi tedeschi, e io sono francese con profonde radici e passione per la cultura tedesca… Perché non inventare un nuovo terreno per la compagnia con progetti che si sviluppano in entrambe le regioni, con artisti presentati da entrambi i lati del confine, e una possibilità per l’Ensemble di coprodurre grandi progetti a livello europeo decentrato? Ma questo è solo un desiderio: la mia nomina è appena avvenuta, ci stiamo lavorando!

Quali sono le tue idee e le sensazioni sul rischio dei cambiamenti nel rivolgersi al nuovo pubblico?
Non ho mai immaginato il pubblico come un monolite o con una base di fan. Per me, è un partner in movimento. Rivolgersi al pubblico è sempre una sfida, come sono abbastanza sicuro che lo sia sempre stato per Ttw nel corso degli anni. Considererei piuttosto il pubblico come un possibile assemblaggio per la coreografia, alla ricerca dell’esperienza della danza, dell’arte. Lavorare su questa esperienza è il mio lavoro di artista alla direzione del Ttw. Pensare questo come un rischio non è proprio vero, piuttosto direi che è una responsabilità schiacciante che richiede umiltà e un enorme desiderio di condividere i linguaggi dell’arte. Se le tue domande implicano che ogni estetica ha il suo pubblico, non ne sono sicuro. Ad esempio a Parigi, molte persone vanno sia all’Opéra de Paris che al Théâtre de la Ville, o entrambi al Musée d’Orsay e al Centre Pompidou.

Quali le possibilità di avviare nuove opere da sviluppare a livello internazionale?
Non vorrei sembrare pretenzioso, ma il mio lavoro è molto internazionale… lavoro già da anni, ad esempio con il Théâtre de la Ville de Paris, e Sadler’s Wells… la rete di TTW e la mia rete si fonderanno e si svilupperanno, e spero che troveremo il supporto di cui abbiamo bisogno per sviluppare le creazioni che avranno luogo in futuro. E naturalmente l’eredità di Pina andrà avanti, e io lavorerò a stretto contatto con la fondazione affinché l’Opera trovi il posto che merita nel nostro presente e futuro.




Fonte: Ilmanifesto.it