Dicembre 17, 2020
Da Infoaut
101 visualizzazioni


Da lesenfantsterribles

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Domani il ministro Michael Gove illustrerà ai parlamentari i dettagli di un accordo con l’Unione europea su come attuare il protocollo dell’Irlanda del Nord

Il governo britannico ha dichiarato che ritirerà le clausole di violazione dei trattati dal disegno di legge sul mercato interno e ritirerà clausole simili da un prossimo disegno di legge sulla tassazione dopo che Gove e il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sevcovic, hanno dichiarato di aver raggiunto un accordo. “A seguito del lavoro intenso e costruttivo svolto nelle scorse settimane dall’UE e dal Regno Unito, i due copresidenti possono ora annunciare il loro accordo di principio su tutte le questioni, in particolare per quanto riguarda il protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord. In linea di principio è stato trovato un accordo nelle seguenti aree, tra le altre: posti di controllo frontalieri / punti di ingresso specifici per i controlli su animali, piante e prodotti derivati, dichiarazioni di esportazione, fornitura di medicinali, fornitura di carni refrigerate e altri prodotti alimentari ai supermercati e un chiarimento sull’applicazione degli aiuti di Stato secondo i termini del protocollo”, ha affermato Gove in una nota. “Alla luce di queste soluzioni concordate di comune accordo, il Regno Unito ritirerà le clausole 44, 45 e 47 del disegno di legge sul mercato interno del Regno Unito e non introdurrà disposizioni simili nel disegno di legge sulla tassazione”. Le due parti hanno concordato una presenza dell’UE nell’Irlanda del Nord per supervisionare il modo in cui i funzionari britannici amministrano i controlli sulle merci provenienti dalla Gran Bretagna e altrove. Il governo britannico ha affermato di aver concordato come determinare i criteri per le merci da considerare “non a rischio” di entrare nell’UE quando si spostano dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord, l’esenzione dei sussidi all’agricoltura e alla pesca dalle norme sugli aiuti di Stato e la finalizzazione dell’elenco dei presidenti del collegio arbitrale per un meccanismo di risoluzione delle controversie. Gove ha aggiunto che l’accordo assicurerà che le imprese dell’Irlanda del Nord possano commerciare liberamente con l’UE e il resto del Regno Unito dal 1 ° gennaio. “Ciò significa che le aziende in Irlanda del Nord hanno l’opportunità di godere del meglio di entrambi i mondi; accedere al mercato unico europeo, perché non ci sono infrastrutture sull’isola d’Irlanda, e allo stesso tempo libero accesso al resto del mercato britannico”, ha detto a ITV News. “Nel corso degli ultimi 22 anni abbiamo assistito a reali guadagni ottenuti attraverso il processo di pace ed era l’obiettivo di tutti i partiti politici dell’Irlanda del Nord e del primo ministro e vice primo ministro di tradizioni unioniste e repubblicane, garantire che potremmo salvaguardare il processo di pace, ma anche assicurarci che le imprese dell’Irlanda del Nord possano beneficiare della forza del mercato interno del Regno Unito”. L’accordo deve essere formalizzato in una riunione completa della commissione mista alla fine di questo mese, ma Gove ha chiarito che le clausole di violazione del trattato saranno rimosse dal disegno di legge sul mercato interno quando tornerà alla Camera dei Lord questa settimana e non saranno ripristinate dai Comuni. Un disegno di legge sulla tassazione che dovrebbe essere introdotto in parlamento domani non includerà ora clausole simili che consentirebbero ai ministri di ignorare l’accordo di recesso e il protocollo dell’Irlanda del Nord.

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org