Settembre 1, 2022
Da Libertà è Partecip/Azione Diretta
163 visualizzazioni

È stata una rapina iniziata con la classica frase: “Mani
in alto e nessuno si muova!” Erano le nove e dieci del mattino di sabato 1
settembre 1923 nella filiale della Banca di Spagna a Gijón, allora situata in via
Instituto. “Abbiamo ricevuto la prima notizia una scarsa mezz’ora dopo che
il fatto era stato commesso, quando stavamo riposando dal lavoro la sera prima”,
ha spiegato ai suoi lettori il giorno successivo “El Noroeste” in prima
pagina, sotto un titolo a sei colonne che dicono: “Rapinano la filiale della
Banca di Spagna, feriscono gravemente il direttore e prendono 563.000 pesetas (sic)”.

Da parte sua, anche il quotidiano locale “La Prensa”
ha aperto la sua prima a sei colonne, come era naturale dopo “l’audace aggressione
e delitto di ieri”, con il titolo: “Una banda di ladri penetra, pistola
in mano, nel Bank of Spain, sequestrando 556.657 pesetas “, una fortuna intera
per il tempo.

In seguito si sarebbe saputo che uno dei rapinatori della
filiale della Banca di Spagna, che “sapeva, da quanto appare, in modo perfetto
come erano distribuiti gli uffici della Banca” (“La Prensa”), era
stato Buenaventura Durruti, eminente attivista della CNT, nato a León nel 1896,
che aveva dato inizio alla lotta operaia nelle file dell’UGT.

Ferito gravemente da uno sparo sparato da uno dei rapinatori
in una rissa, il direttore della filiale del Banco de España, Luis Azcárate y Álvarez,
“è morto alle 15:00 del 5 settembre”. Asturiano di nascita, nella città
di Godos (Trubia), nei necrologi che i giornali pubblicarono aprendo il loro primo
il 6 settembre di 87 anni fa, vale la pena notare che prima di menzionare sua moglie
e i suoi figli, apparve il “suo direttore spirituale”, il reverendo padre
Elorriaga.

Anni dopo, il gesuita Elorriaga sarebbe stato uno dei
protagonisti degli eventi accaduti a Gijón il 15 dicembre 1930, quando una folla
di persone appiccò il fuoco alla chiesa del Sacro Cuore di Gesù (La Iglesiona),
durante una manifestazione dopo le fucilazioni dei Capitani Fermín Galán e Ángel
García Hernández, che erano stati i leader della rivolta repubblicana a Jaca contro
la monarchia di Alfonso XIII.

I disordini sono iniziati dopo che la folla ha attaccato
la residenza dei gesuiti, situata in Instituto Street, e un giovane di nome Tuero
è stato ucciso. Poi, nella città questa strofa allusiva si diffuse di bocca in bocca:
“Tre colpi risuonarono e Tuero morì, e padre Elorriaga fu colui che lo uccise”.

Una volta che i banditi hanno preso i soldi, sono andati
a un’auto grigia targa O-434, che li stava aspettando in strada . Allo stesso tempo,
hanno sparato a una guardia giurata che si stava preparando ad arrestarli, facendolo
scappare in un portone, mentre la sua arma si inceppava. I ladri sono fuggiti attraverso
Begoña Street fino a Covadonga Street, dove si sono diretti verso Oviedo.

Nelle prime ore del pomeriggio l’auto abbandonata è stata
ritrovata a Venta de Puga e la Guardia Civile ha rapidamente arrestato il suo proprietario,
mentre si sospettava che la banda si nascondesse a Naranco. Ma niente di più, visto
che si erano nascosti in una pensione in via Covadonga a Oviedo, dove il 7 settembre
sono stati scoperti ed è iniziata una feroce sparatoria. A seguito questa, uno dei
rapinatori è stato ucciso (Eusebio), un sergente ferito e il resto della banda arrestato.
Erano José Buenaventura Durruti, di León soprannominato “Boina”; Aurelio
Fernández Sánchez, di Oviedo “Jerezano” o “Asturiano”; un altro
individuo soprannominato “el Catalán”, Gregorio Martínez Gazán, di León
“Toto”, l’autista García Vivancos e Rafael Torres Escartín,

Gli autori della prima grande rapina a mano armata in
una banca spagnola non sarebbero rimasti in prigione a lungo, solo pochi giorni.
Dodici giorni dopo la rapina, il 13 settembre 1923, il capitano generale della Catalogna,
il generale Miguel Primo de Rivera, eseguì un colpo di stato e impose alla nazione
il comando di una direzione militare. L’incertezza di questo cambiamento politico
ha causato insicurezze legali e gli autori della rapina sono riusciti a uscire di
prigione e fuggire in Argentina e Cile.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com