285 visualizzazioni

Alcuni secoli fa in Europa la paura della stregoneria
portò alla famigerata caccia alle streghe, e molte persone vennero messe a morte.

Il fenomeno interessò prevalentemente Francia, Germania,
Italia settentrionale, Svizzera e gli attuali Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi,
“persero la vita decine di migliaia di persone, sia in Europa che nelle colonie
europee”, Americhe comprese, e furono “milioni quelle che soffrirono a causa di
torture, arresti, interrogatori, odio, sensi di colpa o paura”. Come ebbe inizio
questa ossessione e cosa la alimentò? L’Inquisizione e il Malleus Maleficarum. Su
questa storia si staglia minacciosa l’ombra dell’Inquisizione. Fu creata nel XIII
secolo dalla Chiesa Cattolica Romana “per convertire gli apostati e impedire l’allontanamento”
dei fedeli. L’Inquisizione era praticamente la polizia della Chiesa. Il 5 dicembre
1484 papa Innocenzo VIII emanò una bolla che condannava la stregoneria. Il papa
inoltre incaricò due inquisitori di combattere il problema: Jakob Sprenger e Heinrich
Kramer, conosciuto anche con il nome latino di Henricus Institoris. I due scrissero
un libro intitolato Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Cattolici e
protestanti lo accettarono come opera di riferimento sulla stregoneria. Conteneva
storie immaginarie sulle streghe basate sulla tradizione popolare. Proponeva argomentazioni
di natura teologica e legale contro la stregoneria e forniva istruzioni per identificare
ed eliminare le streghe. Il Malleus è stato definito “il libro più pericoloso e
[…] più dannoso della letteratura mondiale”. Non c’era bisogno di prove per accusare
qualcuno di stregoneria. Un libro afferma che l’obiettivo dei processi “era solo
quello di ottenere una confessione con la persuasione, le pressioni psicologiche
o la forza” (Hexen und Hexenprozesse). Spesso si ricorreva alla tortura. In Europa
il Malleus e la bolla di Innocenzo VIII scatenarono una caccia alle streghe di enormi
proporzioni. Inoltre l’avvento di una nuova tecnologia, la stampa, spinse la psicosi
delle streghe al di là dell’Atlantico fino a raggiungere l’America.

 

Chi veniva accusato?

In più del 70 per cento dei casi si trattava di donne,
specialmente vedove, che spesso non avevano chi le difendesse. Venivano anche presi
di mira i poveri, le persone anziane e le donne che preparavano rimedi a base di
erbe (soprattutto se questi non avevano effetto).

La donna fa paura: i medici non conoscono quasi nulla
della fisiologia del corpo femminile e i teologi, la considerano un essere incostante
che bisogna sorvegliare. Dal punto di vista giuridico, infine, essa è sotto la tutela
del padre, prima, e del marito, poi. Solo con la vedovanza acquista una relativa
autonomia, ma il suo riconoscimento sociale è messo in discussione ed è forte il
rischio della marginalizzazione. Il problema della stregoneria si intreccia dunque
con quello del ruolo della donna nella società cristiana. In effetti, quelle che
vengono colpite dalle accuse di stregoneria sono in genere donne sole o vedove che
hanno acquisito una relativa autonomia, oppure anziane, che conoscono le proprietà
curative delle erbe medicinali (le “medichesse”) o, ancora, levatrici,
che assistono nei parti difficili o aiutano ad interrompere gravidanze indesiderate.
Si tratta di figure che occupano una posizione sociale al limite dell’irregolarità,
in una società in cui la donna vede riconosciuta e giustificata la sua esistenza
solo all’interno di una famiglia.

Appartiene a questa categoria femminile anche
Benvenuta Pincinella di Nave, la cui vicenda è esemplare per la ricostruzione degli
atteggiamenti mentali dei contemporanei sulle streghe. Benvenuta ha sessant’anni,
quando denunciata per stregoneria, viene condotta davanti all’inquisitore di Brescia
per sottoporsi all’interrogatorio. La donna ha già subito in precedenza un altro
processo, concluso con un’ammenda e con l’obbligo di indossare un abito da penitente
davanti alla chiesa di Nave, paesino della Valcamonica, e di non esercitare la sua
“arte medica”. Questa volta però -siamo nel 1518- le accuse sono circostanziate
e aggravano ulteriormente la posizione dell’imputata, la quale non solo non ha smesso
di praticare i suoi rimedi, ma ha addirittura guarito la figlia di un nobile della
città. Seguendo le procedure del Malleus, vengono registrate dal notaio le testimonianze,
rigorosamente anonime e il processo segue la prassi usuale: la donna viene rasata
nel corpo alla ricerca del bollo, l’infamante marchio diabolico, (poteva essere
semplicemente un neo o una particolare macchia della pelle che si dimostrasse insensibile
al dolore), si utilizza poi la tortura come mezzo di confessione rapida dei malefici,
segue, infine, l’interrogatorio. Le deposizioni pervenute di questo processo ci
restituiscono i dati biografici e la personalità dell’imputata, altrimenti scarni.
Sono sequenze in cui la realtà e la fantasia si fondono, lasciando emergere un complesso
sistema di credenze e di superstizioni arcaiche pagane, connotate religiosamente
e sopravvissute fino al XVI secolo. Dopo l’ennesima tortura, Benvenuta confessa,
esausta: ha partecipato al sabba, ha reso omaggio al demonio, ha avuti rapporti
sessuali con un demonio, Giuliano, che dice di aver portato con sé nella propria
gamba per tredici anni, ha operato malefici contro persone e animali. C’è però,
nella sua confessione, una consapevolezza, quasi orgogliosa, delle sue particolari
conoscenze, tanto da essere richiesta perfino dal podestà di Brescia. Ella conosce
le proprietà medicinali delle erbe che sa attivare grazie a formule magico-rituali,
tramandate da una cultura orale, tipica di una mentalità animistica e antiscientifica,
soprattutto nell’uso di simboli religiosi o di formule guaritorie: “Dio ve
salvi, madonna ruta, da parte che Jesu Cristo e san Zulian, vi prego de quella gratia
che v’ho domandato”. E’ un sapere tramandato oralmente che a differenza della
cultura medica dotta, quella scritta delle “auctoritates”, concepisce
il mondo naturale dotato di personalità e volontà propria, e che per questo bisogna
invocare per ricevere aiuto. 

La macchina giudiziaria ha ormai elementi sufficienti
per emettere la sentenza: “Iudichemo essere veramente rescada ne la eretica
pravità, benché al presente sei pentida […] del iudicio nostro ecclesiastico ti
getemo et lassemo, overo noi te demo al brazo et iudicio secolar”. La sentenza
è la morte capitale.

Coloro che erano ritenute streghe venivano accusate di
ogni sorta di sventura. Si diceva che “causassero gelate e arrecassero piaghe di
lumache e bruchi per distruggere semi e prodotti della terra”. Se un raccolto veniva
distrutto dalla grandine, se una mucca non produceva latte, se un uomo era impotente
o una donna era sterile, sicuramente la colpa era di qualche strega!

Chi era sospettato veniva pesato, perché si credeva che
le streghe pesassero poco o nulla. Come si faceva a riconoscere una strega? A volte
la persona sospettata veniva legata e gettata in uno specchio d’acqua “benedetto”.
Se affondava, veniva dichiarata innocente e tirata fuori. Se invece galleggiava,
era considerata una strega e messa immediatamente a morte oppure sottoposta a processo.
Un’altra prova consisteva nel trovare il “marchio del Diavolo”, ovvero “un segno
tangibile del patto che la strega aveva stretto con il Diavolo”. Per cercare il
marchio, gli incaricati “radevano completamente la persona e ne esaminavano ogni
punto del corpo”, e come se non bastasse il tutto avveniva in pubblico. Poi infilavano
un ago in tutti i punti sospetti, ad esempio voglie, verruche o cicatrici. Se l’ago
non provocava dolore o sanguinamento, si era trovato un marchio di Satana. La caccia
alle streghe fu promossa da governanti sia cattolici che protestanti e in certe
zone i protestanti furono più severi dei cattolici. Col tempo, però, cominciò a
prevalere la ragione. Per esempio nel 1631 Friedrich Spee, un sacerdote gesuita
che aveva accompagnato al rogo molte persone condannate come streghe scrisse che
secondo lui nessuna era colpevole. Nel frattempo i medici cominciarono a capire
che certi fenomeni, ad esempio le convulsioni, potevano essere ricondotti a un problema
di salute anziché alla possessione demonica. Durante il XVII secolo i processi diminuirono
notevolmente e alla fine dello stesso secolo praticamente cessarono.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com