Giugno 7, 2022
Da Umanita Nova
41 visualizzazioni

Le compagne e i compagni presenti al XXXI Congresso della FAI a Empoli, valutano positivamente la campagna antimilitarista lanciata nel giugno 2021 a Massenzatico, e sviluppata nell’ultimo anno con una ricca articolazione di iniziative.

Ritengono che l’impegno antimilitarista, sempre caratterizzante del nostro agire, rappresenti attualmente un nodo centrale su cui l’intervento anarchico può esplicitare la propria azione anche attraverso alcune significative campagne e appuntamenti fra cui vengono individuati:

AVIANO 19 giugno: manifestazione antimilitarista indetta dal Coordinamento regionale libertario contro guerre, riarmo ed eserciti

TORINO 2 luglio: iniziativa contro il progetto della Città dell’aerospazio e contro l’Acceleratore d’innovazione della NATO

COLTANO (PI): sostenere attivamente le iniziative di lotta antimilitarista contro la costruzione della nuova base militare, mettendo specificamente in evidenza il legame tra basi militari e missioni militari all’estero

Ritengono importante il percorso che ha portato allo sciopero generale contro la guerra dello scorso 20 maggio indetto dal sindacalismo di base e conflittuale, percorso che ha visto il contributo significativo di molte compagne e compagni di ambito anarchico e libertario e intendono sostenere percorsi che possano portare ad ulteriori azioni di sciopero anche in prospettiva internazionale.

Ribadiscono inoltre il sostegno all’Assemblea Antimilitarista quale strumento di raccordo delle lotte e delle iniziative antimilitariste e delle attività promosse in tale ambito a partire dal primo appuntamento in calendario per il prossimo 25 giugno.

Le compagne e i compagni riuniti in congresso, ritengono importante che la FAI sostenga inoltre le varie iniziative di lotta presenti sul territorio contro il militarismo e gli insediamenti militari come le lotte del movimento No Muos e quelle contro le installazioni militari in Sardegna.

Federazione Anarchica Italiana

5 maggio 2022

Qui il documento “Contro la guerra e chi arma, fermiamo il militarismo!”




Fonte: Umanitanova.org