Dicembre 23, 2022
Da Radio Onda D'Urto
256 visualizzazioni
CARCERE: SCIOPERO A STAFFETTA DEI GARANTI PERCHE’ I DETENUTI IN SEMILIBERTA’ POSSANO DORMIRE FUORI DAL CARCERE

Sciopero della fame a staffetta promosso dai garanti delle persone private di libertà per chiedere che i detenuti in semilibertà, ai quali in questi ultimi due anni è stato garantito di poter non rientrare la notte in carcere, possano continuare a farlo.

“Il 30 novembre scorso erano 1076 le condannate e i condannati in semilibertà. Gran parte di loro (700 all’inizio della emergenza Covid, 4-500 secondo le ultime stime) ha goduto per due anni e mezzo di una licenza straordinaria che gli ha consentito di non tornare a dormire in carcere, come invece previsto dalla misura della semilibertà” si legge nella nota diffusa dai diversi garanti, che prosegue sottolineando come “salvo casi eccezionali, in cui la licenza straordinaria non è stata rinnovata o è stata revocata, il comportamento di queste persone è stato irreprensibile e ha ripagato nel migliore dei modi la fiducia data. Per questo appare incomprensibile e contrario al principio della progressività del trattamento penitenziario la mancata proroga delle licenze straordinarie per i semiliberi, che li costringerebbe al rientro in carcere addirittura, in alcuni casi, la notte di San Silvestro”.

Chiedono quindi al governo e al Ministro della Giustizia Carlo Nordio di intervenire rinnovando il provvedimento nel decreto milleproroghe in modo che questa esperienza dai risultati positivi possa proseguire.

Partecipa all’iniziativa anche la Garante dei detenuti del Comune di Brescia, Luisa Ravagnani, il prossimo 27 dicembre. L’abbiamo intervistata. Ascolta o scarica




Fonte: Radiondadurto.org