Settembre 20, 2021
Da Infoaut
102 visualizzazioni


Tre giovani sono stati arrestati mercoledì 15 settembre e un quarto è apparso alla stazione di polizia in relazione agli eventi del 14 luglio a Saint-Jean-de-Luz. Posti in carcere, i quattro sono stati rilasciati.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Tre giovani sono stati arrestati alle 6 del mattino di mercoledì 15 settembre e presi in custodia presso la stazione di polizia di Bayonne, nell’ambito delle indagini sui fatti del 14 luglio a Saint-Jean-de-Luz. Questi arresti hanno avuto luogo a Urrugne e Hendaye. Un quarto giovane ricercato perché fuori casa, denunciato in mattinata alla questura. I quattro sono stati rilasciati a metà pomeriggio. Uno dei membri del gruppo ha visto la sua custodia della polizia revocata nel primo pomeriggio. Anche gli altri tre sono stati rilasciati dopo essere stati avvisati di un sollecito da parte del pubblico ministero di Bayonne, Jérôme Bourrier. Due di loro sono stati perseguiti per furto in concorso, e il terzo per atti di violenza nei confronti di un detentore di pubblici poteri. Questa causa è arrivata in seguito ad una denuncia presentata dal sindaco di Saint-Jean-de-Luz, Jean-François Irigoyen, nonché per via della relazione del prefetto alla Procura.

I giovani della Hendaye gaztetxe hanno trasmesso sui social network l’invito a radunarsi alle 11 davanti alla stazione di polizia di Bayonne e gli studenti del liceo Etxepare di Bayonne organizzano una manifestazione davanti alla scuola a metà giornata per denunciare questi arresti. Inoltre, i cittadini di Urrugne e Hendaye stanno pianificando una mobilitazione alle 19, a Béhobie, alla rotonda di Pausu.

Il 14 luglio, circa 200 persone hanno manifestato a Saint-Jean-de-Luz all’appello del collettivo U14 contro la festa nazionale francese. Secondo quanto riferito, le bandiere tricolori sono state strappate davanti al monumento ai caduti della città. Poco dopo, uno stendardo appeso alle porte del municipio indicava: “Hau ez da Frantzia, ezta Espania ere, Euskal Herria da” (Qui non è la Francia, né la Spagna, qui è il Paese Basco)” aveva ha provocato forti tensioni tra il sindaco, Jean-François Irigoyen ei manifestanti. Su richiesta del prefetto dei Pirenei atlantici, la procura di Bayonne aveva aperto un’inchiesta affidata alla polizia giudiziaria di Bayonne. È in questo contesto che mercoledì 15 settembre sono stati arrestati quattro giovani, sospettati di aver partecipato al ritiro delle bandiere francesi davanti al monumento ai caduti.

Da Mediabask

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org