Novembre 27, 2020
Da Infoaut
59 visualizzazioni


A metà pomeriggio di lunedì 23 novembre, i Mossos d’Esquadra hanno iniziato ad effettuare uno sfratto extragiudiziale, violando anche il decreto recentemente approvato dal Governo della Generalitat. In totale, più di 60 poliziotti antisommossa sono stati assegnati a questa operazione.

||||



.itemImageBlock { display: none; }


Numerose persone si sono radunate fuori dagli appartamenti in cui stavano cercando di sfrattare le famiglie, nel tentativo di evitare che ciò accadesse. La polizia ha caricato e sparato proiettili di gomma contro chi protestava all’esterno, per proteggere un’azienda che ha molte proprietà e buttare in strada diverse famiglie.

https://twitter.com/i/status/1330937016662577153

Alcuni container sono stati bruciati e secondo alcuni presenti sembrava che ci fosse stato qualche arresto, anche se alla fine tutti sono stati rilasciati. Inoltre, i vigili del fuoco sono intervenuti perché è stato attivato il protocollo antisuicidio; una persona che volevano buttare fuori di casa sua aveva minacciato di togliersi la vita.

https://twitter.com/i/status/1330933010200489984

La polizia finalmente se n’è andata, e la gente è rimasta nei loro appartamenti.

Gli sfratti a Barcellona sono saliti alle stelle dopo l’estate, tanto che a settembre sono cresciuti del 50%.

Nella prima settimana di settembre, secondo i dati del Sindicat de Llogateres, gli attivisti del diritto alla casa in catalunya hanno dovuto affrontare più di 150 sfratti. Nella settimana dal 14 al 20 del mese scorso sono stati programmati più di 80 sfratti nella capitale catalana. Lo scorso 1° ottobre, la Sindicat ha dichiarato sulla sua pagina Facebook: “negli ultimi giorni abbiamo assistito a un inarrestabile stillicidio di sfratti di famiglie con più di 150 sfratti in una sola settimana. Tutto questo deve finire adesso. Tutti gli sfratti senza alloggi alternativi devono essere vietati. Basta la volontà politica. All’inizio dell’anno scolastico, alcune piattaforme contavano fino a 207 sfratti programmati (senza contare quelli della prima metà di settembre), cifra che è arrivata a 327 nella prima settimana di ottobre. Cioè, in sole tre settimane, il 50% in più.”

L’arresto temporaneo degli sfratti è stato più legato alla paralisi dei tribunali che alla moratoria decretata dal governo”, avverte il Sindicat de Llogateres. Questa organizzazione spiega anche che “il governo centrale ha prolungato la moratoria sugli sfratti di Covid per altri sei mesi solo per le persone economicamente colpite da Covid”.

Povertà diffusa

Tuttavia, sottolinea che l’impatto del coronavirus “non può essere misurato in termini di diminuzione del reddito durante la pandemia, ma piuttosto in termini di un impoverimento diffuso che colpisce direttamente gli strati più vulnerabili della società, cioè le famiglie che erano già a rischio di esclusione residenziale prima della crisi”.
È vero, però, che circa il 90% degli sfratti programmati non viene effettuato per vari motivi, anche se alcuni di quelli che vengono effettuati sono sanguinosi: le famiglie in situazioni precarie e con bambini in affidamento si trovano ad affrontare un futuro incerto perché la crisi economica si rivolge ai più deboli. Alcuni per mancanza di personale, altri per questioni amministrative, altri per risorse giudiziarie, altri ancora per pressioni sociali, come quella prevista nella Rambla de Cataluña questa settimana e paralizzata dopo una massiccia concentrazione di attivisti.

Moratoria di sei mesi

Il 29 settembre il governo centrale ha pubblicato il Regio Decreto Legge 30/0220 sulle misure straordinarie per la tutela dell’occupazione, dei lavoratori e dei lavoratori autonomi. Ma questa misura “risolve poche cose”, secondo la Piattaforma delle persone affette da ipoteche (PAH).

In realtà, tutto rimarrà invariato fino al gennaio 2021, poiché in termini di sospensione degli sfratti, si mantengono le ipotesi del Regio Decreto Legge 11/2020, che prevede il differimento quando c’è una vulnerabilità sopravvenuta a causa della pandemia, quando non c’è un’alternativa residenziale o quando l’affitto e le spese e forniture di base superano il 35% del reddito netto del nucleo familiare.
In questo senso, vengono mantenute anche le ipotesi in caso di prolungamenti del contratto di locazione per un periodo massimo di 6 mesi. Nel caso di una moratoria sul debito locativo, le ipotesi prevedono anche dei differimenti in caso di sopravvenuta vulnerabilità, quando è coinvolto un grande locatore con più di 10 abitazioni e mantiene l’obbligo di scegliere tra una riduzione del 50% o una moratoria sul pagamento.

Un crollo nella crisi

Secondo la relazione del Consiglio generale della magistratura, nel secondo trimestre del 2020 i pignoramenti sono crollati. E l’affitto è stato moderato a 119 in Catalogna, appena dietro l’Andalusia (172) e Valencia (131). Ciò rappresenta il 90% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.Secondo un rapporto dell’Observatori DESC di quest’estate, il prezzo dell’affitto nella città di Barcellona è aumentato del 43,6% tra il 2013 e il 2019. “Attualmente, la maggior parte degli sfrattati sono in affitto: nel 2019 rappresentavano il 65% degli sfratti in Catalogna e, in città come Barcellona, l’85%”. Nel 2018, l’ultimo anno per il quale esistono dati ufficiali, l’affitto medio a Barcellona era di 930 euro. “Secondo l’Observatori d’Emancipació Juvenil, la percentuale del salario che un giovane deve spendere per affittare una casa a prezzo di mercato, è del 119,7% in Catalogna nel 2019. Attualmente, molte famiglie catalane spendono più del 50% del loro reddito per l’affitto, quando le raccomandazioni internazionali parlano di non spendere più del 30% per l’alloggio, comprese le forniture di base”, aggiunge il rapporto del CESR.
Secondo le statistiche comunali, l’Unità contro l’esclusione residenziale (Ucero) ha affrontato 2.351 sfratti nel 2017, di cui 1.362 risolti positivamente; nel 2018, ultimo anno di cui si dispone di statistiche, ha trattato 2.270 casi e ne ha risolti 2.088 positivamente.

Per i distretti, Nou Barris, con 403 processi di sfratto è stato il più colpito, seguito da Sants-Montjuïc (363), Ciutat Vella (313), Sant Martí (252), Horta-Guinardó (250), Eixample (244), Sant Andreu (234), Gràcia (125) e Les Corts e Sarrià-Sant Gervasi (43 ciascuno). I dati per il 2019 non sono ancora stati resi pubblici.

Il prossimo combattimento della IPA

Ma nel 2020, nel bel mezzo della crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia di Covid-19, la situazione comincia a diventare disperata. PAH ha scritto la data del 15 ottobre nel suo ordine del giorno, cioè giovedì prossimo, come giornata intensa: è previsto lo sfratto di quattro famiglie da un edificio di proprietà del fondo Norvet situato in via Aragó. La causa va avanti da tre anni ormai. Nel 2017, la IPA è riuscita a recuperare sei case in quell’isolato, per dare rifugio alle famiglie vulnerabili. Negli ultimi mesi ci sono state trattative con il Consiglio comunale.

Due delle famiglie hanno potuto essere reinsediate, ma le altre quattro sono rimaste. Secondo PAH, Norvet si è impegnata a trovare appartamenti in affitto sociale per questi quattro inquilini, ma questo impegno non è mai stato attuato. L’organizzazione precedentemente guidata da Ada Colau vuole che il Consiglio Comunale multi il fondo Norvet di 360.000 euro per non aver fatto l’offerta di affitto sociale.
Inoltre, la piattaforma richiede che la legge venga applicata in modo che il proprietario destini il 30% dei 28 appartamenti dell’edificio all’affitto sociale, dal momento che ha effettuato lavori di ristrutturazione (senza autorizzazione, dice la IPA). Ciò significa che deve destinare “8 dei 28 appartamenti in affitto a prezzi accessibili”.

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org