Dicembre 20, 2022
Da Radio Onda D'Urto
240 visualizzazioni
CAUCASO: L’AZERBAIGIAN BLOCCA L’UNICO COLLEGAMENTO TRA ARMENIA E ARTSAKH. 120MILA PERSONE INTRAPPOLATE.

Dal 12 dicembre prosegue il blocco azero dell’Artsakh, Repubblica autoproclamatasi indipendente dal 1992 con 120mila abitanti collegati solo da una sottile striscia di terra all’Armenia. Supposti eco-attivisti dell’Azerbaigian bloccano la strada, ma secondo gli abitanti si tratta di truppe azere mascherate, intenzionate a completare l’opera iniziata con la guerra del 2020 in Nagorno-Karabakh.

In Artsakh mancano farmaci, gas e beni di prima necessità: è deceduto un paziente in ospedale per la mancanza di medicinali, mentre un bambino di 4 mesi è in terapia intensiva. Un altro paziente è invece riuscito ad arrivare in Armenia, scortato dalle truppe russe che controllano da 2 anni il corridoio di Lachin, mentre la Repubblica di Artsakh ne mantiene l’amministrazione civile. Alle porte del territorio c’è invece l’Azerbaigian, sostenuto militarmente e politicamente dalla Turchia di Erdogan.

L’intervista di martedì 20 dicembre 2022 a Simone Zoppellaro, giornalista freelance che da anni segue il Caucaso, autore, tra gli altri, del libro“Armenia Oggi” (ed. Guerini e Associati) e attento osservatore di quanto accade tra Artsakh, Armenia, Azerbiaigian e Nagorno-Karabakh. Ascolta o scarica




Fonte: Radiondadurto.org