Aprile 16, 2021
Da Filomena *filo* Sottile
79 visualizzazioni


Come annunciato il 14 aprile, Cinque lettere. Esperienza trans, discriminazione strutturale, diversity management: un’analisi transfemminista, un lungo articolo in due puntate che pensavo di pubblicare per il 39esimo anniversario della legge 164 del 1982, non esce. Sciolgo il riserbo, sarà parte di un libro che dovrebbe vedere la luce a novembre 2021. Sono scaramantica e finché non firmo il contratto non rivelo per quale editore e in quale collana uscirà (vedi alla voce segreto di Pulcinella).

Ne sono felice e orgogliosa e ho già cominciato a lavorare a questo progetto. Tuttavia mi piace onorare i debiti: incollo qui sotto i ringraziamenti che avrei messo in coda all’articolo e la selezione di immagini che avrebbero corredato il testo, nella stessa sequenza in cui erano pensate e con le stesse didascalie.

Nella prima puntata di questo lungo articolo ho scritto che mi sento sola. Ma non sono sola davvero. Queste parole le firmo io, me ne assumo l’intera responsabilità, ma sono cresciute in una conversazione continua con alcune delle persone che mi sono care e vicine.

In ordine alfabetico:

Andrea Guazzotto, Antonia Caruso, Cam Pavese, Denise Cappadonia, Federica Rosin, Giache, Luca Casarotti, Oliver Meo, Riccardo Diellos, Rossana Arietti, Valentine aka Fluida Wolf, il collettivo che sta dietro a Zona Transito Libero.

Un ringraziamento speciale a chi ogni singolo giorno discute con me: Franco Berteni, Livi Scarpellini, Mariano Tomatis, Sara Bianchi.

Cinque lettere. Un racconto per immagini

Per le immagini grazie a blu.issima, Cam Pavese, Cristina Rossi, Freek pride, Giache, Giannino Dari, Livi Scarpellini. Laddove non ci sono indicazioni le foto le ho scattate io.

Stencil, Corso Regina Margherita, Torino, 2021

25 novembre 2020, piazza Castello, Torino, Presidio di NUDM. Foto di Cristina Rossi

“Sulla mia sessualità decido io”, Torino, 2021

La morte di Maria Paola: un femminicidio ispirato dalla transfobia. Via Verdi, Torino, 2021

Presidio di Free(k) Pride, 2020. Foto di Cristina Rossi

9 dicembre 2020, Presidio No Tav di San Didero. Foto di Cristina Rossi

Ponte pedonale sulla Dora, nei pressi della biblioteca Bobbio, 2021

Torino, 2021

Stencil, Via San Francesco D’Assisi, Torino. Foto di Livi Scarpellini

David Graeber, *Burocrazia*. il Saggiatore, 2015. I saggi che ompongono il lavoro di Graeber propongono e argomentano tesi che mi hanno aiutata tantissimo a mettere ordine in questa storia, a nominare dinamiche in cui sono tuttora coinvolta e ad allargare il discorso.

Come si presenta a lavoro la bibliotecaria transfemminista precaria, se non può fare sciopero l’otto marzo?

Elaborazione grafica di Cam Pavese

blu.issima reinterpreta un brano di “La Mostruositrans” (Eris, 2020) per il Trans day of visibility

Corso Principe Oddone, Torino, 2021. Il tempo è sbirro: la versione completa di questa scritta è: “Ci sono donne col cazzo, uomini con la figa e fascisti senza denti”.

Te lo dice pure Gandalf il brillante: «Le persone trans non hanno necessità di “passare”!»

Il Giuoco dell’ONIG. “Divertiti” con gli imprevisti scritti da Cam Pavese.

Presidio per la chiusura dei CPR, 21 dicembre 2020, Foto di Cristina Rossi

“Sono scoppiato a piangere.
Ho pianto per il divario fra la semplicità con cui era accaduta ogni cosa, quel giorno, e ciò che ho dovuto passare per arrivare fin qui, e quello che avrei dovuto passare per farlo in Italia.” Elaborazione grafica e parole di Cam Pavese

Rainbow washing: fare i soldi sulla pelle delle persone frocie

“Quello stronzetto del piccolo Principe”. Disegno di Giannino Dari

Foto di scena di “Anticorpo”, l’intensa performance di Giache. Fivizzano27, Roma, 2020.

“Mi fermo e mi siedo su un masso. Sono di nuovo sulle sponde del torrente Sangone, fra erbacce e rottami.”




Fonte: Filosottile.noblogs.org