Dicembre 30, 2021
Da Inferno Urbano
611 visualizzazioni

Riceviamo e diffondiamo:

Claudio Lavazza è un anarchico d’azione che ha passato gli ultimi 25 anni nelle carceri spagnole e francesi. Militante nel tumulto armato degli anni ’70, dopo il carcere in Italia per le attività dei PAC (Proletari Armati per il Comunismo), la sua vita si è snodata tra clandestinità, latitanza e un’ostinata e mai interrotta inimicizia nei confronti di banche e autorità e una sempre pronta solidarietà nei confronti dei movimenti sovversivi che ha incontrato sul suo cammino. Arrestato nel 1996 in Spagna, dopo il conflitto a fuoco seguito ad una rapina in banca andata male, si è impegnato nella battaglia contro il carcere speciale dello Stato spagnolo, il regime FIES a cui è stato sottoposto per 8 anni. Dopo 24 anni di reclusione è stato estradato in Francia dove lo attendeva una condanna a 10 anni per un gran colpo avvenuto in una filiale della Banca di Francia nel 1986. Nonostante la legislazione europea stabilisca che il cumulo di pena espiata in Spagna possa assorbire questa condanna, e Claudio dovrebbe essere libero dallo scorso 11 dicembre, la procuratrice del tribunale di Mont de Marsan, che è incaricata del suo caso, continua con scuse e pretesti a prendere tempo in merito alla scarcerazione di Claudio. L’ennesima vendetta di Stato per punire un rivoluzionario coerente che non ha mai rinnegato il suo passato e continua a rivendicare la necessità ed il valore della lotta contro lo Stato e il Capitale.

A partire dal prossimo 7 gennaio, con la riapertura degli uffici giudiziari francesi, si invita alla mobilitazione affinché le autorità responsabili sblocchino la scarcerazione di Claudio. A breve sarà disponibile anche un manifesto anarchico internazionale di solidarietà stampato in più lingue (per richiedere copie verrà diffuso un indirizzo mail).

Indichiamo qui sotto i recapiti delle autorità responsabili del prolungamento della carcerazione di Claudio:

Vice procureur de la république Céline Bucau
[email protected]

Secrétariat du procureur de la république
+33 5 24290418

Greffe de exécution de peines
+33 5 24280457

Tribunal judiciaire de Mont-de-Marsan
249, Avenue du Coronel Rozanoff
40011 Mont de Marsan Cedex

Aggiorniamo inoltre l’indirizzo a cui scrivere a Claudio (è importante che in questo momento le autorità penitenziarie sappiano che Claudio non è solo a fronteggiare l’accanimento giudiziario!), visto che il nostro compa è stato recentemente trasferito in una sezione “per definitivi” all’interno dello stesso carcere in cui si trova dal suo arrivo in Francia:

Claudio Lavazza
n. ecrou 11818, CD 1 cellule 5, 1D
CP de Mont-de-Marsan
Chemin de Pémégnan
BP 90629
40000 Mont de Marsan (FRANCE)

Mobilitiamoci!
Contro tutte le galere!
Cassa AntiRep delle Alpi occidentali

Per chi volesse conoscere meglio la traiettoria umana, politica e di azione di Claudio, sono disponibili copie della seconda edizione della sua autobiografia, “Pestifera. La mia vita” (interamente benefit per Claudio). Per richiederle, mail a [email protected]




Fonte: Infernourbano.noblogs.org