Novembre 21, 2020
Da Caprenere Anarchiche
50 visualizzazioni

da Pramen

Se all’inizio del 2020 avessi chiesto alle persone in Bielorussia quanto tempo rimaneva alla dittatura di Lukashenko, ti avrebbero guardato come uno stupido.
In una dittatura di tutto rispetto, questo genere di domande non sono da fare, perché si sa cosa può accadere. E, in generale, accade così che il regno del grande leader diventi eterno.
Ma la situazione è cambiata così radicalmente negli ultimi 8 mesi che i bielorussi sono scesi in strada e, per la prima volta nella nuova storia della Bielorussia, hanno contrattaccato la polizia in almeno 33 città diverse del paese.
Oggi i bielorussi si sono svegliati in un paese nuovo. In esso, le persone parlano apertamente dell’odio per il governo e si preparano ad un confronto violento con polizia e lo Stato. Discutono online e praticano metodi di lotta efficaci. Diverse industrie sono entrate in sciopero il giorno dopo le elezioni.
E nonostante la commissione elettorale riporti ancora una volta la vittoria del dittatore, obiettivamente parlando Lukashenko ha perso le elezioni.
Non ha perso le elezioni contro un certo candidato, ma contro i bielorussi, che hanno detto che 26 anni sono abbastanza.
Com’è che la Bielorussia è passata dall’essere una dittatura stabile, dove vivono le persone più miti, all’essere un centro di protesta in Europa?

Crisi politica ed economica
Economicamente, la Bielorussia non è un paese indipendente.
Per molti anni, il miracolo economico bielorusso è stato capace di sopravvivere solo grazie al petrolio a basso costo di Putin e ai trasferimenti diretti di denaro dal Cremlino. Contrariamente al fatto che Lukashenko e Putin non siano amici, questo schema ha funzionato per un tempo relativamente lungo mentre la Russia sguazzava nei soldi provenienti dalla vendita del petrolio.
Con la caduta dei prezzi dell’oro nero, il governo russo ha affrontato il problema della distribuzione delle risorse. I funzionari hanno iniziato a cercare dove il denaro investito stesse fruttando un qualche tipo di risultato. La Bielorussia non ha dato alcun risultato speciale. Contrario a tutti gli investimenti, Lukashenko ha esteso la sua presa sul potere ed ha ostacolato l’integrazione bielorussa con la Russia – un processo iniziato negli anni ’90 durante l’era di Yeltsin
L’instabilità di Lukashenko negli scorsi 10 anni ha mostrato alle autorità russe che non possono fare troppo affidamento su di lui.
La “virata” ad Occidente nel 2015 ha gettato benzina sul fuoco della discordia tra Mosca e Minsk.
Agli inizi del 2020, Lukashenko si è ritrovato in una situazione molto difficile. I nuovi contratti per petrolio e gas erano diventati molto più difficili da concludere. Le autorità bielorusse volevano almeno delle minime concessioni, ma la Russia era pronta a dare tali concessioni solo all’attivazione di un progetto di unione statale, con una moneta condivisa ed altre clausole per l’assorbimento russo della Bielorussia.
Le difficoltà politiche con la Russia hanno tradizionalmente portato a problemi economici nel paese. Negli ultimi 5 anni Lukashenko ha cercato di neutralizzare questa dipendenza lavorando con l’Occidente, ma sovvenzioni e prestiti occidentali non possono da sole tirare l’economia bielorussa.
All’inizio del 2020, il rublo bielorusso ha iniziato a scendere pesantemente rispetto alle altre valute. Negli ultimi 20 anni, i bielorussi erano riusciti a sopravvivere a diverse ondate di questo tipo di caduta, tra cui la maggiore era avvenuta nel 2011.
La discesa del rublo bielorusso coinvolge molti bielorussi, incluso il calo dei loro guadagni reali. Inoltre sono cominciati a crescere i problemi con il pagamento dei salari nelle imprese statali.

Combattere il coronavirus con i trattori
Lukashenko ha spiegato che è a causa dei problemi economici che la Bielorussia non può permettersi nessuna misura di quarantena contro il coronavirus.
Se all’inizio dell’epidemia il dittatore stava ancora gridando che i bielorussi sarebbero stati in grado di evitare il contagio lavorando nei campi e visitando le saune, dopo un mese ha dovuto ammettere le vere ragioni per la mancanza della quarantena.
Il coronavirus si è dimostrato essere una delle sfide maggiori per la dittatura bielorussa – sfida che ha perso. Invece del tipico populismo e delle cure mediche per le persone, le autorità hanno lasciato la popolazione a sé stessa.
Le cure mediche in Bielorussia sono in teoria gratuite, ma molti servizi sono a pagamento, giacché non ci sono abbastanza fondi per i farmaci e le attrezzature mediche.
In molti casi non è stato possibile effettuare test per il coronavirus.
Molti non possono permettersi di stare a casa e sono andati a lavorare.
È difficile stabilire la reale portata dell’epidemia da coronavirus in Bielorussia. Lo Stato è l’unica istituzione ad avere cifre reali, e queste cifre sono tenute segrete. Oltre ciò, molti casi di coronavirus sono stati fatti passare per polmoniti – inclusi quelli mortali.
Al fine di mantenere le cure mediche, le piccole attività ed un grande numero di persone comuni si sono impegnate nel supportare in maniera decentralizzata lo staff medico.
Alcuni ristoranti e bar preparavano cibo per lo staff medico tramite le donazioni degli abitanti delle città.
Come in altri paesi, le iniziative dal basso producevano mascherine.
Gli autisti dei taxi trasportavano gratuitamente il personale medico.
Pochi mesi dopo, molte persone avevano la sensazione che lo Stato li avesse abbandonati.
Ma dall’altro lato c’era un certo senso di solidarietà, la certezza che i vicini, gli amici e persino gli estranei su internet non ti avrebbero lasciato nei guai.
Questo sentimento ha restituito ai bielorussi l’importanza del pubblico in opposizione allo Stato. La solidarietà è diventata una pratica diretta, non solo una parola.
E se in molti Paesi, che erano sotto l’effetto del coronavirus, hanno visto diminuire la solidarietà con l’abbassamento del numero dei contagiati, in Bielorussia le strutture di solidarietà hanno continuato a funzionare anche in altri ambiti.
Ad esempio, a Giugno, mezza Minsk non aveva accesso all’acqua potabile. E mentre i funzionari insistevano che non ci fosse alcun problema con l’acqua, i residenti di quei quartieri con l’acqua potabile si sono organizzati e l’hanno consegnata alle parti della città che ne avevano bisogno.
Così, uno dei risultati più importanti del coronavirus (e l’epidemia non è ancora terminata nel paese) è stata la crescente consapevolezza della forza collettiva ed i risultati che possono essere raggiunti tramite azioni congiunte.

Elezioni durante il virus
Per Lukashenko, la decisione di annunciare le elezioni nel bel mezzo dell’epidemia è stata un errore: agli inizi di Maggio, venne annunciato che le elezioni si sarebbero tenute ad Agosto.
Il momento di massima insoddisfazione con le autorità era stato scelto. Grazie a questo, la campagna elettorale dei suoi oppositori ha letteralmente iniziato a guadagnare un vasto supporto fin dai primissimi giorni.
Uno dei candidati presidenziali, il blogger Sergei Tikhanovsky, ha iniziato a tenere manifestazioni con microfono aperto nei luoghi di raccolta delle firme.
Questo formato ha attirato un enorme numero di persone da tutto il paese, a cui è stata data una piattaforma per esprimere il proprio malcontento.
Poche settimane dopo, Tikhanovsky stesso e molti altri ed importanti politici dell’opposizione sono stati arrestati ed accusati di casi criminali inverosimili.
Invece di estinguere le proteste ed il malcontento verso le autorità, la repressione ha provocato una maggiore organizzazione attorno ad un altro candidato – il banchiere di Belgazprombank (figlia di Gazprom) Viktor Babariko.
Al contrario di altri candidati, Babariko non era impegnato nella lotta politica e per molti sembrava un candidato “moderato” che chiamava a delle elezioni eque e che non ha pianificato manifestazioni illegali per il paese.
Contrariamente a ciò, la popolarità di Babariko è cresciuta anche nella parte più moderata della popolazione.
Il risultato è stato che le autorità hanno deciso di arrestare Babariko e la sua cerchia con accuse di corruzione. Questo passo ha provocato una nuova ondata di malcontento, la cui fase finale è stata l’annuncio che i due maggiori candidati dell’opposizione non sarebbero stati registrati nella corsa alla presidenza.
Questa decisione ha provocato grandi proteste in tutto il paese, con i primi scontri con la polizia a Minsk.
I manifestanti hanno respinto gli arresti e si sono resi conto che l’OMON era assolutamente impreparata ad un confronto violento con le persone.
Gli scontri con l’antisommossa a luglio di quest’anno sono stati per molti un punto di svolta nella società.
La dittatura che, per 26 anni era stata costruita in parte sulla sua indistruttibilità grazie al sostegno delle forze di sicurezza, è improvvisamente diventata estremamente fragile. I video della confusa polizia anti-sommossa dell’OMON hanno cominciato a circolare su internet, mostrando come non c’è bisogno di addestrarsi per tre anni in campi russi o europei per combattere la polizia.
Lukashenko non ha negato la registrazione come candidato ad un solo serio oppositore: la moglie di Sergei Tikhanovsky, Svetlana Tikhanovskaya.
Tikhanovskaya aveva originariamente in programma di candidarsi alla presidenza per dare una voce a suo marito e ad altri oppositori del regime. Ma dopo che la maggior parte dei politici era stata arrestata, è rimasta la sola candidata attorno a cui i votanti potessero unirsi.
Tikhanovskaya non è una politica e non sta cercando di diventarlo. La richiesta principale della sua intera campagna elettorale è avere nuove elezioni. Dice apertamente di non avere alcun piano e di non volere restare al potere. Dopo la vittoria a Lukashenko, ha pianificato di annunciare nuove elezioni eque, che avrebbero dovuto cambiare il paese.
Una richiesta così semplice ha unito molti gruppi politici. Attivisti dello staff dei politici incarcerati sono stati coinvolti nella sua sede elettorale.
La stessa campagna della Tikhanovskaya è stata fortemente basata sull’auto-organizzazione della popolazione in varie parti del paese.
Gli incontri con la candidata sono stati ufficialmente registrati in molti luoghi del paese dove la candidata stessa non aveva visitato.
C’erano invece un palco per i discorsi e il microfono aperto. Ancora una volta il microfono è stato raramente preso da politici di professione – che temevano rappresaglie -, ma dalla classe lavoratrice e da piccoli commercianti. In alcune città, anche gli anarchici hanno parlato dal palco.
La popolarità di Tikhanovskaya è cresciuta enormemente in appena poche settimane. A Luglio è riuscita ad organizzare una delle più grandi manifestazioni nella storia del paese – 50,000 persone a Minsk. In altre città, ha raccolto da diverse centinaia fino a 8000 persone. Per molto tempo le autorità non hanno preso alcuna misura ed hanno lasciato che le persone si radunassero. Forse ciò è dovuto al sessismo di Lukashenko, che non ha mai considerato le donne come serie oppositrici delle autorità.
Il vertice del team di Tikhanovskaya era composto da donne. Inoltre Tikhanovskaya è salita sul palco accompagnato da due coordinatrici della sua campagna.
Appena pochi giorni prima delle elezioni, le autorità improvvisamente sono rinsavite. Invece di vietare i raduni, la decisione è stata quella di giocare sporco – tutte le sedi dichiarate aperte alle manifestazioni hanno cominciato a ospitare eventi o riparazioni governative.
Il divieto di raduno ha provocato la successiva ondata di malcontento, ma nelle fasi attive della protesta non si è manifestata poiché mancavano pochi giorni alle elezioni.
Contemporaneamente, durante l’ultima settimana la polizia bielorussa ha iniziato ad arrestare apertamente i blogger. Tattiche simili non sono nuove e vengono usate dalle autorità da molti anni – prima di ogni protesta ci sono costantemente detenzioni di giornalisti e blogger, che possono dare copertura online a queste proteste.

Organizzazione terroristica “Anarchici”
Prima di procedere direttamente al giorno delle elezioni, vorrei fare una breve introduzione al movimento anarchico in Bielorussia.
Gli anarchici sono riapparsi nel paese dopo il collasso dell’Unione Sovietica.
Negli anni novanta, alcuni gruppi hanno dato un contributo significativo alla formazione del movimento operaio ed ambientalista.
Gli anarchici hanno giocato un ruolo di primo piano nell’estensione della moratoria sulla costruzione di una centrale nucleare bielorussa nel 1999 (nel 2009 gli anarchici e gli ambientalisti hanno perso la battaglia).
Durante tutto il periodo della dittatura, gli anarchici sono stati coinvolti negli eventi politici più importanti che fossero le nuove rielezioni, il movimento contro la costruzione di una centrale nucleare o le proteste contro le leggi sui parassiti.
Ed in buona parte dei casi, la popolazione ha percepito le proposte anarchiche in maniera molto positiva.
Forse, da qualche parte non l’hanno compresa appieno, ma l’hanno accettata
A partire dal 2013-2014, gli anarchici sono diventati quasi l’unica forza politica ancora impegnata nell’agitazione di strada. La maggior parte dei partiti d’opposizione ha smesso di  combattere attivamente contro la dittatura dopo il Maidan 2014 – per paura di un’occupazione russa. Oggi, alcuni politici d’opposizione sono ancora sulla posizione che è “Meglio Lukashenko che Putin”. Parte dell’opposizione è stata risucchiata dalla repressione. È stato molto più facile fare così, in quanto la repressione contro i leader avrebbe potuto fermare il movimento.
A causa del loro attivismo, gli anarchici attirano costantemente l’attenzione delle forze dell’ordine. Alcuni attivisti sono in carcere in questo momento per via di azioni simboliche, altri sono in fuga. Ci sono iniziative per aiutare i poveri e creare un mercato libero anti-capitalista. [1]
La repressione contro gli anarchici raramente produce il risultato sperato.
I media dell’opposizione parlano degli anarchici, attirando nuova attenzione ed energia al movimento.
Oggi, la popolarità degli anarchici in diversi circoli giovanili è abbastanza alta, grazie al fatto che, a parte gli anarchici, non sono rimasti altri movimenti politici.

Ri-elezioni
Persino prima dell’inizio della campagna elettorale, molte persone si aspettavano grandi proteste in Bielorussia, precisamente a causa della crisi economica e del coronavirus. Era logico che molti concentrassero i loro sforzi di protesta nel giorno delle elezioni e nei giorni seguenti.
Ad esempio, le grandi piattaforme mediatiche sui socialnetwork e gruppi su telegram hanno chiamato, diverse settimane prima delle elezioni, alle proteste durante il giorno delle elezioni stesse.
Sia i manifestanti che le autorità erano preparati per queste elezioni. C’erano immagini di equipaggiamenti militari e di polizia su Internet. Lukashenko aveva partecipato ai corsi di addestramento dell’antisommossa per disperdere le proteste. Era chiaro che le autorità non avrebbero provato a cercare di ridurre il grado di malcontento, ma avrebbero reagito con forza contro la popolazione.
Non deve sorprendere che la sera del 9 agosto migliaia di persone sono scese in strada in tutto il paese. Facendo riferimento anche solo ai report delle autorità stesse, le manifestazioni si sono tenute simultaneamente in 33 città del paese. Più di 50,000 persone hanno partecipato a queste proteste. Le manifestazioni più grandi si sono tenute a Brest, Baranavichy e Minsk. Diverse centinaia di persone sono scese in strada in altri centri regionali.
Per resistere ai dimostranti a Minsk, sono state richiamate da tutto il paese le truppe interne e la polizia. Il giorno prima delle elezioni, le colonne di automezzi si sono spostate dalle regioni a Minsk. Il giorno delle elezioni, la città era isolata. Autobus senza targhe giravano per la città e arrestavano pedoni o giornalisti presi casualmente. L’accesso ad Internet è stato interrotto o ha subito pesanti restrizioni in tutto il paese.
Arrivati a sera, la situazione era radicalmente cambiata. Folle di persone avevano iniziato a scendere in strada e si muovevano verso il centro. La stessa situazione era osservabile in città più piccole del paese. Verso sera, erano iniziati i primi scontri con l’OMON, in quanto le persone avevano cercato di liberare i detenuti. L’antisommossa aveva iniziato a girare per la città, con semplici magliette ed armate di bastoni, senza alcuna uniforme speciale. Gli attacchi contro l’OMON hanno rapidamente messo in chiaro che la situazione, quel giorno, non sarebbe stata normale, con persone tirate fuori dalla folla e semplicemente detenute.
Appena un’ora dopo i primi scontri, il centro di Minsk ha cominciato a ricordare una zona di combattimento. Granate stordenti ceche, cannoni ad acqua canadesi, MAZ bielorussi – tutti  hanno lavorato per disperdere i manifestanti. Per la prima volta nella storia del paese, le persone hanno cominciato ad erigere barricate e a scontrarsi direttamente con le forze dell’ordine. In varie parti del paese un grosso numero di persone sono state liberate dalle mani delle forze dell’ordine durante la notte.
La solidarietà durante le proteste ha mostrato nuovamente l’incredibile potere dell’opposizione collettiva nei confronti della dittatura. La folla ha paralizzato qualunque azione dell’OMON e dell’esercito, contrariamente a tutti i preparativi.
La mancanza di Internet ha solo giocato a sfavore del regime – le persone sono scese in strada per scoprire cosa stesse succedendo.
Per due ore nel centro di Minsk e in altre città le persone hanno lottato contro le autorità bielorusse. Hanno lottato con grande energia, che aveva tenuto da parte per così tanti anni. Il confronto vittorioso ha mostrato ancora una volta la fragilità della dittatura bielorussa.
Lo stesso movimento oggi non è formato dai partiti politici tradizionali che guidano i bielorussi verso un futuro luminoso. Le proteste sono organizzate attraverso le piattaforme online e non ha leader ben chiari. Le persone si riuniscono in gruppi nelle strade e decidono cosa fare. La mancanza di un piano chiaro può ostacolare l’efficacia delle proteste, ma la mancanza di leader chiari le rende impossibili da sopprimere facilmente.
La repressione dell’ultima notte è stata brutale. Ci sono state così tante vittime. In preda alla rabbia, l’antisommossa ha lanciato granate stordenti addosso alle persone. Si è verificato almeno un caso di un truck della polizia lanciatosi sulla folla al centro di Minsk, causando la morte di un uomo.
Secondo gli attivisti per i diritti umani, almeno tre persone sono state uccise dal regime quella notte. Il primo sangue è stato versato, ma le persone non hanno intenzione di fermarsi. Il piano è di scendere in strada ogni sera alle 19:00 fino alla caduta della dittatura.
Sui principali canali telegram ci sono chiamate alla democrazia diretta nel paese.
E sebbene alcuni temono che queste chiamate esistano a causa di un malinteso riguardo il concetto stesso di democrazia diretta, la Bielorussia si è ribellata e molti chiedono la fine della dittatura e l’inizio dell’era della democrazia diretta.

Nota del traduttore
[1] Nell’originale si parla di “anti-capitalist freemarket”. Visto che si parla di teorie e pratiche anarchiche è logico pensare che ci si riferisca al “freemarket anarchism” e, in particolare, al “Really Really Free Market”, una teoria e prassi basata su un’alternativa alle relazioni di mercato esistenti, riducendo il livello di consumo inconscio e di organizzare lo scambio, attraverso il dono, di merci e conoscenze.
Per conoscenza si allegano i seguenti link in russo e in inglese:
https://crimethinc.com/2007/10/27/the-really-really-free-market-instituting-the-gift-economy
https://www.facebook.com/reallyfreemarketminsk/
Evento tenutosi a Minsk nel Marzo 2019: https://greenbelarus.info/articles/19-03-2019/besplatnaya-yarmarka-really-free-market-proshla-v-minske-video




Fonte: Caprenereanarchiche.noblogs.org