Novembre 14, 2021
Da Umanita Nova
137 visualizzazioni


Di seguito pubblichiamo alcuni comunicati arrivati sull’operazione repressiva dell’ undici novembre con epicentro a Foligno e Spoleto. La redazione web

SOLIDARIETÀ AGLI INQUISITI DELLA RIVISTA VETRIOLO
NO ALLA CRIMINALIZZAZIONE DEL DIRITTO DI MANIFESTARE LE PROPRIE IDEE
Negli stessi giorni in cui il governo Draghi sta ulteriormente restringendo e limitando il diritto a manifestare attraverso
una direttiva del Viminale, in Umbria abbiamo assistito all’ennesima operazione repressiva, questa volta contro il
gruppo anarchico che pubblica la rivista VETRIOLO.
L’impianto accusatorio è di tipo inquisitoriale: non vengono contestati fatti specifici ma, basandosi su una lettura degli
articoli del giornale da “polizia preventiva” alla minority report, viene contestato il reato di istigazione a delinquere,
aggravato dalle finalità di terrorismo.
È in gioco la possibilità stessa di esprimere dissenso, di essere contro lo stato, il sistema, il capitale.
L’attuale stato di emergenza sanitaria viene utilizzato per limitare il diritto costituzionale a manifestare ed esprimere le
proprie idee.
Sembra di assistere, per altri aspetti, alla ripetizione dell’operazione Brushwood 14 anni dopo. Come allora l’operazione
è guidata dal procuratore distrettuale antiterrorismo Manuela Comodi.
È un inaccettabile attacco alla libertà di pensiero e di opinione, contro cui chiediamo l’immediata scarcerazione di tutti
gli inquisiti.
Chiediamo la più ampia presa di posizione, l’adesione alle iniziative e alle manifestazioni che verranno organizzate per
l’immediata liberazione di tutti gli indagati.
Comitato di solidarietà agli inquisiti della rivista VETRIOLO

Spoleto, 12 novembre 2021

———————————————————

Tanto Rumore per nulla?

Alla mattina del’11 novembre 2021 sono state fatte varie perquisizioni riguardanti un gruppo di persone definite dagli inquirenti e dai giornalisti anarcoinsurrezionalisti, accusati di essere membri della Federazione Anarchica Informale, da non confondere con la Federazione Anarchica Italiana, appunto FAI, fondata a Carrara nell’anno 1945. Uno dei componenti è finito agli arresti domiciliari; ad un altro già carcerato è stato comunicato un provvedimento di arresto.

Titoloni sui giornali, conferenze stampa dei magistrati inquirenti; ma di cosa si parla? Si tratta di scritte sui muri, scritti su internet, un giornale dal titolo “Vetriolo”. Cosa hanno fatto gli inquisiti di Foligno e Spoleto? Semplicemente nulla. Nessun atto concreto, nessuna azione più o meno rivendicabile. Scritti, solamente scritti: l’aver scritto è l’unica azione di cui gli inquirenti accusano i componenti di questo gruppo con sede denominata il “Circolaccio” situata in Spoleto.

E’ proprio il caso di dirlo: tanto rumore per nulla!

Allora veramente tanto rumore per nulla?

O sotto sotto è possibile sentire un sottofondo di “rumor di sciabole”, come si diceva negli anni ’60 e ’70, quando si avevano notizie di progetti atti a realizzare colpi di Stato?

Nè l’una né l’altra cosa: la democrazia sta volgendo nei suoi aspetti più totalitari e autoritari: i governi non sono, in modo del tutto manifesto, frutto di “libere elezioni”, i referendum vengono disattesi; tutti, tranne quelli che hanno previsto una riduzione del ruolo del parlamento. I vari scudi fiscali e penali che gli imprenditori e gli amministratori pubblici ottengono, dimostrano che la giustizia non è uguale per tutti.

Non serve un colpo di Stato, la svolta autoritaria è in atto e nessuno dice nulla! Con il pretesto dell’emergenza per il Covid 19, virus di manifesta pericolosità, si impongono agli italiani, ma anche a tutti gli europei, regolamenti di tipo carcerario, condizioni di estrema limitazione di diritti, già da tempo predisposti da classi egemoni e poteri in carica in Italia e altrove. Sono in atto oggi, in maniera progressivamente crescente, misure di controllo, discriminazione e repressione sociale. Oggetto delle attenzioni sono in particolare le persone che non intendono sottomettersi, né rinunciare a diritti conquistati a seguito di secoli di lotte sociali; beneficiari dei provvedimenti sono gli attuali detentori del reale potere, eletti o non eletti attraverso procedure cosiddette democratiche.

L’operazione contro quelli del “Circolaccio” ovvero della rivista Vetriolo costituisce per gli inquirenti nient’altro che un pretesto che nasconde progetti ben più consistenti=

Mettere il bavaglio ad ogni voce dissenziente.

Questo è lo scopo, nemmeno tanto nascosto, dell’attuale governo in carica, che nel frattempo assume e prepara piani atti a peggiorare ulteriormente le già misere condizioni di vita della stragrande maggioranza della popolazione, attraverso anche privatizzazioni forzate di servizi pubblici essenziali come sanità e scuola; lo stesso governo si adopera a peggiorare le condizioni climatiche ed ambientali in territori nazionali e extra-nazionali alla faccia della sventolata “transizione ecologica”; si impegna, come e più di chi lo ha preceduto, a potenziare strutture e strumenti di morte, con l’ennesimo incremento delle spese militari. Tutto questo a vantaggio di uno sparuto numero di ricchi e potenti, di banche, di imprese nazionali e multinazionali, dei cosiddetti poteri forti.

Perché i suddetti piani possano realizzarsi senza estreme difficoltà, necessita a lor signori un capillare e diffuso controllo poliziesco sulle persone e sull’intera società.

Quello che non è vietato è obbligatorio, quello che non è obbligatorio è vietato.

E’ questo che vogliamo?

Una ultima considerazione: la sede romana della CGIL il giorno 8 ottobre 2021 è stata devastata da fascisti, ma in galera ci vanno persone (guarda caso, “i soliti anarchici”), semplicemente per aver scritto su internet.

Circolo anarchico umbro Sana Utopia

Perugia 12.11.2021

———————————————-

L’undici novembre 2021, in seguito ad una ordinanza del gip di Perugia , vengono accusati sette compagni appartenenti al “Circolaccio Anarchico di Spoleto”, editori della rivista “Vetriolo”, di “associazione a delinquere finalizzata ad attività di terrorismo” e sottoposti a varie misure cautelari, tra cui gli arresti domiciliari. Compagni di Spoleto, Cosenza e Milano sono accusati di aver espresso le loro idee contro lo Stato dalle pagine del loro giornale, su alcuni siti web di espressione anarchica e sui muri della città e che queste, si legge nell’ordinanza, avrebbero “probabilmente” condotto ad episodi di violenza.

La Democrazia — chiamiamo il potere con il suo nome — mette al bando i discorsi e le parole che seminano il sentimento della protesta sociale e che minano lo status quo democratico. Al contrario, non fa nulla contro i suoi ministri e rappresentanti, i quali, con parole e azioni, fanno propaganda sull’odio razziale, etica del sacrificio e dello sfruttamento del lavoro, mantenimento dei privilegi etero-normati e maschili; cose, queste, che provocano sì episodi di morte e violenza. Non ci stupiamo per nulla di questo doppio standard, di cui conosciamo e riconosciamo perfettamente le dinamiche.

L’intento è chiaro: colpire qualsiasi forma di dissenso contro lo stato di cose presenti e fungere da deterrente per chiunque altro pensi di poter protestare. Bisogna accettare tutto in silenzio, dalle restrizioni sulle proteste ai licenziamenti e persino agli arresti “preventivi” ed ai processi alle intenzioni. Non è un caso la notizia di oggi, per cui cominciano già a decadere le accuse di associazione sovversiva, visto che gli unici “atti pratici” sono state delle semplici scritte sui muri ¹. Tutto questo si annovera infatti in un clima che da anni si è inasprito nei confronti di compagnix anarchicx, per impedire la diffusione di idee e l’organizzazione conflittuale, montando processi assurdi e fondati sul nulla, al fine di spaventare e reprimere, alzare polveroni per l’opinione pubblica, oltre che per avere motivi in più per sequestrare computer, libri, riviste, domini internet e sgomberare posti occupati ed autogestiti.

Dopo le strette repressive sulle manifestazioni e il clima di intimidazione che sta subendo il movimento con sgomberi, arresti e provvedimenti restrittivi, la nostra solidarietà va necessariamente ai compagni del Vetriolo, che hanno subito l’ennesima montatura di Stato.

Gruppo Anarchico “F. Mastrogiovanni” FAI-Na




Fonte: Umanitanova.org