Aprile 24, 2021
Da Federazione Anarchica Siciliana
29 visualizzazioni


25 aprile 2021

FACCIAMO I PARTIGIANI QUA.

La liberazione non è stata solo nel Continente, anche la Sicilia ha dato, con le sue donne e suoi uomini, un contributo non indifferente sia nelle formazioni partigiane del centro-nord che nella stessa Isola.

Ancora prima della lotta partigiana, l’impegno nella lotta antifascista in Sicilia negli anni ’20, ’30 e ’40 è stato notevole. Iniziative difficili ma coraggiose, che vanno dalla costituzione degli Arditi del Popolo ai numerosi episodi di fronteggiamento dello squadrismo, dai tentativi insurrezionali degli anni Trenta alle sommosse popolari subito dopo la caduta del Regime e prima della nascita della Repubblica.

Lo testimoniano le rivolte antitedesche verificatesi in molti comuni siciliani e le sommosse, spesso armate, scoppiate in tutto il territorio, la più significativa delle quali è stata quella del “Non si parte” contro il richiamo alle armi avviato dal governo monarchico del Regno del Sud nel dicembre 1944, con le Repubbliche popolari sorte in alcuni paesi come Comiso, Piana degli Albanesi, Naro… quando in alcune zone si rispose: “fari u partigianu cca!”

Una Sicilia da sempre sfruttata e svilita prima dalla Monarchia e dal Fascismo e poi tradita dalla Repubblica Democratica, schiacciata dal tallone di ferro dello scelbismo e da quello mafioso; ma una Sicilia antifascista e proletaria che non si è mai tirata indietro.

In questa terra afflitta dall’emigrazione, da un’industrializzazione che ha prodotto una profonda devastazione ambientale, accompagnata da una costante militarizzazione, con una classe dirigente di ieri e di oggi che continua la sua opera parassitaria e mafiosa di gestione dell’esistente. In questo periodo di sindemia in cui viviamo sulla nostra pelle il fallimento del modello capitalista, fatto di sofferenza e morte, e di sopravvivenza per pochi privilegiati: è urgente riannodare i fili di una resistenza che parta dai contesti locali per rilanciare la lotta di liberazione sociale che ci emancipi da un destino che vorrebbero già scritto.

Federazione Anarchica Siciliana

[email protected]




Fonte: Fasiciliana.noblogs.org