Ottobre 19, 2021
Da Radio Blackout
60 visualizzazioni


Era il 28 giugno 2015. Una marcia popolare si mosse da Exilles lungo la strada che conduce agli sbarramenti che chiudono l’area militarizzata del cantiere-fortino di Chiomonte. Una marcia dall’ampia partecipazione, ma con la determinazione a praticare l’azione diretta. Il primo tentativo di divellere i jersey che chiudevano la strada venne respinto con idranti e lacrimogeni. Il corteo si mosse quindi per le vie del paese sino alle recinzioni che chiudevano il passaggio sul ponte della Dora. Con rampini e corde vennero abbordate ed abbattute le reti. In primo grado il procuratore Rinaudo arrivò a chiedere sino a sette anni per uno dei 19 No Tav rinviati a giudizio.
Il 14 ottobre la corte d’appello ha ridimensionato le pene, che restano comunque pesanti: tra un anno e due anni e quattro mesi di reclusione. Un totale di 17 anni di reclusione per aver tirato giù due jersey.
Ne abbiamo parlato con Nicoletta Dosio

Ascolta la diretta:





Fonte: Radioblackout.org