Febbraio 25, 2022
Da Anarkismo
273 visualizzazioni

Un proclama del presidente russo, Vladimir Putin, ha dato il via libera all’invasione militare della Russia in Ucraina. Putin sostiene che l’atto di guerra della Russia contro l’Ucraina ha lo scopo di sostenere la Crimea occupata dalla Russia e le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk in Ucraina, che sta flirtando con l’adesione alla NATO su istigazione occidentale. Martedì 22 febbraio, la Russia ha riconosciuto l’indipendenza dei suoi protettorati informali nel Donbass, esacerbando le tensioni esistenti con l’asse euro-atlantico che sostiene il regime ucraino.

photo_20220226_14.37.jpeg

Non bisogna dimenticare che una guerra civile a bassa intensità è in corso in Ucraina dal 2014, quando il governo allora filorusso del presidente Yanukovych è stato rovesciato da una “rivoluzione arancione” che ha portato al potere un regime filo-occidentale disposto a schierarsi con l’asse euro-atlantico. L’Euromaidan, di cui beneficia il blocco imperialista occidentale, ha portato l’Ucraina fuori dalla sfera d’influenza della Russia. Ha anche rafforzato l’estrema destra ucraina, che ha guadagnato seggi in parlamento e sviluppato unità paramilitari che hanno commesso atrocità contro i russofoni e i membri dei sindacati.

La Russia, d’altra parte, non era preparata fin dall’inizio a perdere il suo punto d’appoggio imperialista in Ucraina e specialmente nella regione della Crimea, indipendentemente dalla volontà del popolo ucraino. La rivolta di Euromaidan può anche aver portato a un regime neoconservatore, ma non c’è nessuno che si illuda che la non accettazione di quel regime sia nata dal sentimento “antifascista” della Russia o dalla sua “necessità di proteggere i cittadini russi”. Dopo tutto, il regime autoritario di Putin in Russia ha premiato i nazisti e i fascisti all’interno del paese imprigionando e uccidendo gli antifascisti, mentre i numerosi interventi dell’imperialismo russo nelle zone dell’ex URSS non avevano bisogno di tale giustificazione. La Russia voleva e vuole ancora una cosa: imporre le proprie condizioni negli antagonismi imperialisti in evoluzione. Non tollererà l’accerchiamento militare a cui sostiene di essere sottoposta dalla NATO, l’installazione di armi nucleari alle sue porte, l’incitamento occidentale dell’Ucraina ad unirsi alla NATO, il tentato blocco energetico delle sue forniture di gas ai paesi dell’UE e la riduzione del suo controllo sulla periferia ex sovietica. Un altro fattore è il palese nazionalismo all’interno della classe dirigente russa – l’Ucraina è il luogo d’origine dello stato russo (la Rus’ di Kiev) e la parte orientale dell’Ucraina è abitata da Ucraini di lingua russa. In pratica se non dalla dottrina irredentista della nazione tutta russa, gli Ucraini (insieme ai Bielorussi) sono visti come parte della nazione russa.

Dall’altra parte, gli Stati Uniti e il campo euro-atlantico, con il Regno Unito in primo piano, stanno spingendo in violazione degli accordi internazionali per l’espansione orientale della NATO, l’esercizio della pressione economica ed energetica sulla Russia a favore del gas naturale liquefatto (GNL) statunitense e il controllo della rotta commerciale artica, che si sta aprendo con lo scioglimento dei ghiacci a causa dell’effetto distruttivo del capitalismo sull’ambiente naturale e sull’ecosistema. Sia la Russia che gli Stati Uniti stanno cercando di esportare la loro crisi interna all’estero, mentre tentano di causare spostamenti nella gerarchia imperialista globale.

La Russia ha ammassato circa 200.000 truppe al confine con l’Ucraina. L’esercito russo sta martellando l’intero territorio ucraino con bombardamenti. Al momento di scrivere questo comunicato, sta attaccando principalmente dalla Crimea, Lugansk e Kharkiv. Le prime vittime della guerra imperialista sono un fatto. Si parla già di vittime civili. Il governo ucraino, che, non dimentichiamolo, è un amalgama di neoliberali e neoconservatori, ha dichiarato la legge marziale in tutto il paese. Siamo ancora all’inizio degli orrori della guerra…

Gli unici perdenti della guerra saranno le classi lavoratrici mondiali, specialmente i proletari dell’Ucraina e della Russia. Sono quelli destinati ad essere la carne da cannone degli stati e dei capitalisti.

La guerra imperialista viene condotta per la spartizione delle sfere d’influenza, delle rotte energetiche e per il riassetto del potere geopolitico. Non abbiamo interesse a combattere per gli interessi dei potenti, per gli interessi del capitale. Inoltre, lo scoppio della guerra dovrebbe portare ulteriori aumenti di prezzo e inflazione sia per l’energia che per i beni di prima necessità, mettendo ancora più a dura prova le tasche di coloro che già non sono in grado di soddisfare i loro bisogni primari. Non dobbiamo dimenticare che la guerra è una soluzione del capitale per superare le crisi strutturali di sovraccumulazione da cui il capitalismo è periodicamente afflitto. La distruzione del capitale fisso (mezzi di produzione) e variabile (forza lavoro) apre la strada alla ricostruzione e allo sviluppo capitalistico.

Il nostro dovere rivoluzionario e di classe impone l’organizzazione e il rafforzamento del movimento internazionalista, pacifista e antimperialista della classe lavoratrice. La logica di un imperialismo più aggressivo o più progressivo è una logica che porta alla sconfitta della classe lavoratrice. Non può esistere una strada imperialista favorevole al popolo. Gli interessi della classe lavoratrice non possono essere identificati con quelli dei capitalisti e delle potenze imperialiste. Il sabotaggio della macchina da guerra, l’organizzazione del movimento di classe e internazionalista contro la guerra e il rafforzamento delle lotte sociali e di classe in direzione della rivoluzione sociale mondiale per la costruzione di una società comunista libertaria sono i compiti urgenti e storici degli oppressi e degli sfruttati ovunque. Non possiamo e non dobbiamo accontentarci di accordi mediocri e dannosi.

I lavoratori, i disoccupati e i giovani non hanno motivo di andare in guerra per gli interessi della classe dominante. Prendiamo coscienza della nostra posizione sociale e dei nostri interessi di classe. Lasciamo che questi siano gli indicatori del nostro atteggiamento e della nostra azione e non la retorica bellicosa, ordinatrice e nazionalista promossa dai padroni e dai mezzi di propaganda che controllano. Non pagheremo la crisi del sistema capitalista con il nostro sangue. Non ci uccideremo con i poveri diavoli degli altri paesi. Al contrario, è nostro dovere bloccare la macchina della guerra e ricostruire le resistenze sociali e di classe, avendo come principio guida la promozione degli interessi di classe e dei bisogni materiali della base sociale. Organizzarci nelle formazioni sociali e di classe dei lavoratori e delle lavoratrici, organizzando il contrattacco della nostra classe in termini di massa e militanti. Questo sistema fa nascere le guerre ed è responsabile della povertà, dell’ingiustizia, dello sfruttamento e dell’oppressione. È dunque il momento di sfidarlo in modo organizzato e dinamico, organizzando il suo rovesciamento su scala internazionale.

NESSUNA GUERRA MA LOTTA DI CLASSE!
NÉ CON LA NATO NÉ CON MOSCA!
SABOTAGGIO DI CLASSE E INTERNAZIONALISTA DELLA MACCHINA DA GUERRA!
CONTRO IL MILITARISMO E LA GUERRA: PER L’AUTOGESTIONE DELLE LOTTE E LA RIVOLUZIONE SOCIALE!

☆ Alternativa Libertaria (AL/FdCA) – Italia
&☆ Gruppo Comunista Anarchico (ACG) – Gran Bretagna
&☆ Federazione Anarchica – Grecia
&☆ Aotearoa Workers Solidarity Movement (AWSM) – Aotearoa/Nuova Zelanda
&☆ Coordenação Anarquista Brasileira (CAB) – Brasile
&☆ Federación Anarquista de Rosario (FAR) – Argentina
&☆ Federación Anarquista Uruguaya (FAU) – Uruguay
&☆ Embat, Organització Llibertària de Catalunya – Catalogna
&☆ Libertäre Aktion (LA) – Svizzera
&☆ Gruppo Comunista Anarchico di Melbourne (MACG) – Australia
&☆ Organización Anarquista de Córdoba (OAC) – Argentina
&☆ Organización Anarquista de Santa Cruz (OASC) – Argentina
&☆ Organizzazione Anarquista di Tucuméan (OAT) – Argentina
&☆ Organisation Socialiste Libertaire (OSL) – Svizzera
&☆ Roja y Negra – Organizzazione anarchica (Buenos Aires) – Argentina
&☆ Tekoşina Anarşist (TA) – Rojava
&☆ Union Communiste Libertaire (UCL) – Francia, Belgio e Svizzera
&☆ Grupo Libertario Vía Libre – Colombia




Fonte: Anarkismo.net