Settembre 19, 2022
Da Umanita Nova
270 visualizzazioni

Il clima di guerra continua a rafforzarsi, in Italia come nel resto del mondo.

Il perdurare della guerra in Ucraina così come il moltiplicarsi dei conflitti in varie parti del pianeta fanno si che la guerra faccia parte ormai della nostra quotidianità.

In questo quadro si inserisce il recente rifinanziamento delle missioni militari all’estero, votato come sempre in maniera bipartisan in Parlamento.

Nonostante questa situazione di crescente militarizzazione sociale e di propaganda bellica portato avanti dai media mainstream, anche in questi ultimi mesi non sono mancate iniziative antimilitariste diffuse sui territori, in particolare contro le basi militari e le infrastrutture belliche.

Porteremo avanti il nostro impegno antimilitarista che ci vede da sempre attivi, sia come Federazione che all’interno delle varie situazioni di movimento; in particolare continueremo a sostenere il percorso dell’Assemblea Antimilitarista che vedrà nei prossimi mesi nuove scadenze alle quali ci impegniamo a partecipare.

Individuiamo nel 4 novembre una data in cui portare nelle piazze i nostri contenuti di lotta contro le spese militari, l’industria bellica, la militarizzazione delle città e dei paesi, i poligoni, le basi militari e le missioni all’estero, come tappa di una campagna di lungo periodo su questi temi.

Sosteniamo con forza il percorso intrapreso dal sindacalismo di base e conflittuale per un nuovo sciopero generale contro la guerra e l’economia di guerra previsto nei prossimi mesi. Sarà importante in questo senso costruire iniziative sia a livello locale che nazionale e ci impegneremo in tal senso.

Federazione Anarchica Italiana
Convegno di Empoli del 17-18 Settembre 2022




Fonte: Umanitanova.org