Ottobre 19, 2021
Da Le Maquis
83 visualizzazioni


Edito da Anarchismo, Catania, Luglio 1990, 68 p.

Questo libro nasce dall’intenzione polemica del suo autore di chiarire alcune interpretazioni poco corrette fornite da Papa e Fiori, recentemente, e da altri scrittori durante e subito il fascismo.
In questo modo esce limpida la figura di Michele Schirru, l’anarchico sardo fucilato durante il fascismo per avere cercato di mettere in atto, senza comunque riuscire a passare alla fase decisiva, un attentato contro Mussolini. Malgrado tutti i tentativi di oscurare e infangare il ricordo di questo coraggioso compagno che osò, fra i pochi, cercare di fare qualcosa contro l’oppressione del suo tempo, viene fuori il comportamento di un anarchico che non ha avuto fortuna nella sua azione ma che ne subisce tutte le conseguenze con fermezza davanti ai giudici e davanti al plotone d’esecuzione.

Link Download: https://mega.nz/file/uFRARB5L#N9n_7FqhyrQ0iyAokZKqUzw-90oc9u0pMwsgka0xsa4




Fonte: Lemaquis.noblogs.org