Novembre 4, 2022
Da Umanita Nova
193 visualizzazioni

Tempi di guerra e pandemia.

Protestare contro il sistema gerarchico/capitalistico è giusto, ma praticare autogoverno con l’azione diretta nei luoghi in cui si vive e si opera, fuori da qualsivoglia logica elettoralistica, è rivoluzionario. Oggi che i costi di beni e servizi di prima necessità continuano a crescere nel grande mare dello sfruttamento e delle ingiustizie sociali, oggi che le frontiere nazionali in nome della sicurezza reprimono sempre più il dissenso, discutere di libertà significa pensare a mettere in piedi e condividere pratiche di autogoverno per autodeterminare le nostre vite.

Il mutualismo contro lo stato di povertà che il sistema dominante impone alle nostre vite.

L’autoproduzione contro lo sfruttamento dell’attuale sistema gerarchico/capitalista.

La solidarietà e l’antimilitarismo contro le frontiere degli stati nazionali.

Il sindacalismo di base e autogestionario per l’auto-organizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori fuori dalle dinamiche padronali.

La pedagogia libertaria per una cultura libera e autogestionaria, accessibile davvero a tutte e tutti.

A partire dal libro “Quelli che Spezzano”, che racconta l’esperienza comunalista di Spezzàno Albanese in Calabria, l’autrice Tiziana Barillà e Domenico Liguori della FMB, considerate le richieste di già pervenute, comunicano che si rendono disponibili a intraprendere un “viaggio” tra le realtà sparse nel paese che fanno dell’autogestione, della solidarietà e dell’autogoverno la propria via verso la libertà.

Il “viaggio”, le cui date e località verranno di volta in volta comunicate, comprenderà tre tappe: novembre e dicembre al sud, inverno e primavera al centro e al nord.

L’intento dell’iniziativa è anche quello di raccogliere un prezioso materiale di studio e ricerca che possa essere utilizzato per ricomporre una sorta di mappatura delle esperienze libertarie nel paese.

Alla fine del “viaggio”, per tirare le somme e condividere le esperienze acquisite durante gli incontri e per interrogarci insieme sulla possibilità della prosecuzione del confronto e di eventuali iniziative comuni, la FMB e la Federazione Anarchica Spixana con la partecipazione di Tiziana Barillà propongono per la fine estate e inizio autunno del 2023 un convegno nazionale, a Spezzano Albanese.

Per info/comunicazioni, servirsi della email [email protected] .




Fonte: Umanitanova.org