188 visualizzazioni

Comitato regionale dei familiari delle vittime nelle Rsa annuncia impugnazione: “Daremo battaglia fino alla fine, non accettiamo le motivazioni dei pm che parlano di evento eccezionale”. Libro verde: “Ci lascia basiti l’incapacità o non volontà di ammettere gli errori”.

22 Dicembre 2020 – 13:06

La Procura di Bologna ha chiesto l’archiviazione dei fascicoli aperti sui decessi che durante la pandemia di Covid-19 si sono registrati nelle strutture per anziani Saliceto (gestita da Asp) e Villa Rodriguez a San Lazzaro, oggetto di esposti presentati nei mesi scorsi da parte dei parenti delle vittime. Gli familiari però annunciano di voler impugnare la decisione dei magistrati: “Daremo battaglia fino alla fine- dice il Comitato regionale dei familiari delle vittime nelle Rsa– non accettiamo le motivazioni della Procura, che parla di evento eccezionale: sono assurde. E’ un circolo vizioso, non si può liquidare la faccenda in questo modo”. Nei giorni scorsi era arrivata “un’altra doccia fredda”, sottolinea sempre il Comitato: cioè una richiesta di archiviazione anche da parte della Procura di Modena, in questo caso per l’Opera Pia Castiglioni di Formigine (su cui i familiari avevano presentato cinque esposti) e per Villa Margherita, la struttura dove lavorava l’operatrice 36enne Anna Caracciolo, una delle vittime più giovani del Covid in Emilia-Romagna. “Abbiamo imparato dalla stampa della richiesta di archiviazione- lamentano i familiari- a noi non è arrivato ancora nulla”. I legali del Comitato hanno per questo presentato una richiesta urgente di accesso agli atti, per poter fare ricorso. Contro le richieste di archiviazione si esprime anche il comitato di familiari e operatori Libro Verde: “Ci lascia basiti l’incapacità o non volontà di ammettere i propri errori, al passato non è possibile porre rimedio. Chi non è più tra noi non potrà essere rimpiazzato da sentenze di tribunale da parte di una giustizia di cui ben conosciamo i limiti, come dimostrano le ultime archiviazioni da parte di varie Procure”.




Fonte: Zic.it