Febbraio 28, 2022
Da Antiautoritari Di Valtellina
171 visualizzazioni

E M E R G E N Z A e O C C A S I O N I

In televisione, sui quotidiani, ovunque si parla di pandemia, restrizioni, decreti legge in vigore da dopo domani… Ma restano molti i dubbi: 

Green Pass e vaccini hanno davvero a che fare con la tutela della salute?



Alcune cose sono ormai chiare a tutti! I protocolli sanitari ufficiali imposti con l’esclusione di cure efficaci, diverse hanno contribuito ad aumentare l’emergenza. In questo modo si è ottenuta la rassegnazione della gente che ha accettato “vaccini” come l’unica e definitiva soluzione, restrizioni, green pass.

Oggi ci vuole meno tempo a bere il caffè che a farsi leggere il codice QR del greenpass! In fin dei conti di capisce che, come nel caso delle calamità e dei terremoti, l’emergenza ha giovato a qualcuno. Anzi per qualcuno è stata proprio una bella ‘occasione’.

L’Occasione di fare business Come Governo, istituzioni e mondo scientifico, anche Lobby e case farmaceutiche non sono mosse da dallo scopo del bene di tutti, ma da interessi economici e di potere. Per i nuovi vaccini sperimentali sono disposte a rischiare sulla salute di tutti. Non è la prima volta che accade; casi simili sono speculazione finanziaria, produzione di armi, la ricerca su veleni e armi batteriologiche…: guadagno e potere non sono frenati da questioni etiche.

L’Occasione per la manipolazione genetica E’ stato messo in circolazione, chiamandolo vaccino, un prodotto sperimentale a base di mRna o Dna ricombinante. Un precedente che apre la strada alla manipolazione genetica del corpo umano. L’idea che sia giusto e ammissibile potere intervenire sul Genoma deriva dall’ideologia del Transumanesimo, a cui aderiscono moltissimi scienziati e personaggi di business e politica. Questa ideologia vede la natura e i corpi biologici come imperfetti, su cui è necessario intervenire anche con manipolazione genetica.

L’Occasione per controllo sociale Ben prima del  Green-pass (già dal 2015), c’era l’intenzione di imporre l’identità digitale sotto la forma di ‘lascia passare sanitario’. In futuro ciascuno dovrà essere dotato di codici a barre QR e di altridispositivi per poter conservare dei diritti. Ora sono smartphone o orologi smart, domani saranno dispositivi inseriti nei nostri corpi, con una iniezione, o ingoiati come una pastiglia. Non ci sarà una imposizione improvvisa, ma un cambiamento graduale, grazie ai potenti flussi di dati delle reti 5g e 6g: motivo per cui di recente sono state risintonizzate le antenne dei televisori e sono state Tirate strisce di fibre ottiche nelle strade di tutta Italia. Tutto questo causerà una progressiva perdita di libertà e autonomia: ovviamente non verrà detto esplicitamente, nelle pubblicità e nei messaggiistituzionali si parlerà di comodità, sicurezza e tutela della salute, di solidarietà e rinunce necessarie per il bene di tutti.

Tirando le somme, abbiamo attorno a noi concreti indizi del cambiamento in atto.

Manca però la ‘visione complessiva’ della direzione verso cui ci stanno portando. Ci sembra di subire passivamente decisioni di altri, senza muovere un dito, accettando tutto. Questo discorso va al di là delle misure sanitarie e di questa emergenza, ma dice tanto del futuro che abbiamo davanti, per noi, i nostri figli, i nostri nipoti.

Dovremmo forse pensare a noi e anche a loro…

IL VERO VOLTO DELLE MULTINAZIONALI DEL FARMACO

Big Pharma, l’unione delle maggiori multinazionali farmaceutiche, finanzia per oltre l’80% l’EMA (l’agenzia europea dei medicinali che autorizza i farmaci sul mercato). Inoltre un quarto dei membri del consiglio amministrativo dell’EMA risulta avere legami con l’industria farmaceutica. L’OMS, è finanziata per l’80% da privati che mirano ad accrescere i propri introiti, uno dei maggiori finanziatori è la fondazione di Bill Gates. La farmaceutica risulta essere il terzo business più redditizio al mondo, dopo finanza e petrolio, con un giro d’affari di mille miliardi di dollari l’anno; il fatto che l’industria del farmaco finanzi quelli che dovrebbero essere gli organi di controllo la dice lunga sull’oggettività di questi enti. Si dà il caso che le reazioni avverse create dai farmaci sono tra le prime cause di morte dopo patologie cardiache e oncologiche. Scandali, sperimentazioni e farmaci pericolosi per la salute non possono essere considerati come dei semplici casi sporadici, bensì prassi comune del loro procedere. La memoria storica anche in questo caso è fondamentale: la storia di Big Pharma ci fornisce gli strumenti per comprendere ciò che stanno facendo ora, dove oltre alla crescita economica vi è quella politica.

PFIZER: Protagonista di numerosi scandali che hanno visto l’azienda affrontare migliaia di cause legali: la più famosa è il Contenzioso di Kano dove, col pretesto di curare un’epidemia di meningite Pfizer ha sperimentato su bambini e bambine nigeriani il farmaco Trovan causando morti e danni permanenti. Con una multa da pagare di oltre 2 miliardi di dollari, la più salata mai pagata da un’azienda farmaceutica, Pfizer si dimostra un’azienda senza scrupoli.

JOHNSON&JOHNSON: Oltre ad essere orgogliosamente partner di organizzazioni militari, ha subito molteplici richiami per aver autorizzato la vendita di farmaci dagli effetti avversi, come il Risperdal, che provoca ginecomastia; è stata condannata nel 2021 per il borotalco contaminato di amianto, che ha causato cancro alle ovaie in moltissime donne: l’azienda per anni ha continuato a commercializzarlo, negando le evidenze. Il suo “vaccino covid” inoltre contiene OGM, come specificato nel proprio foglio illustrativo.

modeRNA: Prima del “vaccino” per il covid (ricordiamo che le procedure di emergenza hanno permesso di saltare e abbreviare le fasi sperimentali tradizionali) nessun farmaco di questa azienda ha mai superato le fasi di sperimentazione clinica ed è quindi stato autorizzato alla vendita. È inoltre partner della Bill & Melinda Gates Foundation e del DARPA, l’agenzia governativa militare degli USA.

ASTRAZENECA: Nel 2010 l’azienda è stata multata per 520 milioni di dollari per aver pubblicizzato e utilizzato un farmaco non approvato in USA: il Seroquel, che provoca il diabete ed è ancora venduto in Italia. Il suo vaccino contiene OGM, come confermato dal foglio illustrativo.

BI LL GATES: tra i più ricchi affaristi al mondo, nel 2017 fonda GAVI, partnership nata per promuovere vaccini nuovi o sottoutilizzati. Ha fondato con la moglie la “Bill e Melinda Gates foundation” che copre da sola il 10% delle entrate private dell’OMS, da cui si evince l’influenza che ha nelle scelte e nelle decisioni di quest’ente. Al forum annuale di Davos del 2019 ha confessato che il business dei vaccini è molto vantaggioso in quanto in vent’anni gli ha fruttato venti volte tanto.

L’INDUSTRIA BELLICA: Sempre col pretesto della sicurezza investe per sviluppare le cosiddette armi biologiche: si va da ricerche per “riportare in vita” virus letali come “la spagnola” alla creazione attraverso tecniche sempre più sofisticate di nuovi virus ingegnerizzati al fine di essere più contagiosi e letali, in modo da poterli utilizzare nei futuri conflitti, compresi quelli sociali. Più voci hanno dichiarato che lo stesso SARS-CoV-2 (covid 19) è stato creato in laboratorio.

Scarica il pdf (che è più bello!):

http://foglieretici.noblogs.org/files/2022/02/Occasione-def.pdf




Fonte: Foglieretici.noblogs.org