Settembre 14, 2021
Da Hurriya
49 visualizzazioni


Dichiarazione della famiglia di Alaa Abd El Fattah: la vita di Alaa è in pericolo. Dice di aver raggiunto il punto di rottura!

“La vita di Alaa è in pericolo”

Domenica 12 settembre Laila Soueif, la madre di Alaa Abd ElFatah, era al complesso carcerario di Tora per consegnare provviste e lettere ad Alaa e per ricevere una sua lettera. Questa è una routine settimanale stabilita dal momento dell’arresto e dell’imprigionamento di sua sorella Sanaa il 23 giugno 2020. Questa volta però l’ufficiale responsabile l’ha informata, senza offrire alcuna spiegazione, che non c’era nessuna lettera di Alaa. Dopo aver aspettato per ore senza altre informazioni, abbiamo optato per attendere fino al giorno successivo, quando Alaa sarebbe dovuto comparire in tribunale per una revisione della sua custodia cautelare, sperando di sentire che quanto accaduto ieri fosse un intoppo burocratico. Invece, quando abbiamo saputo quello che è successo in tribunale, e quello che Alaa ha detto al giudice e ai suoi avvocati, siamo stati presi dalla rabbia e dal panico.

Alaa è stato trasferito oggi all’Istituto dei sergenti di polizia di Tora in un convoglio di sicurezza privata separato. Sebbene sia stato tenuto in una cella isolata – separandolo dal resto dei prigionieri – nel seminterrato dell’istituto, non ha partecipato all’udienza di rinnovo della sua detenzione, e appena terminata la sessione, lo hanno riportato in prigione senza farlo comparire davanti al giudice o permettergli di incontrare gli avvocati. Dopo che gli avvocati hanno insistito per vedere Alaa e hanno spiegato le circostanze di ciò che è successo con sua madre e la nostra necessità di assicurarci che stia bene, il giudice ha ordinato la sua presenza, ed è stato fatto.

Alaa è stato sorpreso che il rinnovo della sua detenzione abbia avuto luogo e che la sessione si sia conclusa senza che lui fosse presente. Ha parlato delle continue violazioni contro di lui nella prigione di alta sicurezza 2 di Tora, e della sua presa di mira da parte dell’ufficiale della sicurezza nazionale che qui comanda, e dell’incapacità della procura di proteggerlo e di rispondere alle sue ripetute denunce e segnalazioni. E ha concluso le sue parole agli avvocati con un messaggio a sua madre: “Dite a Laila Soueif di ricevere le condoglianze per me”.

Oggi, Alaa è prigioniero nella prigione di alta sicurezza 2 di Tora, in attesa del processo di emergenza per la sicurezza dello stato numero 1356/2019, da quasi 2 anni, che è il periodo massimo di detenzione preventiva secondo la legge egiziana. Ci si aspetta che il caso venga presto deferito al tribunale, perché tutte le indicazioni confermano l’insistenza dello stato nel continuare la detenzione di Alaa a tempo indeterminato.

Alaa è detenuto in una cella di un carcere di massima sicurezza, in pessime condizioni, dalla notte del suo arrivo in prigione e dall’aggressione subita fino ad oggi. La gravità – e la schiettezza – delle violazioni praticate dall’amministrazione penitenziaria del carcere di alta sicurezza 2 di Tora è aumentata esponenzialmente negli ultimi mesi verso tutti i prigionieri in generale, e verso Alaa in particolare, dopo che abbiamo presentato più di una denuncia contro il direttore del carcere, il capo delle indagini del carcere Wael Hassan, e l’ufficiale della sicurezza nazionale responsabile del carcere, Walid Ahmed Al-Dahshan, conosciuto come “Ahmed Fekry” all’interno del carcere di Tora.

Tutto ciò, e tenendo conto che Alaa si sposta tra le varie prigioni di Tora dal 2013 e le violazioni sempre più gravi che è costretto a subire quotidianamente, sotto un’amministrazione carceraria che non rispetta e non è soggetta alle leggi, una procura che ignora completamente tutte le nostre comunicazioni e chiamate SOS, e agenti che si impegnano a continuare i loro crimini aumentando i danni che infliggono, è ciò che lo ha portato al punto in cui ci troviamo oggi: il punto in cui Alaa medita il suicidio.

Noi, la famiglia di Alaa, abbiamo seguito tutte le vie legali disponibili, ci siamo appellati a tutte le parti e a tutti i funzionari, e abbiamo usato tutti i mezzi di protesta pacifica per presentare la nostra posizione e per chiedere la fine della presa di mira della famiglia e degli abusi sui suoi membri, specialmente Alaa.

E ora ci troviamo qui: Alaa è in pericolo imminente, la sua salute mentale sta cedendo dopo due anni di attenta pianificazione e crudele attuazione da parte del Ministero degli Interni e della Sicurezza Nazionale, e lui manda un messaggio a sua madre per iniziare a ricevere condoglianze per la sua morte! La sua vita è in pericolo, in una prigione che opera completamente al di fuori dello spazio della legge e nel completo disprezzo di tutti i funzionari, in primo luogo il Pubblico Ministero, il Ministro degli Interni, il Ministro della Giustizia, e naturalmente il Presidente.

Salvare la vita di Alaa
Salvare la vita degli altri membri della nostra famiglia
Fermare i crimini del Ministero degli Interni nella prigione di alta sicurezza di Tora 2

La famiglia di Alaa Abdel Fattah
13 settembre 2021

#FreeAlaa
#SaveAlaa




Fonte: Hurriya.noblogs.org