Settembre 22, 2022
Da USI-CIT - Unione Sindacale Italiana
170 visualizzazioni

Giuliano De Seta, studente di 18 anni è morto oggi a Noventa di Piave schiacciato da una lastra metallica mentre lavorava come tirocinante in un fabbrica metalmeccanica in evidente assenza di alcuna misura di sicurezza.

Giuliano è il terzo studente che dall’inizio dell’anno è stato ucciso sul luogo di sfruttamento-lavoro e va a sommarsi a tutti gli altri lavoratori e lavoratrici che hanno subito la stessa sorte (più di 600 fino a luglio 2022) nell’impunità e il disinteresse di chi invece dovrebbe tutelarli.

Basta morti sul lavoro

Basta con le micidiali esperienze di “ Alternanza – Sfruttamento – Lavoro”

Il sindacalismo di base e conflittuale verso lo sciopero generale per arginare lo sfruttamento sociale, operaio e studentesco in un contesto regolato dall’ Economia di guerra che colpisce i salari, incrementa e giustifica lo sfruttamento, azzera i diritti.

ADL Varese, A.L. COBAS, COBAS SARDEGNA, CONFEDERAZIONE COBAS, CUB, LMO (LAVORATORI METALMECCANICI ORGANIZZATI), SGB (SINDACATO GENERALE DI BASE), SGC (SINDACATO GENERALE DI CLASSE), SICOBAS, SOA (SINDACATO OPERAI AUTORGANIZZATI), UNICOBAS-CIB, USB, USI-CIT




Fonte: Usi-cit.org