Aprile 25, 2022
Da Radio Blackout
207 visualizzazioni

Da giorni la Turchia di Erdogan ha ripreso l’offensiva nei confronti del Kurdistan, in particolare colpendo le basi del Partito dei Lavoratori del Kurdistan nel nord dell’Iraq e nel nord est della Siria. Da giorni le operazioni aeree e terrestri si susseguono con l’obiettivo di proseguire l’attacco nei confronti dell’esperienza del confederalismo democratico, dell’autodeterminazione del popolo curdo e delle sue forme organizzative. In questa fase, la guerra in Ucraina assume un ruolo non ininfluente nella scelta di Erdogan di avanzare con i bombardamenti, il tutto sotto silenzio a livello internazionale e con il sostegno di Barzani.

Ne abbiamo parlato con Jacopo, compagno internazionalista.





Fonte: Radioblackout.org