Maggio 4, 2021
Da Radio Blackout
95 visualizzazioni


Il palco del concertone del primo maggio, il cui principale sponsor quest’anno era l’ENI, il gigante energetico italiano, che orienta le politiche neocoloniali dell’Italia in Africa e non solo, ha puntato per la propria operazione di pinkwashing su Fedez, abile comunicatore, che si è fatto promotore del DDL Zan, suscitando l’indignazione ad orologeria di Salvini, dell’immancabile Pillon, e una polemica sulle ingerenze censorie della RAI.
Un bel polpettone che ha animato l’intero settimana ed ha trasformato Fedez in nuovo eroe di certa sinistra perbene a caccia di voti per la competizione elettorale di settembre.
Curiosa l’ingenuità dei dirigenti RAI nel gestire Fedez nella telefonata di pressioni private, divenuta un tormentone sui social, dove si è scatenato un tifo da stadio. Come non immaginare che uno che vive in diretta continua sui social avrebbe filmato e registrato ogni parola? Fedez ha regalato ai propri sponsor anche l’occasione per tentare un rimpasto in RAI, che il governo giallo-verde aveva colonizzato, senza neppure concedere qualche poltrona ai perdenti.
Questa vicenda ci interroga sulla politica all’epoca del marketing, quando per “vendere” un prodotto serve un testimonial efficace, che – non casualmente – passa in due giorni dal DDL Zan allo smalto per le unghie. I pubblicitari che gestiscono queste operazioni hanno in mano statistiche ricavate dai dati che tanti di noi mettono a disposizione gratuitamente. Il cerchio si chiude.

Sullo sfondo, remote, ancora una volta invisibilizzate, le vite concrete delle persone lgbtiq, che ogni giorno devono fare i conti con l’omotransfobia, con gli insulti, la violenza, le discriminazioni.
Una ragione in più per dare forza ai percorsi di autonomia politica, di sottrazione conflittuale dai teatri della politica e del marketing.

Abbiamo commentato la notizia con Sbrock, conduttore di Malormone

Ascolta la diretta:





Fonte: Radioblackout.org