235 visualizzazioni

Da Casa Vacante: dovranno uscire “entro la fine dell’anno” gli avvisi pubblici sul futuro di via Capo di Lucca 16 e di altri immobili di cui l’amministrazione può disporre in tempi rapidi, per destinare gli spazi “ai nuovi bisogni e ai nuovi poveri” e garantire “autonomia di gestione” a chi andrà ad abitarci.

24 Novembre 2022 – 18:48

Gli occupanti di Casa Vacante, a Bologna, intendono mantenere la parola e, in conferenza stampa, annunciano che “in queste ore” lasceranno la palazzina di via Capo di Lucca 22 dopo che la Giunta comunale ha annunciato che l’immobile non sarà più venduto ma sarà al contrario destinato a “progetti innovativi di abitare collaborativo”.

Le dichiarazioni degli assessori Emily Clancy e Luca Rizzo Nervo “per noi rappresentano atti pubblici vincolanti”, sottolinea uno degli occupanti, “siamo persone serie e abbiamo detto che eravamo pronti a restituire le chiavi dell’immobile” se il Comune avesse lanciato determinati segnali e ora “daremo seguito a questa cosa. Sarebbe un atto di egoismo sottrarsi alla sfida che avevamo lanciato”.

Tuttavia, questo è “solo il primo tempo di Casa vacante”. Da domani “vigileremo” affinchè alle assicurazioni dell’amministrazione “venga data concretezza”. In particolare, dovranno uscire “entro la fine dell’anno” gli avvisi pubblici sul futuro di via Capo di Lucca 16 e di altri immobili di cui il Comune può disporre in tempi rapidi, dovranno essere rivolti “ai nuovi bisogni e ai nuovi poveri” e garantire “autonomia di gestione” a chi andrà ad abitare in questi edifici. Le e gli occupanti si augurano che sia possibile “replicare questa scelta per tutti gli altri immobili sfitti in città” e che il Comune decida “misure di regolamentazione degli affitti brevi”.




Fonte: Zic.it